Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

È accaduto in un supermercato di Milano, in corso Lodi, zona Sud Est della città: è qui che un uomo è stato scoperto da alcuni dipendenti della struttura a rubare del pane. A quel punto è intervenuta la sicurezza ma il direttore del supermercato ha deciso di non denunciare il "ladro", gli ha invece pagato ciò che aveva rubato e lo ha invitato a non rubare più: "Se hai fame, la prossima volta vieni da me".

Il supermercato aveva già adottato una filosofia solidale nei mesi più duri

A raccontare la vicenda una donna che ha assistito alla scena e che ha raccontato in un gruppo Facebook di quartiere quanto accaduto nel punto vendita di corso Lodi a Milano: si tratta di un supermercato Carrefour ed è qui che si trovava ieri mattina quando ha visto un uomo avvicinarsi ad alcuni scaffali prima di provare a uscire senza pagare. Con sé, spiega la donna, aveva del pane e poco altro, e così quando ha tentato di abbandonare il supermercato è stato fermato da alcuni dipendenti che hanno immediatamente allertato sia gli agenti della security che il direttore. L'uomo però una volta accertatosi dell'accaduto ha deciso di non denunciare il ladro ma anzi di pagare di tasca sua ciò che aveva rubato.

Se hai fame, la prossima volta vieni da me, non rubare

Il direttore non ha voluto commentare l'accaduto perché, fa sapere l'azienda stessa, non vuole avere visibilità rispetto a un fatto di cronaca che invece è lo specchio di un forte disagio sociale. Già nei mesi più duri della pandemia, la scorsa primavera, sembra che il supermercato abbia portato avanti la stessa filosofia: ovvero quella di aiutare chi è in difficoltà e che evidentemente in un momento difficile come quello che stiamo vivendo ruba per difficoltà. Il racconto della donna si conclude riportando una frase che lo stesso direttore avrebbe pronunciato all'uomo reo di aver rubato: "Se hai fame, la prossima volta vieni da me, non rubare". "Per fortuna al mondo esistono ancora i giusti", scrive qualcuno nel gruppo Facebook, commento a cui fanno eco tanti altri simili che lodano comportamenti come quello del direttore.