Un uomo e una donna, marito e moglie, sono stati trovati morti in casa a Milano. La tragica scoperta, secondo quanto riporta l'agenzia "Ansa", è avvenuta attorno alle 20 di ieri, sabato 17 ottobre, nell'appartamento in cui la coppia viveva in via Bonghi, una traversa di via Meda nel quartiere Morivione. A scoprire i corpi senza vita dei due coniugi – il marito aveva 73 anni e la moglie 62 – sono stati i vigili del fuoco, chiamati dal figlio della coppia che dopo essersi insospettito perché nessuno rispondeva al telefono si era recato presso l'abitazione dei genitori, ma non aveva avuto nessuna risposta nemmeno al campanello. A quel punto i pompieri sono entrati in casa e hanno trovato i cadaveri dei due coniugi.

In casa nessun segno di effrazione

Sono adesso in corso le indagini per capire cosa sia avvenuto. Dai primi rilievi effettuati dalla scientifica e dal medico legale sembra che marito e moglie siano morti diversi giorni fa: i loro cadaveri mostravano infatti evidenti segni di decomposizione. I corpi dei due coniugi sarebbero stati trovati l'uno sull'altro. Nell'abitazione non sembrerebbero esserci segni di effrazione e tutto sembrerebbe essere in ordine. Adesso si dovrà capire cosa sia successo: da una morte per cause naturali all'ipotesi di un gesto violento, forse un omicidio suicidio, tutte le strade sono per il momento prese in esame dagli investigatori delle forze dell'ordine. Pare che i genitori e il figlio non si sentissero da qualche tempo: ad avvertire quest'ultimo che i genitori non rispondevano al telefono sarebbe stato infatti un altro parente, che ha per primo dato l'allarme portando poi al ritrovamento dei corpi quando ormai era troppo tardi.