1.817 CONDIVISIONI
Incendio Milano, brucia grattacielo in via Antonini
2 Settembre 2021
17:56

Incendio via Antonini, i risultati delle prime analisi: “I pannelli erano altamente infiammabili”

I pannelli del rivestimento esterno del grattacielo “Torre dei Moro” di via Antonini a Milano, che domenica scorsa è stato avvolto dalle fiamme, sono di un materiale plastico sintetico altamente infiammabile: sono questi i primi risultati delle analisi richieste dalla Procura di Milano che indaga per disastro colposo.
A cura di Ilaria Quattrone
1.817 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incendio Milano, brucia grattacielo in via Antonini

I pannelli del rivestimento esterno del grattacielo "Torre dei Moro" di via Antonini a Milano, che domenica scorsa è stato avvolto dalle fiamme, sono di un materiale plastico sintetico altamente infiammabile: a fornire questo primo dettaglio sono le analisi di laboratorio condotte dal Nucleo Investigativo Anticendio. A disporle è stata la Procura di Milano che ha aperto un fascicolo. Gli inquirenti indagano per disastro colposo. Non solo. Dagli accertamenti è emerso che il materiale a temperature elevate si scioglie.

I pannelli avrebbero fatto da conduttori

Un altro elemento che è stato evidenziato è quello relativo al fatto che il rivestimento, che non è ancora stato esattamente identificato mancando alcuni documenti tecnici, sarebbe stato un "conduttore" e avrebbe reso in sette minuti il rogo incontrollabile. Lo scioglimento è inoltre dimostrato dalle pozze che si sono formate ai piedi dell'edificio. Oltre a capire di quale materiale si tratti, si cercherà di comprendere se i pannelli dichiarati nella pratica edilizia presentata in Comune corrispondano poi a quelli utilizzati. Il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e Marina Petruzzella stanno infatti concentrando le indagini sul tema della sicurezza.

Gli inquilini: Ci avevano detto fossero ignifughi

Tra coloro che pretendono una risposta ci sono gli inquilini che nell'incendio hanno perso tutto: una dei residenti ha affermato fin da subito che era stato detto come i pannelli di rivestimento fossero ignifughi. La stessa azienda che si è occupata del cappotto termico, sul suo sito, aveva scritto: "Trattandosi di un edificio di notevole altezza con una particolare criticità nei riguardi della protezione da un incendio esterno alla facciata, per l’isolamento a cappotto è stato scelto un materiale isolante incombustibile come la lana di vetro al posto del materiale isolante plastico comunemente utilizzato in questa applicazione".

1.817 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni