2.517 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Gennaio 2022
7:11

Milano, Rsa chiuse alle visite dei parenti: “Gli anziani sono depressi, senza relazioni si muore”

Come stanno gli anziani e i parenti degli stessi dopo l’ennesima chiusura delle Rsa scelta individualmente dalle strutture milanesi e lombarde? Fanpage.it lo ha chiesto direttamente a loro.
A cura di Filippo M. Capra
2.517 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Due realtà uguali che hanno preso scelte diverse. Le Rsa in Lombardia si dividono tra chi ha deciso di chiudere per contenere la diffusione del contagio e proibire quindi l'accesso ai parenti degli ospiti anziani, e chi invece ha deciso di rischiare e concedere le visite ai famigliari nonostante la nuova ondata dettata dalla variante Omicron. Due scelte diverse che hanno portato a conseguenze opposte: sia per chi è fuori che per chi è dentro.

La figlia di un'anziana ricoverata al Pat: Mia madre è depressa

Tra le strutture che hanno deciso di chiudere in via precauzionale, c'è il Pio Albergo Trivulzio di Milano, già travolto dalla prima ondata del Covid che provocò circa trecento decessi tra gli anziani ospitati. Giulia ha la mamma ricoverata al Pat ma, come spiega lei a Fanpage.it, per il secondo Natale di fila non ha potuto farle gli auguri di persona. La situazione con il Covid è inevitabilmente cambiata: "Prima la vedevo tutti i giorni, ora devo aspettare quasi due mesi per poterla rivedere. E lei ogni giorno che la sento, la prima cosa che mi chiede è: "Quando vieni a trovarmi?"". Le visite al Pat sono bloccate da metà dicembre del 2021. La chiusura comporta problemi non solo a Giulia, che non può vedere l'anziana madre, ma alla ospite della Rsa stessa in quanto "è depressa nel ritrovarsi ancora isolata. Lei come si sentirebbe a 90 anni chiuso in una struttura senza sapere quando potrà rivedere la figlia o il figlio o i parenti? Gli anziani sono reclusi mentre noi siamo tornati alla normalità". La visita del parente, continua Giulia, "è una necessità concreta". A fare eco alle parole di Giulia è Alessandro Azzoni dell'associazione Felicita per i diritti nelle Rsa che spiega come "durante l'isolamento l'anziano va in depressione e il Ministero della Sanità l'ha capito da tempo, tanto di chiedere alle Rsa di aprire".

Le Rsa aperte: Abbiamo deciso di correre ancora il rischio

Un'altra Rsa a Paderno Dugnano, nel Milanese, ha deciso di restare aperta, consentendo ai famigliari di fare visita ai parenti ricoverati. "Per noi la Rsa è la nuova casa dove la persona viene a vivere", spiega a Fanpage.it Paola Cattin, direttrice generale della fondazione Uboldi, che continua: "Pur aumentando le regole per proteggere gli ospiti, che sono persone fragili, riteniamo sia necessario aprire perché una persona senza relazioni muore. La dg della Rsa di Paderno ha spiegato che nella sua struttura si è deciso "di correre ancora il rischio, di scommettere e di riaprire".

2.517 CONDIVISIONI
31089 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni