287 CONDIVISIONI
Incendio Milano, brucia grattacielo in via Antonini
31 Agosto 2021
20:47

Milano, le foto dall’interno del grattacielo incendiato: porte blindate squagliate, cenere e detriti

Porte blindate squagliate dal calore, cenere e detriti. Sono le prime impressionanti immagini dall’interno della Torre dei Moro, il grattacielo andato a fuoco domenica in via Antonini a Milano. Dal sopralluogo dei vigili del fuoco è però anche emerso che alcuni appartamenti si sono in parte salvati dalle fiamme. Intanto per venerdì mattina è fissato l’incontro tra il sindaco Sala e alcuni inquilini.
A cura di Francesco Loiacono
287 CONDIVISIONI
(Foto: Vigili del fuoco)
(Foto: Vigili del fuoco)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incendio Milano, brucia grattacielo in via Antonini

Porte blindate letteralmente squagliate per via del calore, cenere e detriti. Ma anche, incredibilmente, alcuni appartamenti che si sono in parte salvati dalle fiamme. Le prime foto dall'interno della Torre dei Moro, il grattacielo di via Antonini andato a fuoco nel pomeriggio di domenica 29 agosto a Milano, raccontano della violenza delle fiamme ma offrono anche un barlume di speranza ad alcuni degli inquilini dell'edificio.

(Foto: Vigili del fuoco)
(Foto: Vigili del fuoco)

Il primo sopralluogo del Nucleo investigativo antincendi dei vigili del fuoco ha evidenziato come vi siano alcuni piani, come quelli tra il 14esimo e il 16esimo, più colpiti: lì anche alcune solette dei soffitti sono collassate e i danni sembrano essere stati maggiori. Proprio dal 15esimo piano potrebbe essersi sprigionato il rogo: un video amatoriale mostra le prime fiamme divampare proprio lì ma il condizionale è d'obbligo, dal momento che secondo il custode del palazzo nell'appartamento "sotto accusa" (di proprietà di un inquilino che però non c'era, trovandosi in vacanza) la corrente era stata staccata.

(Foto: Vigili del fuoco)
(Foto: Vigili del fuoco)

Non si esclude comunque che l'eventuale innesco, forse un cortocircuito, possa essere partito da un elettrodomestico che non era stato staccato dal quadro elettrico principale. In ogni caso è presto per giungere a conclusioni: sarà la procura di Milano a valutare tutti gli elementi, dai materiali utilizzati per la costruzione della torre, e in particolare della facciata, andati a fuoco con troppa velocità, agli eventuali malfunzionamenti degli impianti di sicurezza. Alcuni inquilini avrebbero infatti detto che l'allarme sonoro antincendio non sarebbe partito.

(Foto: Vigili del fuoco)
(Foto: Vigili del fuoco)

Intanto le 60 famiglie che abitavano nella torre si trovano alle prese con la gestione di una situazione emergenziale: chi non ha dove andare è costretto a pagare una camera d'albergo o dovrà prendersi in affitto un appartamento. I residenti hanno chiesto di incontrare il sindaco Beppe Sala, anche per capire se le spese che stanno sostenendo saranno loro rimborsate. E il primo cittadino ha risposto all'appello, fissando per venerdì mattina alle 9 un incontro a Palazzo Marino.

(Foto: Vigili del fuoco)
(Foto: Vigili del fuoco)
287 CONDIVISIONI
Incendio via Antonini, alle famiglie sfollate donati 167mila euro: "Non abbandonateci"
Incendio via Antonini, alle famiglie sfollate donati 167mila euro: "Non abbandonateci"
Incendio grattacielo a Milano: una consulenza per risolvere il mistero dei pannelli "infiammabili"
Incendio grattacielo a Milano: una consulenza per risolvere il mistero dei pannelli "infiammabili"
Incendio Torre dei Moro, inquilini: "Insufficienti contributi dal Comune, molti ricevono spiccioli"
Incendio Torre dei Moro, inquilini: "Insufficienti contributi dal Comune, molti ricevono spiccioli"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni