101 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Ilaria Salis detenuta in Ungheria

L’avvocato di Ilaria Salis: “Entro fine mese chiederemo gli arresti domiciliari a Budapest”

Entro fine mese saranno richiesti gli arresti domiciliari a Budapest per Ilaria Salis, l’insegnante di 39 anni che è stata arrestata l’anno scorso proprio nella città ungherese.
A cura di Ilaria Quattrone
101 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Entro fine mese saranno richiesti gli arresti domiciliari a Budapest per Ilaria Salis, l'insegnante di 39 anni che è stata arrestata l'anno scorso proprio nella città ungherese con l'accusa di aver aggredito un nazifascista. A confermare la notizia all'agenzia di stampa Ansa è stato l'avvocato ungherese della 39enne. Salis è l'attivista che ha denunciato le condizioni disumane in cui è rinchiusa in carcere.

Sarà versata anche una cauzione di oltre 51mila euro

Il legale ha assicurato che saranno completato le procedure necessarie e sarà versata una cauzione di venti milioni di fiorini ungheresi che corrispondono a oltre 51mila euro. Sarà inoltre necessario trovare un domicilio sicuro e sorvegliato. Ieri, infatti, il padre della donna ha spiegato che bisognerebbe trovare le condizioni di sicurezza considerato che, alcuni giorni fa durante il Giorno dell'onore, è apparso un murales che rappresenta Salis impiccata.

L'udienza è stata anticipata al 28 marzo

L'avvocato ha precisato che il giudice ha accelerato il caso anticipando la seconda udienza: prima era prevista per il 24 maggio, adesso per il 28 marzo. L'udienza sarà un luogo che sarà utilizzato per insistere sulla richiesta di domiciliari: "Penso che questa volta verrà accolta", ha detto il legale. L'avvocato ha precisato di essere molto contento che sia la famiglia e i legali italiani abbiano accettato di percorrere la via dei domiciliari a Budapest che lui aveva "sempre sostenuto".

Ieri il padre ha inoltre specificato che la figlia ha potuto finalmente vedere i video incriminanti: "Un hard disk da 10 terabyte che vanno visti tutti perché non si sa l'accusa a quale spezzone voglia far riferimento".

101 CONDIVISIONI
57 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views