È accusato di aver messo a segno almeno cinque colpi il 20enne arrestato dalle forze dell'ordine per aver rapinato bar e gelaterie del centro di Milano: gli agenti di polizia, sulle sue tracce già da tempo, lo hanno fermato proprio mentre armato di coltello stava per rapinare l'ennesimo esercizio commerciale.

Martedì sera la rapina in via degli Orefici a Milano

È accaduto nella serata di ieri, martedì 21 luglio, quando il rapinatore ha raggiunto una gelateria di via Orefici a Milano in pieno centro e armato di coltello ha minacciato le due dipendenti: a notarlo alcuni agenti che hanno riconosciuto il 22enne sulla base delle descrizioni fornite dalle precedenti vittime. Intanto il malvivente dopo essersi fatto consegnare l'incasso dalle due dipendenti, circa 900 euro, è fuggito a gambe levate. Una fuga durata pochi metri visto che ad attenderlo vi erano proprio gli agenti che lo hanno fermato immediatamente e lo hanno portato in Questura: il giovane ladro ha ammesso le proprie responsabilità ed è stato arrestato per rapina aggravata.

Cinque i colpi dall'inizio di luglio

Secondo quanto ricostruito finora dalle forze dell'ordine avrebbe messo a segno almeno cinque rapine fra le gelaterie del centro di Milano, consumate dall'inizio del mese di luglio: quella di via Orefici è stato l'ultimo colpo. Gli agenti dell'Ufficio Statistiche e analisi criminale della Divisione Anticrimine lo avevano già classificato come rapinatore seriale e il suo modus operandi era stato ribattezzato "Ice Cream", proprio perché gli obiettivi erano perlopiù gelaterie. La perquisizione domiciliare ha permesso poi ai poliziotti di raccogliere elementi di prova circa altre quattro rapine commesse dall'inizio di luglio.