(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Ha preteso di salire sul bus senza indossare la mascherina e dopo esser stato rimproverato dall'autista gli ha sputato in faccia. Autore del gesto è un ragazzino di circa 15 anni che martedì 5 gennaio verso le 16.15 era in compagnia di una sua coetanea alla fermata dell'autobus di Pozzaglio, in provincia di Cremona, quando avrebbe insistito nel voler salire sul mezzo pubblico senza le adeguate protezioni di sicurezza. Stando infatti alle primissime informazioni, il ragazzino una volta salito sul bus della linea extraurbana Cremona-Pontevico sarebbe stato ripreso dall'autista perché senza mascherina. Il richiamo però non è stato gradito dal 15enne che ha risposto sputando addosso al conducente dell'autobus.

Ancora sconosciuta l'identità del ragazzino

Al momento i carabinieri, intervenuti sul posto, non hanno ancora identificato il ragazzino che, dopo l'accaduto, è scappato via. Il conducente, invece, è stato messo in quarantena preventiva e il mezzo sottoposto a sanificazione, come riporta la testata locale "La Provincia di Cremona". Fortunatamente sul mezzo non c'erano passeggeri: il bus infatti era diretto al capolinea in città per la fine della sua corsa.

Lo scorso 23 settembre una donna aveva sputato in faccia a due agenti

Non è l'unico episodio simile in questi mesi in pandemia. Lo scorso 23 settembre una donna, nota per essere una “negazionista del Coronavirus”, è entrata in un supermercato di Cernusco sul Naviglio, alle porte di Milano, senza indossare la mascherina per poi aggredire gli agenti di polizia, che hanno cercato di fermarla, con calci e sputi. Tanto che i poliziotti si sono dovuti sottoporre a tampone, mentre per la donna è scattata la denuncia per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.