(foto di repertorio)
in foto: (foto di repertorio)

Tamponi obbligatori all'aeroporto di Milano Malpensa e di Milano Linate per i passeggeri in arrivo da Parigi e da alcune regioni della Francia. Già da oltre un mese coloro che arrivano da Croazia, Grecia, Malta e Spagna hanno l'obbligo di effettuare i test anti-Covid. Le aree in cui vengono fatti i tamponi sono state allestite dal gruppo Sea (Società esercizi aeroportuali), che ha provveduto anche alla realizzazione dei box destinati ai passeggeri che arrivano dal territorio francese.

Aeroporti Malpensa e Linate, Sea allestisce aree per eseguire tamponi sui passeggeri in arrivo da Parigi

L'aumento dei casi in Francia preoccupa e tiene in allarme tutta Europa. Solo nelle ultime 24 ore sono stati registrati 10.569 casi. Nel Paese più della metà del territorio è considerato infatti "zona rossa". E proprio per questo motivo, il ministro della Salute Roberto Speranza, in un'ordinanza del 21 settembre, ha disposto che i passeggeri che non avranno eseguito un tampone 72 ore prima dell'arrivo in Italia potranno eseguire il test o nell'Azienda sanitaria locale di riferimento, entro 48 ore dall'ingresso nel Paese, o potranno effettuarlo nelle aree allestite da Sea negli scali di Milano Malpensa e Milano Linate. In entrambi gli aeroporti i box dove è possibile trovare i medici del gruppo San Donato sono situati nelle aree arrivi. A Malpensa sono situati fuori dal Terminal 1 dopo la sala dedicata alla consegna dei bagagli. Ai test dovranno quindi sottoporsi oltre ai passeggeri in arrivo da Croazia, Grecia, Malta, Spagna e Parigi quelli che arrivano dalle regioni francesi: Alvernia-Rodano-Alpi Hauts-de-France, Île-de-France, Nuova Aquitania, Occitania, Provenza-Alpi-Costa Azzurra.