Una delle frane causate dal maltempo (Foto: Vigili del fuoco)
in foto: Una delle frane causate dal maltempo (Foto: Vigili del fuoco)

Paura nella notte nella zona di Livigno e nell'Alta Valtellina, a Bormio e Valdidentro, per l'ondata di maltempo che si è abbattuta a partire da ieri sera. Strade interrotte, persone evacuate per precauzione dalle loro case sono state alcune delle conseguenze tangibili dei forti temporali che hanno imperversato dalla serata di ieri. Un primo bilancio dei danni è stato fornito dalla sala operativa dei vigili del fuoco di Sondrio. A causa di frane sono state interrotte la strada statale 38 dal chilometro 105 al 107 e la strada che da Livigno conduce al passo della Forcola. Inoltra, in via precauzionale, i sindaci di Valdidentro e Bormio hanno disposto l'evacuazione rispettivamente di 43 persone che abitano in località Pini di Curvalta, nel territorio comunale di Valdidentro, e di otto persone che abitano nella zona della Val Campello a Bormio.

Il maltempo fa danni anche in Valcamonica: frane ed esondazioni a Ponte di Legno

Squadre dei vigili del fuoco di Bormio e Livigno hanno lavorato dalle 20 di ieri sera, giovedì 30 luglio, per cercare di mettere in sicurezza le strade travolte da colate di detriti causate dalle forti piogge. Gli effetti sono visibili nelle foto scattate dall'alto: lunghe lingue di sassi che sono finiti sulle strade, interrompendole, o pericolosamente vicine alle abitazioni, anche se fortunatamente non si sono registrati feriti. Livigno e la Valtellina non sono state le sole zone della Lombardia colpite dal maltempo la scorsa notte. I forti temporali hanno causato danni anche in Valcamonica, in particolare a Ponte di Legno, dove è esondato il torrente Arcanello e una frana si è abbattuta sulla strada provinciale 300, interrotta. Due persone sono state soccorse: un uomo evacuato dalla propria abitazione e una donna rimasta intrappolata nell'auto, circondata dall'acqua.