50.938 CONDIVISIONI
26 Luglio 2021
17:55

Ragazzo in piazza contro i no-vax: “Mio padre medico è morto di Covid, il vaccino lo avrebbe salvato”

Marco Natali, un ragazzo di 22 anni che vive nel Lodigiano, è sceso in piazza contro i tanti no-vax che stano manifestando contro il Green Pass. Dopo aver sentito uno di loro dire che i tanti morti Covid non esistono ha gridato la sua storia: “Sono il figlio di uno dei primi medici morti di Covid a marzo dello scorso anno. Se mio padre avesse avuto la possibilità di vaccinarsi ora sarebbe qui con noi”.
A cura di Giorgia Venturini
50.938 CONDIVISIONI
Marco Natali in mezzo alla manifestazione di Lodi. Foto de Il Cittadino di Lodi.
Marco Natali in mezzo alla manifestazione di Lodi. Foto de Il Cittadino di Lodi.

Da una parte ci sono i centinaia di manifestanti con il Green Pass che per ore in piazza a Lodi hanno gridato "tutti i morti di Covid non esistono, li uccidono in ospedale" e dall'altra c'è Marco Natali che con tutto il fiato che aveva in gola ha raccontato la loro storia ai tanti no-vax presenti. "Ho ventidue anni. Il 18 marzo dell'anno scorso mio padre è morto di Covid. Faceva il medico: è morto sette giorni dopo avermi detto che non riusciva a respirare", racconta così Marco le cui parole sono riportate su Il Cittadino di Lodi. Il giovane non sapeva neanche che era in programma la manifestazione e che si trattasse di una protesta no vax: si è trovato in mezzo e ha dato sfogo alle sue ragioni. In un primo momento i manifestanti hanno applaudito, come se fosse uno di loro. Ma non avevano capito nulla: "Io non la penso come voi. Se mio padre avesse avuto la possibilità di vaccinarsi, ora sarebbe ancora qui con noi".

Il padre uno dei primi medici morti di Covid

Marco Natali ha gridato in mezzo alla piazza dopo che una donna ha preso la parola per ripetere più volte che "tutti i morti di Covid non esistono". Così – come lui stesso dice – "ho perso le staffe. Eppure io sono una persona tranquilla". Poi continua: "Nessuno si è mai permesso di dire una cosa del genere in mia presenza. Puoi dire e fare quello che vuoi. Ma se dici una cosa del genere in mezzo alla piazza stai superando i limiti. Perché puoi essere contro il Green Pass ma non puoi negare i morti Covid". E Marco ne sa qualcosa: suo padre, Marcello Natali, è uno dei primi medici morti in corsia a causa del Covid. Prestava servizio a Caselle Landi, in provincia di Lodi. Poi il ricovero prima a Cremona e poi in terapia intensiva a Milano. In paese lo conoscevano tutti: il giorno del suo ricovero aveva scritto al sindaco scusandosi che non poteva più visitarlo, come d'accordo. Un messaggio di scuse prima di finire tra i pazienti Covid in ospedale. Per questo a Marco Natali ha voluto precisare che il vaccino avrebbe salvato suo padre. Oggi Marco studia chimica a Ferrara e per questo come suo padre "credo nella medicina".

50.938 CONDIVISIONI
In Lombardia sono 393 gli operatori sanitari no vax sospesi
In Lombardia sono 393 gli operatori sanitari no vax sospesi
Mamma non vaccinata muore di Covid, la famiglia: "Agnese non era no-vax"
Mamma non vaccinata muore di Covid, la famiglia: "Agnese non era no-vax"
Il primario che cura i no vax: "Non si pentono, pensano di evitare il vaccino con la malattia"
Il primario che cura i no vax: "Non si pentono, pensano di evitare il vaccino con la malattia"
2.552 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni