La protesta degli ambulanti paralizza il centro di Milano. Centinaia di persone scese in piazza per protestare contro le chiusure imposte dalle misure anti Covid hanno prima tenuto un presidio di fronte al Pirellone in piazza Duca d'Aosta, bloccando traffico e mezzi pubblici di fronte alla stazione Centrale. poi si sono mossi in corteo verso corso Buenos Aires.

Il corte si è mosso tra cori "il mercato non si tocca" e "vogliamo lavorare", ma poche centinaia di metri più avanti è stato fermato dalla polizia all'angolo fra via Vitruvio e via Tadino. La marcia degli ambulanti si è quindi fermata di fronte allo schieramento di forze dell'ordine ed è iniziata una trattativa tra i rappresentanti dei manifestanti e i responsabili della pubblica sicurezza, con momenti di tensione ma nessun incidente. In seguito i furgoni hanno potuto riprendere la marcia accompagnati dal suono dei clacson e dagli applausi dei presenti.

In parallelo si è svolta anche una protesta degli operatori dei bus turistici tra via Tonale, viale Zara e via Melchiorre Gioia, alla periferia nord della città. Manifestano anche i lavoratori di Alitalia in presidio in via Filzi 22, davanti al Consiglio regionale della Lombardia.

Pesanti gli effetti sul traffico nel capoluogo lombardo e sui mezzi pubblici. Atm ha annunciato che per consentire lo svolgimento della manifestazione partita da piazza Duca D'Aosta sono stati modificati i percorsi del tram 5 (saltano le fermate tra viale Tunisia/Lazzaretto e viale Zara/Marche) del tram 9 (in direzione Centrale capolinea temporaneo in Vittorio Veneto/Lazzaretto), del tram 10 (in direzione Lunigiana capolinea temporaneo in Vitruvio/Settembrini) del bus 60 (saltano le fermate tra Vitruvio/Settembrini e via Galvani) e bus 81 (saltano le fermate tra Vitruvio/Settembrini e Melchiorre Gioia).