685 CONDIVISIONI

Ferrari e Lamborghini con i soldi del bonus facciate: la frode milionaria di una società tra Milano e Varese

Le indagini della Guardia di Finanza di Gallarate hanno permesso di far emergere una truffa di 20 milioni sul bonus edilizio al novanta per cento tra Milano e Varese. Con i ricavi illegali sarebbero stati acquistati appartamenti, orologi e auto di lusso.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Francesca Del Boca
685 CONDIVISIONI
Immagine

Ferrari, Ducati e Lamborghini in garage. Ma anche appartamenti, soldi in banca, orologi di lusso dal valore di 30mila euro l'uno. Così, attraverso un collaudato sistema di frodi fiscali sul bonus edilizio al novanta per cento, una società operante tra Milano e Varese (con cantieri sparsi tra Gallarate, Cardano al Campo, Cassano Magnago, Busto Arsizio e Parabiago) avrebbe illecitamente intascato circa 20 milioni di euro.

Per questo motivo i finanzieri di Varese e Milano hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro, firmato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Busto Arsizio, bloccando il denaro in capo alla società coinvolta e tutti i beni nella disponibilità del rappresentante legale. Ovvero, tra gli altri, 640mila euro giacenti sui conti correnti; 153mila euro pari al valore di un appartamento con relativo box in centro a Legnano; 127mila euro come stima del valore di 15 motoveicoli d’epoca e di lusso e un Rolex Yachtmaster in oro 18 carati del valore di mercato di circa 30mila euro.

Un sistema di sovrafatturazione che ha permesso alla società di acquistare Lamborghini Huracan STO, Ferrari 812 Superfast, Ferrari 488, Ferrari FF, Ferrari F8 e una Ferrari da pista, utilizzate sia dal rappresentante legale per fini personali sia per un nascente business in materia di noleggio a breve termine. Un meccanismo illegale per cui il condominio o il singolo proprietario, ignaro, riceveva la fattura da pagare e scarna documentazione in relazione ai lavori da eseguirsi: la stessa società edile, in seguito, procedeva a generare in capo al cliente un credito fiscale enormemente più alto, fino al 300 per cento in più rispetto a quello spettante.

685 CONDIVISIONI
Va a fare scialpinismo con gli amici e precipita da un dirupo: muore l'imprenditore Marco Ferrari
Va a fare scialpinismo con gli amici e precipita da un dirupo: muore l'imprenditore Marco Ferrari
Chi era Michela Valdes, la 34enne incinta rimasta in coma 18 mesi dopo l'incidente in Puglia
Chi era Michela Valdes, la 34enne incinta rimasta in coma 18 mesi dopo l'incidente in Puglia
Sequestrati 41 milioni a società di logistica per aziende farmaceutiche: "Lavoratori sfruttati e non pagati"
Sequestrati 41 milioni a società di logistica per aziende farmaceutiche: "Lavoratori sfruttati e non pagati"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni