101 CONDIVISIONI
Omicidio Carol Maltesi
7 Aprile 2022
13:18

Due colleghi di Carol: “Dopo l’omicidio Fontana ha scritto ad altre ragazze per nuovi video”

Davide Fontana, l’uomo che ha confessato di aver ucciso Carol Maltesi, avrebbe continuato a chiedere collaborazioni per la produzione di video hard amatoriali ad altre ragazze: a dirlo sono Ginevra e Juan, entrambi colleghi della 26enne durante un’intervista a “Le Iene”.
A cura di Ilaria Quattrone
101 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Carol Maltesi

Avrebbe continuato a chiedere ad altre ragazze collaborazioni per la produzione di video hard amatoriali: a dirlo sono Ginevra e Juan, entrambi colleghi di Carol Maltesi, che – durante un'intervista a "Le Iene" andata in onda su ItaliaUno – hanno mostrato alcuni messaggi che Davide Fontana, l'uomo che ha confessato di aver ucciso e distrutto il corpo della 26enne, avrebbe inviato nei giorni successivi al ritrovamento del cadavere.

I social di Carol erano stati disattivati

Durante l'intervista Ginevra ha spiegato che, quando la Procura aveva diffuso l'elenco dei tatuaggi presenti sui resti, li aveva subito associati a quelli di Carol. Prima ancora di rivolgersi ai carabinieri – cosa che la coppia ha poi fatto – la ragazza ha visitato i profili della collega: "Il suo profilo OnlyFans c'era, ma era stato disattivato. Non c'era più nulla". È Juan a spiegare che sempre su quel profilo era stato pubblicato un post che annunciava come tutti i contenuti prodotti fino a quel momento erano stati trasferiti su quello di Fontana. E sempre su quella piattaforma, nei giorni successivi al ritrovamento dei resti, il 43enne aveva pubblicato un video con Carol: "Questa ragazza era sparita già da almeno una settimana e forse di più e lui – afferma Juan – continuava ancora a pubblicare video di lei. Stavano sempre insieme. Non ti fai due domande se è sparita?".

 

Fontana avrebbe cercato altre ragazze per collaborazioni

Alcune loro colleghe hanno poi raccontato che, nel periodo in cui Carol era già morta, avrebbero ricevuto dei messaggi dal suo profilo: "Dei nostri colleghi avevano ricevuto dei messaggi da lei, addirittura di collaborazioni. Arrivavano messaggi sia dal profilo di Carol – racconta Ginevra – sia dal profilo di Davide". Come poi raccontato da Fontana nell'interrogatorio, sarebbe stato in realtà lui a rispondere ai messaggi fingendosi Carol: "Alcune nostre colleghe ci hanno mandato gli screen di queste conversazioni dove Davide scriveva loro dicendo di scrivere a Charlotte perché poteva assicurare che era una persona fidata. E lei rispondeva a questi messaggi dicendo "Sì, è una persona affidabile"".

Fonte: Le Iene
Fonte: Le Iene

Proseguono le indagini degli inquirenti

Per il momento, stando a quanto appreso da Fanpage.it, proseguono le indagini. Gli investigatori e gli inquirenti si stanno concentrando anche sul fatto che Fontana, per oltre due mesi e mezzo, si sia finto Carol inviando messaggi ad amici, parenti e colleghi. Carabinieri e magistrati sono al lavoro per cercare di capire il perché di questo gesto. Ovviamente – come precisato a Fanpage.it – è ancora troppo presto per elaborare qualsiasi tipo di deduzione volta a capire le reali intenzioni del reo confesso. Sicuramente a poter chiarire ulteriori dubbi, potranno essere le analisi e le perizie sui dispositivi elettronici di Carol e Fontana. Bisognerà però attendere ancora qualche giorno. Al momento inoltre, apprende sempre Fanpage.it, è escluso che vi sia stato un complice nell'omicidio della giovane donna.

101 CONDIVISIONI
50 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni