1.033 CONDIVISIONI
Omicidio di Laura Ziliani: arrestate le figlie
27 Settembre 2021
10:41

Omicidio Ziliani, prima di morire Laura scrisse agli amici: “Festa della mamma, vado dalle mie bimbe”

Il 7 maggio 2021 Laura Ziliani, l’ex vigilessa scomparsa il giorno successiva, era andata nella sua casa di Temù per trascorrere la Festa della Mamma in compagnia delle due figlie. Venerdì scorso le due, insieme al fidanzato della maggiore, sono state arrestate con l’accusa di aver ucciso Ziliani e aver nascosto il corpo.
A cura di Ilaria Quattrone
1.033 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio di Laura Ziliani: arrestate le figlie

Le ultime notizie di Laura Ziliani, l'ex vigilessa scomparsa a Temù (Brescia), si hanno il 7 maggio 2021. La donna aveva deciso di festeggiare la Festa della Mamma, in compagnia delle sue figlie. Quelle stesse figlie che venerdì scorso sono state arrestate con l'accusa di aver ucciso la madre e averne nascosto il cadavere. E, dall'ordinanza di custodia cautelare, emergono dettagli agghiaccianti: Ziliani la sera prima della sua sparizione aveva inviato al compagno la foto di una torta trovata in frigo, dolce che Mirto Milani – il fidanzato della figlia maggiore e anche lui arrestato per le stesse accuse – aveva mostrato alla vicina di casa. Non solo. Prima di non avere più sue notizie, la 56enne aveva scritto sul gruppo Whatsapp, degli amici con cui era solita organizzare le escursioni, che non avrebbe partecipato alla gita dell'8 maggio perché "Io Festa della mamma, vado dalle mie bambine". 

Laura era una donna solare e vivace

A fornire questo nuovo particolare è Luca Bonfà, membro del Cai di Brescia, che in un'intervista al quotidiano "Il Giornale di Brescia" racconta di una donna "energica e dinamica" così come l'avevano descritta il compagno Riccardo Lorenzi e una delle più sue care amiche Emanuela Ravizza descrivendola come "solare, vivace e amante della compagnia". Eppure proprio in quel giorno in cui avrebbe dovuto festeggiare con le sue "bimbe" la Festa della Mamma, Laura è morta. Le due figlie sono accusate di averla prima narcotizzata con del "benzopam" – tracce del farmaco sono state trovate nel suo corpo – e poi di averla soffocata nel sonno.

Il gip: Dimostrata una non comune freddezza

Nell'ordinanza di custodia cautelare emerge come Silvia e Paola, in parte manipolate da Mirto, abbiano dimostrato "un'efficienza criminale" spaventosa: secondo le indagini degli inquirenti, il trio avrebbe ucciso la donna e poi nascosto il cadavere per tre mesi. Avrebbero poi dato vita a un piano ben studiato al solo scopo di poter poi ottenere il patrimonio di Ziliani e risanare i loro problemi economici. A sconvolgere è soprattutto il fatto che, nonostante l'età e l'assenza di precedenti, avrebbero dimostrato una "non comune freddezza".

1.033 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni