Si è diretto minacciosamente verso la farmacista che voleva rapinare, armato di un cacciavite. Ma non appena ha oltrepassato il bancone è stato bloccato e disarmato da due poliziotti che lo stavano aspettando. Delitto e castigo a tempi di record lo scorso venerdì 13 novembre per un 24enne italiano e pregiudicato. Il giovane rapinatore, con alle spalle precedenti specifici oltre che per furto e reati legati agli stupefacenti, nella serata di venerdì ha preso di mira la farmacia Lloyd 34 in via Marocchetti a Milano.

La farmacia era già stata rapinata due volte in una settimana

Indossando la mascherina anti-Covid e con il cappuccio di una felpa ben calcato sulla testa, il 24enne attorno alle 19 è entrato nell'esercizio commerciale impugnando un cacciavite e dirigendosi minacciosamente verso la farmacista, che non appena si è avvicinato al bancone si è spostata il più lontano possibile. La donna infatti sapeva che, nascosti nella farmacia, si trovavano anche due agenti del gruppo "Falchi" della sesta sezione della Squadra mobile di Milano, diretta da Marco Calì. In pochi attimi i due poliziotti sono piombati sul rapinatore, lo hanno immobilizzato e disarmato e poi lo hanno arrestato. Il tutto ripreso dagli occhi delle telecamere di sicurezza installate all'interno dell'esercizio commerciale. Niente da fare, dunque, per il giovane rapinatore. Gli agenti avevano infatti deciso di appostarsi nella farmacia in quanto la stessa era già stata rapinata due volte in meno di 10 giorni, lunedì 9 e mercoledì 11. Il loro intervento, avvenuto nell'ambito di un servizio mirato di controllo dopo numerose rapine alle farmacie della zona sud di Milano, ha consentito di evitare la terza rapina in una settimana.