Lo ha pedinato in auto fino all'esterno della scuola del figlio dove la vittima si era recata come faceva tutti i giorni, a quel punto gli ha tagliato la strada e lo ha costretto ad uscire dalla vettura iniziando un litigio culminato in un accoltellamento. È accaduto nel pomeriggio di ieri a Segrate e i protagonisti di questa vicenda sono due uomini che secondo quanto ricostruito finora dalle forze dell'ordine sarebbero rispettivamente marito e amante di una donna che dopo due anni di relazione extraconiugale ha deciso di interrompere proprio il rapporto con l'uomo, un 47enne residente a Pioltello.

Gli ha tagliato la strada con l'auto e lo ha costretto a un confronto

Quest'ultimo però non avrebbe accettato la decisione della donna continuando a contattarla, cosa che avrebbe suscitato la reazione del marito della donna che ha deciso così di confrontarlo. Un confronto terminato nella violenta aggressione sulla quale sono ora al lavoro i carabinieri del compagnia di San Donato Milanese.La vittima si trova ora ricoverata all'ospedale Città Studi di Milano dove è stata trasportata ieri in codice giallo: al momento non è in pericolo di vita. Stando a quanto riportato dai militari l'arma per fortuna è riuscita a fermarsi a pochissimi centimetri dalla giugulare e dalla carotide e grazie agli immediati soccorsi non ha provocato lesioni ai grandi vasi. Mentre l'aggressore, 51 anni e residente a Cernusco sul Naviglio, è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio. L'uomo, incensurato, intorno alle 15 di ieri ha pedinato la vittima con la macchina mentre stava andando a prendere il figlio in una scuola di Segrate riuscendo a raggiungerlo poco prima che lo stesso raggiungesse l’istituto scolastico tagliandogli la strada con la propria autovettura e costringendolo a fermarsi.

L'uomo è accusato di tentato omicidio

Tra  i due è nato un violento litigio terminato solo quanto il 51enne ha prima colpito con un pugno sull’occhio la vittima e poi lo ha accoltellato al collo, scappando di corsa e facendo perdere le sue tracce. I carabinieri che si sono immediatamente attivati allertati da alcuni testimoni che hanno assistito all'aggressione hanno rintracciato l'aggressore nella sua abitazione di Cernusco sul Naviglio: l'uomo ha subito confessato l'accaduto. Arrestato, è stato portato nel carcere di San Vittore a Milano in attesa dell'interrogatorio di garanzia dinanzi al giudice per le indagini preliminari.