1.953 CONDIVISIONI
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre
31 Maggio 2022
17:59

Torna in carcere Alessandro Maja. “Ha saputo del figlio uscito dal coma e ha sorriso”

“Alessandro Maja, quando ha saputo che il figlio Nicolò ha dato lievi segni di miglioramento, ha reagito con un cenno di contentezza”, ha detto l’avvocato dell’omicida. “Ma vive in un mondo tutto suo: quando non è sedato realizza e sta male”
A cura di Francesca Del Boca
1.953 CONDIVISIONI
Alessandro Maja (57 anni)
Alessandro Maja (57 anni)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre

Oggi pomeriggio è tornato nel penitenziario di Monza Alessandro Maja, che la notte tra il 3 e il 4 maggio ha assassinato a colpi di martello e cacciavite la moglie Stefania Pivetta e la figlia minore Giulia nella loro villetta di Samarate, in provincia di Varese. Fino a questo momento era ricoverato nel reparto psichiatrico carcerario del San Paolo di Milano. "Ho letto la notizia di Nicolò, che sta uscendo dal coma", ha detto l‘avvocato Enrico Milani a Fanpage.it. "Così abbiamo comunicato ad Alessandro Maja che il figlio ha dato segni di miglioramento, che ha mosso un dito, e lui ha reagito con una parvenza di sorriso. Un lieve cenno con il viso, quasi di contentezza. Ma è come se vivesse dentro un mondo tutto suo, è pesantemente sedato e non molto presente". E sulle attuali condizioni dell'omicida ha precisato: "Ci ha detto che sta assumendo circa 15 pastiglie al giorno. Probabilmente seguirà ancora una terapia, è necessaria. Quando non è sedato realizza quanto successo, e sta male".

Il figlio Nicolò unico sopravvissuto

Lievi cenni di miglioramento intanto per Nicolò Maja, l'unico sopravvissuto alla strage di Samarate. Il ragazzo ha riportato danni gravissimi alla testa, conseguenza dei colpi inferti dalla furia omicida del padre, e dalla mattina del 4 maggio è ricoverato all'ospedale di Varese. Solo adesso sta uscendo lentamente dal coma, contro ogni previsione: secondo quanto rivelato ieri dall'avvocato Stefano Ballarini a Fanpage.itil 23enne ha aperto un occhio e muove un dito in risposta alle domande dei nonni. Quanto e se realizzi ciò che gli è successo, non è dato sapere. La strada davanti a lui, infatti, si prospetta ancora molto lunga.

1.953 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni