Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Sale a 101 il bilancio dei dipendenti risultati positivi al Coronavirus all'interno dell'azienda agricola Francescon di Rodigo, nel Mantovano, dove è stato individuato un grosso focolaio. I nuovi risultati provengono dai tamponi che Ats Valpadana ha effettuato nelle scorse ore: su 48 persone sottoposte ad analisi sono 4 i nuovi lavoratori positivi che si sommano ai 97 comunicati nei giorni scorsi. Uno di questi lavora nei campi agricoli dell'azienda che si occupa della coltivazione e della vendita dei meloni.

Ats: Percentuale di positivi è del 50 per cento

Si tratta però di dati provvisori ai quali dovranno essere aggiunti i risultati dei tamponi che Ats sta effettuando sugli altri lavoratori a partire da questa mattina così come appreso da Fanpage: sono infatti quasi 400 i dipendenti dell'azienda agricola all'interno della quale è stato individuato il focolaio di Coronavirus. Di questi una prima parte è stata sottoposta a tampone nei giorni scorsi (97 i positivi su 173), altri 48 sono stati sottoposti a tampone ieri facendo arrivare a 101 i positivi su 221 lavoratori analizzati. Si tratta dunque di una percentuale piuttosto alta così come confermato da Ats Valpadana a Fanpage.it: "In base ai dati in nostro possesso finora possiamo dire che quasi il cinquanta per cento dei dipendenti dell'azienda sottoposta a screening è positivo – spiega Silvana Cirincione, direttore Sanitario di Ats Valpadana – si tratta di numeri piuttosto alti che classificano quello di Rodigo come il focolaio più grande riscontrato finora nella nostra zona".

Ats: nelle prossime settimane sottoposte a screening tutte le aziende agricole del Mantovano

Lo screening continuerà nelle prossime ore sul resto dei dipendenti e i risultati andranno ad aggiungersi a quelli già in possesso di Ats che ha fatto sapere a Fanpage.it di aver già diposto un'analisi a tappeto di tutte le aziende agricole presenti sul territorio di competenza di Ats Valpadana: "Lo screening inizierà nei prossimi giorni e durerà presumibilmente diverse settimane – prosegue la dottoressa Cirincione – si tratta di migliaia di lavoratori che dovranno essere sottoposti a tampone. Quella di Rodigo non è la prima azienda analizzata, nelle scorse settimane però i numeri di fronte ai quali ci siamo trovati sono stati assai inferiore, si tratta di 4 persone al massimo positive su 3/400 dipendenti".

Il titolare dell'azienda: Sono preoccupato ma resto a disposizione di Ats

Smentite invece le presunte voci che voleva il titolare dell'azienda Bruno Francescon contrario all'attività di screening da parte di Ats: contattato da Fanpage.it il ha fatto sapere di essersi messo a disposizione dei tecnici e di non aver opposto resistenza in alcun modo al lavoro che si sta svolgendo in azienda come invece era stato ipotizzato in un primo momento. È una situazione delicata e i pensieri fa sapere Francescon sono tutti rivolti ai propri dipendenti e al futuro dell'azienda.