Avevano fatto esplodere una bomba carta la notte del 15 maggio del 2020 nella galleria di via Mazzini a Milano davanti a un salone di parrucchiere. Ora sono scattate le manette contro due indagati, uno italiano di 24 anni e un cittadino moldavo di 21 anni. Stando a quanto precisato dai militari della Compagnia di Sesto San Giovanni si è trattato di un vero e proprio atto intimidatorio nei confronti della titolare dell'attività: questa sarebbe infatti la testimone nell'ambito di un procedimento penale che vede i due arrestati imputati per il reato di lesioni personali aggravate ai danni di due coetanei. L'aggressione risale al 2018 a Milano e a vedere tutto è stata proprio la donna titolare del salone. Così la decisione dei due ragazzi di agire contro di lei per evitare che raccontasse tutto davanti ai giudici.

I due ragazzi sono ora ai domiciliari

Le indagini hanno portato a identificare i responsabili del gesto intimidatorio individuando anche l'autovettura utilizzata per gli spostamenti: i militari si sono serviti dei tabulati telefonici per arrivare agli autori del fatto. I carabinieri, durante la perquisizione nella loro casa, hanno trovato gli abiti indossati durante l'atto intimidatorio. Con questi gravi indizi di colpevolezza, questa mattina 16 aprile 2021 a Cormano i carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni hanno dato esecuzione a un ordine di misura cautelare ai domiciliari emessa dal giudice per le indagini preliminari di Monza. I due indagati ora dovranno rispondere davanti al giudice del reato di minaccia, danneggiamento e porto di materiale esplosivo.