304 CONDIVISIONI
Omicidio di Laura Ziliani: arrestate le figlie
27 Settembre 2021
7:50

Laura Ziliani: dopo l’omicidio Mirto mostrò alla vicina la torta fatta per la festa della mamma

Domattina è in programma l’interrogatorio di garanzia nei confronti di Silvia e Paola Zani e di Mirto Milani, arrestati per l’omicidio e l’occultamento del cadavere di Laura Ziliani, mamma di Silvia e Paola. Dalle carte emerge che Mirto, fidanzato della sorella maggiore, all’indomani dell’uccisione di Laura mostrò a una vicina di casa la torta per la festa della mamma fatta dalle due figlie. Mamma che i tre avevano appena ucciso.
A cura di Francesco Loiacono
304 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio di Laura Ziliani: arrestate le figlie

Si terrà domattina l'interrogatorio di garanzia nei confronti di Silvia e Paola Zani e di Mirto Milani, in carcere con l'accusa di aver ucciso Laura Ziliani e averne nascosto il corpo, ritrovato solo tre mesi dopo la sparizione. Le due figlie dell'ex vigilessa di Temù sono recluse nel carcere di Verziano, mentre il fidanzato della sorella maggiore, che sembra avesse una relazione nascosta anche con la sorella più piccola, si trova nel penitenziario di Canton Mombello.

Tutti sono rimasti in silenzio da quando, lo scorso giovedì, sono stati arrestati. E non si sa se si avvarranno della facoltà di non rispondere anche nell'interrogatorio di domattina davanti al giudice per le indagini preliminari Alessandra Sabatucci. Di sicuro i tre avevano parlato, e non poco, subito dopo aver ordito il loro "piano diabolico" per uccidere Laura e far credere che la donna fosse scomparsa durante una passeggiata in montagna. Una versione portata avanti dalle due figlie in lacrime anche in tv e che Mirto, ritenuto dal gip la "mente" dietro il piano, recitava con freddezza.

Mirto mostrò alla vicina una torta per la festa della mamma: Laura era già morta

Ne è un esempio quanto raccontato dall'amica e vicina di casa di Laura, la signora Nicoleta, agli inquirenti: all'indomani della scomparsa di Laura la donna incontrò Mirto per strada e il ragazzo le raccontò di aver visto per l'ultima volta Laura la mattina precedente, ovviamente mentendo. E per rendere ancora più veritiera la sua recita Mirto, come riportano le carte dell'ordinanza cautelare firmata dal giudice Sabatucci, fece entrare la vicina di casa nell'atrio della casa di Temù, dov'era presente il frigorifero, lo aprì e mostrò alla signora "la torta che avevano preparato Silvia e Paola per festeggiare la festa della mamma". Quella mamma che però le due figlie assieme a Mirto avevano appena ucciso.

304 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni