Avrebbe violato la sorveglianza speciale per accompagnare la propria fidanzata a Parabiago in provincia di Milano. Non avrebbe pagato il taxi che lo avrebbe riaccompagnato nel capoluogo milanese, quindi avrebbe inoltre violato i limiti agli spostamenti dalle 23 alle 5 previsti in città. Per questa serie di infrazioni un ragazzo di 28 anni è stato denunciato e multato.

Il ragazzo sostiene di non avere i soldi per il taxi

Erano le 21.15 quando il 28enne avrebbe chiamato un taxi in via Engels e avrebbe prenotato una corsa per riaccompagnare la fidanzata a Parabiago. Una volta arrivati nei pressi dell'abitazione, la ragazza sarebbe scesa e l'uomo avrebbe chiesto di poter essere portato nel suo appartamento a Milano. Alle 23.15, il taxi sarebbe arrivato sotto casa del 28enne: il ragazzo sarebbe quindi sceso dall'auto e si sarebbe resto conto di non avere i soldi per pagare la corsa di 200 euro. La tassista avrebbe quindi dato la possibilità al giovane di poter salire in casa e recuperare un bancomat: il ragazzo sarebbe salito nel suo appartamento, ma quando è tornato avrebbe ribadito di non poter pagare.

Sanzione da 280 euro per aver violato il coprifuoco

La donna ha quindi deciso di chiamare le forze dell'ordine: una volta arrivati, gli agenti hanno eseguito dei controlli sul giovane trovando numerosi precedenti di polizia. Tra questi, il fatto che il 28enne fosse sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Milano dalle 22 alle 7 del giorno successivo. L'uomo è stato quindi denunciato dai poliziotti per aver violato l'obbligo e multato con una sanzione di 280 euro per non aver rispettato l'ordinanza della limitazione agli spostamenti dalle 23 alle 5 del mattino.