9 Settembre 2022
12:46

La morte del 14enne sul campo da calcio poteva essere evitata: l’ipotesi dei Carabinieri

La Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti per far luce sulla morte del 14enne Filippo Gilberti durante un allenamento di calcio.
A cura di Giorgia Venturini

Si sta cercando di capire meglio quanto è accaduto a Filippo Gilberti, il 14enne colpito da un malore mentre si stava allenando a calcio a Verolavecchia in provincia di Brescia. La Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti. Gli inquirenti dovranno capire se il dramma poteva essere evitato. Una volta sul posto i soccorsi non hanno potuto far altro che trasportare in elisoccorso il giovanissimo in ospedale, dopo purtroppo è morto qualche giorno dopo.

Il malore durante un allenamento di calcio

Dalle prime informazioni, il ragazzino ha avuto un malore e si è accasciato a terra mentre stava svolgendo un allenamento con i suoi compagni di calcio dopo un periodo lungo di inattività. Improvvisamente il ragazzino ha avuto un malore e la situazione è precipitata rapidamente. Ha avuto prima un forte attacco d'ansia per poi andare in arresto cardiocircolatorio: il ragazzo è stato caricato su un elicottero del 118 e portato all'ospedale Civili di Brescia. Tutto è avvenuto sono gli occhi dei genitori che stava assistendo all'allenamento dagli spalti. Sul posto si sono precipitati anche i vigili del fuoco, i carabinieri e la sindaca di Verolavecchia.

I genitori hanno donato gli organi

Una volta in ospedale i soccorritori e i medici erano riusciti a stabilizzarlo. Pochi giorni dopo però il decesso che è stato inevitabile. I genitori hanno deciso per la donazione degli organi che permetteranno di salvare altre vite. Non è stata disposta nessuna autopsia sul corpo del piccolo perché è stata accertata la morte naturale. Non resta ora capire per gli inquirenti se la sua morte poteva essere evitata e se erano stati fatti accertamenti medici sulle sue condizioni di salute.

Omicidio Ziliani, gli investigatori:
Omicidio Ziliani, gli investigatori: "Volevano farci credere che l'avesse uccisa un uomo conosciuto in chat"
Il sindaco di Milano Beppe Sala proclama il lutto cittadino per la morte di Luca Marengoni
Il sindaco di Milano Beppe Sala proclama il lutto cittadino per la morte di Luca Marengoni
Un uomo di 27 anni ferito da un colpo di pistola: si cerca il colpevole
Un uomo di 27 anni ferito da un colpo di pistola: si cerca il colpevole
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni