Covid 19
12 Novembre 2020
8:39

Il sindaco Gori a Fanpage.it: “Bergamo zona arancione, abbiamo chiesto un confronto al Governo”

“Abbiamo chiesto al Ministero della Salute un confronto per capire se ci sono le condizioni affinché Bergamo, Brescia, Mantova e Cremona possano diventare zone arancioni”. Così a Fanpage.it il sindaco di Bergamo Giorgio Gori in merito ad una limitata diffusione del contagio da Covid in questa seconda ondata.
A cura di Filippo M. Capra
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La suddivisione dell'Italia in più fasce, dalla gialla alla rossa, in base al livello di criticità della seconda ondata di Coronavirus che sta investendo il Paese, è stata accolta con favore dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori. "Trovo più adeguato l'ultimo Dpcm che stabilisce i parametri in base ai quali le Regioni possono essere classificate per gravità del contagio e quindi dover adempiere a certe misure – ha dichiarato a Fanpage.it -. Mi sembra un modo più prevedibile per ridurre o aumentare la criticità di un territorio".

Gori: Chiesto confronto con il Ministero per Bergamo zona arancione

Non solo a livello nazionale, però, perché, come spiegato dal primo cittadino orobico, "anche porzioni sub regionali possono ricadere in questo schema, l'importante è che ci sia trasparenza sui dati". Dunque, all'interno della Lombardia zona rossa, potrebbero nascere zone arancioni o, addirittura, gialle. "Così forse riusciamo a evitare il lockdown generale che l'Ordine dei medici nazionale sollecita", suggerisce Gori, ricordando che "l'impressione che abbiamo dalla lettura, che però forse è superficiale, dei ricoveri e dei decessi, ci dice che c'è una parte della Lombardia, quella più colpita in primavera, che in questo momento è in una situazione più gestibile". Per questo il sindaco di Bergamo, d'accordo con i primi cittadini di Brescia, Mantova e Cremona, hanno "chiesto di conoscere questi dati e avere un confronto con il Ministero per capire se ci sono queste condizioni". L'ultima parola, però, spetterà al ministro della Salute Roberto Speranza e al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. Rendere più flessibili le regole nei territori meno colpiti si può, ma la decisione deve essere supportata da dati certi.

31866 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni