31 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Preso a bastonate perché accusato di aver rubato la droga: ragazzo finisce in ospedale con un trauma cranico

I carabinieri della Compagnia di Monza hanno arrestato questa mattina otto persone con l’accusa, a vario titolo, di tentata estorsione, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
A cura di Giorgia Venturini
31 CONDIVISIONI
Immagine

Otto persone sono state arrestate nella mattinata di oggi sabato 4 novembre dai carabinieri della Compagnia di Monza che hanno eseguito un'ordinanza di misura cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale. L'accusa, a vario titolo, è di tentata estorsione, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Sei degli arrestati ora si trovano in carcere mentre due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Immagine

A far scattare le indagini coordinate dalla Procura di Monza è stata la denuncia in un cittadino ucraino 29enne nei confronti di un gruppo di albanesi che lo accusavano del furto di una partita di droga: gli spacciato aveva costretto il ragazzo a risarcirli di 15mila euro fino ad aggredirlo a colpi di bastone tanto da provocargli un trauma cranico.

Le investigazioni hanno consentito di identificare gli autori dell’aggressione e ricostruire una fitta rete di spacciatori attiva nelle province di Como e Monza, in grado di immettere sul mercato grossi quantitativi di cocaina, anche 10 chili. Dalle indagini non solo è emersa l'aggressione al 29enne ma anche vari episodi di spaccio: gli arrestati consegnavano la droga a domicilio oppure tramite appuntamenti concordati. La droga veniva nascosta in un condominio di Monza, dove erano stati depositati 600 grammi di cocaina, e in un appartamento in Seveso, in Brianza, dove due fratelli custodivano 16 chili di cocaina e 900 grammi di hashish, oltre che migliaia di euro in contati.

31 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views