1.511 CONDIVISIONI
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre
30 Giugno 2022
10:02

Migliora Nicolò Maja, l’unico sopravvissuto alla strage famigliare di Samarate

Lieve miglioramento per Nicolò Maja, l’unico sopravvissuto alla strage di Samarate (Varese). Il padre, accusato di omicidio e tentato omicidio, è stato trasferito in un altro carcere.
A cura di Ilaria Quattrone
1.511 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre

Continuano migliorare le condizioni del figlio Nicolò Maja, unico sopravvissuto alla strage di Samarate (Varese) dove il padre Alessandro avrebbe ucciso moglie e figlia di 16 anni e tentato di uccidere proprio il 23enne. Stando a quanto riportato da "La prealpina", il ragazzo è ancora in ospedale e sembrerebbe rispondere agli stimoli. Non è chiaro però se sappia o si ricordi quanto accaduto alla sorella e alla madre.

Alessandro Maja è stato trasferito in un altro carcere

Nel frattempo, Alessandro Maja – che ha confessato l'efferato gesto – è stato trasferito da ieri, mercoledì 29 giugno, nel carcere di Busto Arsizio (Varese). Un trasferimento che sembrerebbe essere dovuto alla necessità di trascorrere un periodo di riabilitazione della mano. Non sembrerebbe essere garantito il recupero totale della funzionalità della mano.

Gli accertamenti sui movimenti bancari e finanziari

Intanto proseguono le indagini da parte della Procura: il pubblico ministero, Martina Melita, sta disponendo tutti gli accertamenti del caso sui movimenti bancari e finanziari dell'architetto. Il 57enne deve rispondere delle accuse di duplice omicidio volontario aggravato e tentato omicidio. In base alle prime ricostruzioni, fornite finora sembrerebbe che l'uomo fosse ossessionato dai dei problemi di natura economica.

Problemi che avrebbero influito sulla sua psiche e sul suo status emotivo e psicologico. Tanto che poi, ossessionato anche dall'idea che la sua famiglia sprecasse denaro, avrebbe poi scelto di commettere un gesto terribile. L'uomo non ha mai risposto alle domande né della Procura né del giudice per le indagini preliminari.

1.511 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni