14.114 CONDIVISIONI
Opinioni
10 Agosto 2021
11:40

L’estate in cui gli italiani ammazzano gli stranieri e nessuno dice nulla

Prima Youns a Voghera, ora Tayar a Bergamo. Entrambi stranieri, entrambi padri di bambini piccoli, entrambi disarmati, entrambi uccisi da italiani armati, per futili motivi. Stavolta però nessuno parla di emergenza sicurezza, nessuno generalizza, nessuno se la prende col “cattivismo”. Quando muore uno straniero in Italia nessuno dice nulla. E fa abbastanza schifo.
14.114 CONDIVISIONI

Qualche settimana fa, era il 20 luglio, era successo a Voghera. L’assessore alla sicurezza leghista Massimo Adriatici, che girava armato in città per controllare il rispetto dell’ordinanza contro l’abuso di alcolici, aveva ucciso con un colpo di pistola al petto  Youns El Boussettaoui, un cittadino marocchino residente in città, padre di una bambina.
Poco più di due settimane dopo, era l’8 agosto, è successo a Bergamo, dove il 19enne Alessandro Patelli ha ucciso il cittadino tunisino Marwen Tayari, con una serie di coltellate, davanti agli occhi della moglie e delle due figlie della vittima, di 3 e 12 anni.

Provate adesso a immaginare la scena a parti invertite. Uno straniero armato che ammazza a colpi di pistola un assessore leghista disarmato padre di famiglia. E un diciannovenne straniero che dopo una spallata fortuita sale in casa e col volto coperto dal casco accoltella un uomo italiano davanti alla moglie e ai figli.

Provate a immaginare cosa sarebbe successo dopo. Prime pagine sull’emergenza sicurezza, campagne per armare gli onesti padri di famiglia italiani contro la violenza “degli immigrati” perché “la difesa è legittima sempre”, pagine e talk show traboccanti di razzismo spacciato per sociologia, per spiegare che questi due omicidi sono l’effetto dell’accoglienza senza regole, del “buonismo”, della sinistra terzomondista e anti-italiana.

Stavolta, invece, non è successo nulla di tutto questo. A quanto pare, quando muoiono gli stranieri non c’è nessuna emergenza sicurezza. Nessuno che dice che dovremmo armarli per rispondere alla violenza degli italiani. Nessuno che parla di sbatterli in galera e buttare via la chiave. Nessuno che dice che questi due morti sono figli del “cattivismo”, della cultura securitaria e repressiva che considera ogni marginalità sociale un problema di ordine pubblico, ogni straniero una potenziale minaccia da trattare a colpi di “Daspo urbano”, perché per i sussidi vengono “prima gli italiani”.

Quando muore uno straniero in Italia, nessuno dice nulla. Nessuno collega i delitti. Nessuno generalizza. Nessuno ne fa una questione politica. Nessuno gli dedica pagine sui giornali e puntate di talk show. Silenzio. Un silenzio – ipocrita e complice – che fa più schifo e orrore di mille grida contro l’uomo nero.

14.114 CONDIVISIONI
Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)
Variante Omicron, Letizia Moratti: "Al momento non ci sono casi in Lombardia, ma non escludo nulla"
Variante Omicron, Letizia Moratti: "Al momento non ci sono casi in Lombardia, ma non escludo nulla"
Pavia: proseguono le ricerche di Luigi Criscuolo, il 60enne scomparso nel nulla da martedì
Pavia: proseguono le ricerche di Luigi Criscuolo, il 60enne scomparso nel nulla da martedì
Il fratello di Sebastiano Bianchi: "Ha incontrato una persona prima di scomparire nel nulla"
Il fratello di Sebastiano Bianchi: "Ha incontrato una persona prima di scomparire nel nulla"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni