879 CONDIVISIONI
Omicidio di Giulia Tramontano, ultime notizie
4 Giugno 2023
16:09

Le bugie di Impagnatiello all’altra donna: “Giurava che Thiago non era suo figlio con un finto test del Dna”

Il finto test del Dna (“Thiago non è mio figlio, Giulia è bipolare”), le scuse per non dormire insieme la notte e i tentativi di far sparire gli oggetti di Giulia quando la ospitava nella casa di Senago. Tutte le bugie di Alessandro Impagnatiello all’altra donna: “Sono rimasta incinta a dicembre 2022, mi aveva detto che non era fidanzato”
A cura di Francesca Del Boca
879 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio di Giulia Tramontano, ultime notizie

Un castello di bugie, crollato rumorosamente in questi ultimi giorni. Menzogne a Giulia, compagna ufficiale e futura madre di suo figlio Thiago, e menzogne alla collega di lavoro con cui da mesi stava intrecciando una vera e propria relazione parallela: Alessandro Impagnatiello mentiva da tempo a entrambe, tessendo una tela di sotterfugi, imbrogli, falsità. "Ero stressato per quella situazione", racconterà poi, quando verrà arrestato per l'omicidio di Giulia Tramontano. "Non solo per la gestione delle due ragazze, ma anche per il fatto che altri ne fossero venuti a conoscenza".

Il finto test del Dna: "Thiago non è mio figlio"

A svelare tutti questi inganni, portati avanti per mesi e mesi, è proprio una delle due giovani donne. L'unica che può ancora parlare: la collega di lavoro 23enne con cui Impagnatiello aveva una storia. La prima a sospettare la verità, ovvero che fosse successo qualcosa di molto brutto a Giulia. "Nel mese di aprile 2023 ho scoperto che Alessandro frequentava anche un'altra ragazza di nome Giulia", aveva riportato la giovane durante l'interrogatorio. "Me ne sono accorta in quanto ho visto foto sul suo telefono che lo ritraevano con Giulia in vacanza a Ibiza, quando a me aveva detto che ci sarebbe andato da solo".

E non solo. Giulia, in quelle foto, è pure visibilmente incinta. "Giulia è bipolare, quel figlio non è mio. Sono andato in vacanza con lei perché aveva minacciato di togliersi la vita", le giurerà il barman 30enne, disperato. Per convincerla, arriverà all'inverosimile. "Mi ha detto che non era lui il padre, e che aveva anche un test del Dna che lo confermava".

Il test di paternità, ovviamente, è falso: Impagnatiello l'ha confezionato apposta per poter continuare la relazione con la collega. "Alessandro mi aveva prestato il suo Ipad e da qui ho visto varie ricerche online per trovare attestati negativi del test del Dna, che poi ho trovato in un file excel con le generalità sue e di Giulia. Ho avuto la certezza che continuasse a mentirmi", il suo racconto. "Il 24 o 25 maggio, mentre eravamo al lavoro, gli ho detto di sapere tutto e di aver trovato il file. Lui ha continuato a negare la paternità". Lo farà anche sotto casa sua la sera del 27 maggio, subito dopo l'omicidio di Giulia.

Le altre bugie di Alessandro Impagnatiello all'altra donna

La più folle, la più eclatante delle bugie. Ma ce ne sono tante altre, tra quelle che Alessandro racconta alla giovane collega. "Ho scoperto da Giulia che la sera del mio compleanno, per poter dormire da me, lui le aveva detto che era a una grigliata in Emilia da un amico. A me, al contrario, inventò che al fratello si era rotto un tubo dell'acqua in casa". Come i tentativi di far sparire le tracce della fidanzata ufficiale quando la invitava nell'appartamento di Senago mentre Giulia, ignara, si trovava a Napoli dai genitori. "Mi disse che con Giulia si erano lasciati, tant'è che quando dormivo da lui non c'erano cose sue. Nascondeva le fotografie che li ritraevano insieme, come il quadro della vacanza a Ibiza".

Il giuramento di Impagnatiello con l'amante incinta: "Ho lasciato Giulia"

Le menzogne vanno indietro nel tempo, fino al dicembre 2022: il mese in cui anche l'altra donna rimane incinta. "Ci siamo conosciuti a giugno e poi abbiamo iniziato a frequentarci. Dalla nostra relazione io sono rimasta incinta verso il mese di dicembre e non volendo portare avanti la gravidanza, di comune accordo con Alessandro, ho fatto l'interruzione a febbraio di quest'anno", prosegue la 23enne nella sua deposizione. "Io agli inizi sapevo che aveva una ragazza, ma poi lui mi disse che si erano lasciati. Sono rimasta incinta proprio nel periodo in cui lui mi aveva detto che non era più fidanzato".

879 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni