Degli 820mila passeggeri che erano soliti viaggiare ogni giorno con Trenord, al momento quelli che attualmente utilizzano i mezzi di trasporto del servizio ferroviario regionale lombardo sono circa 500mila, dunque il 60 per cento. I dati sono stati diffusi in una nota dall'amministratore delegato dell'azienda Marco Piuri, intervenuto oggi durante i lavori della V Commissione del Consiglio Regionale "Territorio e Infrastrutture". Trenord ha reso noto che i posti a disposizione dei passeggeri sono un milione e 88mila, cioè 68mila in più rispetto al 2019 (+7 per cento).

200 milioni di euro di mancati incassi sul 2020

"Se il trend rimarrà quello attuale, solo nell’ultimo trimestre del 2020 arriveremo a trasportare 40milioni di passeggeri: si tratta di numeri enormi, ma molto al di sotto degli standard di Trenord – ha spiegato Piuri – il calo dei viaggiatori a causa dell’emergenza sanitaria si ripercuote inevitabilmente sui ricavi, ovvero circa 200 milioni di euro di mancati incassi sul 2020, per cui i Regolamenti europei prevedono compensazione". Al momento, così come disposto dalle direttive nazionali, la capienza massima dei treni è all'80 per cento: negli scorsi mesi Trenord ha introdotto una funzione all'interno dell'app ufficiale che indica i livelli di riempimento del treno in arriva.

Sciopero Trenord il 15 e 16 novembre

Intanto ieri mattina il sindacato Orsa Ferrovie ha proclamato un nuovo sciopero del personale di Trenord per il prossimo 15 e 16 novembre: la protesta annunciata dal sindacato riguarderà tutto il personale dipendente, sia addetto, sia non addetto alla circolazione dei treni in servizio. Lo scioperò inizierà dalle 3 di domenica 15 novembre e proseguirà fino alle 2 di lunedì 16 novembre. Il personale attivo negli impianti che prevedono la chiusura nei giorni di domenica sciopererà invece nella sola giornata di lunedì 16, da mezzanotte a mezzanotte. Tra questi operatori Orsa elenca il personale in ufficio, in alcune biglietterie e negli impianti di manutenzione. Non sono ancora note le informazioni sulle fasce protette e sul servizio di collegamento per l'aeroporto di Malpensa.