Durante un controllo all'aeroporto di Malpensa, in provincia di Varese, i funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Milano hanno sequestrato 60 chilogrammi di stupefacente noto come Dmt, che letteralmente sta per dimetiltriptamina. La sostanza è un potente allucinogeno noto anche come "la droga degli sciamani". Secondo quanto comunicato, la droga è stata trovata in quattro spedizioni in arrivo dal Brasile e dirette in Puglia grazie all'identificazione di cortecce di arbusto "mimosa" da cui viene poi estratta la sostanza venduta sottoforma di droga. Gli arbusti erano nascosti in scatole camuffate da spedizioni cosmetiche. Le sostanze rinvenute sono state inviate al Laboratorio Adm di Milano dove verranno effettuate tutte le analisi del caso. In seguito al sequestro, è stata depositata una denuncia contro ignoti presso la Procura della Repubblica di Busto Arsizio, in provincia di Varese, affinché vengano avviate le indagini sul destinatario della spedizione bloccata.

Dimentica l'hashish sul tavolo in sala, arrestato durante un controllo

Un uomo di 58 anni che stava scontando gli arresti domiciliari per reati simili, è stato arrestato dalla polizia di Milano con l'accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Il pusher, un cittadino di origini tunisine, ha aperto la porta agli agenti della Volante che erano passati dalla sua abitazione per un normale controllo di rispetto delle disposizioni per gli arresti domiciliari, dimenticandosi un tocco di hashish sul tavolo della sala. Trovato dai poliziotti, è partita la perquisizione che ha portato al rinvenimento di un totale di circa 30 grammi di fumo e 70 euro in contanti. In un vano dell'appartamento, poi, sono stati trovati anche un bilancino e del materiale per poter impacchettare le dosi di hashish una volta divisi. I poliziotti hanno quindi sequestrato la droga e i contanti, ponendo le manette ai polsi portandolo in carcere.