110 CONDIVISIONI
16 Giugno 2021
15:00

Milano, chiude per 7 giorni la palestra in cui è stato scoperto un caso di variante Delta del Covid

Resterà chiusa per una settimana la palestra Virgin Active del quartiere Città studi a Milano, in cui negli scorsi giorni era stato scoperto un focolaio di Coronavirus con 12 contagiati e un caso accertato di variante Delta, prima nota come variante indiana. La decisione è stata presa in via precauzionale dalla società “con l’obiettivo primario di tutelare la salute di clienti e staff”.
A cura di Francesco Loiacono
110 CONDIVISIONI

Niente allenamenti né corsi. La palestra Virgin Active di Città studi a Milano, quella in cui negli scorsi giorni era stato scoperto un focolaio di Coronavirus con un caso accertato di variante Delta (la cosiddetta variante indiana), chiude per 7 giorni. Da domani giovedì 17 giugno, e per una settimana, fino al 23 giugno, la struttura sportiva resterà chiusa "con l'obiettivo primario di tutelare la salute di clienti e staff", come si legge in una nota diramata dalla società. "Tale decisione è stata assunta in attesa che l'Ats completi l'attività di contact tracing dei frequentatori del club, resa possibile dalla puntuale registrazione degli accessi che Virgin Active svolge presso le proprie strutture". La palestra avrebbe potuto rimanere aperta, come spiega la stessa società in una nota: "L'azienda ha preso la decisione di chiudere il club nonostante gli esiti del sopralluogo effettuato dalla stessa Ats nella giornata di ieri abbiano confermato il pieno rispetto dei protocolli anti-contagio da parte di Virgin Active". Una decisione dunque all'insegna della prudenza e presa a scopo precauzionale per lo staff e per i clienti, ai quali la chiusura della palestra di via Amadeo è stata comunicata con una mail: "Ci spiace comunicarti che per una settimana a partire da domani il tuo accesso presso tutti i nostri club sarà temporaneamente sospeso, ma l’importo dei giorni non usufruiti nel mese di giugno ti verrà automaticamente detratto dalla quota mensile del tuo abbonamento del mese di luglio".

Il focolaio: 12 i casi accertati, una persona in ospedale

Sono finora 12 i casi Covid accertati nella palestra milanese: 11 persone sono in isolamento, una è ricoverata in ospedale. In quest'ultimo caso non si tratta della persona che è stata contagiata dalla variante Delta del Coronavirus, che si è infettato nonostante avesse ricevuto le due dosi di vaccino ma non ha evidentemente sviluppato gravi sintomi: e difatti l'utilità dei vaccini contro il Covid, come ripetono gli esperti, non è tanto quello di impedire il contagio (che resta sempre possibile, anche se con probabilità più basse), quanto di impedire l'insorgenza di gravi forme della malattia. A breve dovrebbero essere resi noti i risultati degli esami che l'Ats (agenzia per la tutela della salute) Città Metropolitana di Milano ha condotto anche sulle altre 11 persone contagiate, per capire se anche nel loro caso si tratti di qualche variante del virus.

110 CONDIVISIONI
Lombardia, la variante Delta è al 47 per cento: l'88 per cento dei positivi non è vaccinato
Lombardia, la variante Delta è al 47 per cento: l'88 per cento dei positivi non è vaccinato
In Lombardia aumenta la percentuale di casi Covid dovuti alla variante Delta: è al 45 per cento
In Lombardia aumenta la percentuale di casi Covid dovuti alla variante Delta: è al 45 per cento
Serena muore a causa della variante Delta: si era trasferita in Sudafrica per inseguire il suo sogno
Serena muore a causa della variante Delta: si era trasferita in Sudafrica per inseguire il suo sogno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni