836 CONDIVISIONI
Covid 19
9 Marzo 2021
18:01

Covid Lombardia, il bollettino di martedì 9 marzo: 4.084 contagi e 63 morti, ospedali in affanno

Sono 4.084 i nuovi casi di Coronavirus in Lombardia. Nelle ultime 24 ore sono stati purtroppo registrati altri 63 decessi, per un totale dall’inizio della pandemia di 28.853 morti. Aumentano ancora sia i ricoveri in ospedale (più 216 per un totale di 5.416) sia il numero di persone ricoverate in terapia intensiva: sono 611 (più 14 rispetto a ieri). Ecco il bollettino con i dati di martedì 9 marzo sui contagi Covid in Lombardia.
A cura di Filippo M. Capra
836 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In Lombardia sono 4.084 i nuovi casi di Coronavirus accertati nelle ultime 24 ore, a fronte di 47.619 tamponi effettuati. Lo certifica l'ultimo bollettino giornaliero sull'emergenza Covid-19 relativo a martedì 9 marzo diffuso dal Ministero della Salute. Aumentano i nuovi positivi rispetto a ieri, quando erano stati registrati 2.301 casi su 22.996 tamponi. In totale dall'inizio della pandemia in Lombardia sono stati eseguiti 6.527.869 tamponi tra test molecolari e antigenici. Aumentano i decessi: da ieri sono stati registrati altri 63 decessi, per un totale dall'inizio della pandemia che è arrivato nella sola Lombardia a 28.853 morti, contando i dati ufficiali. Ieri i decessi erano stati 52.

Aumentano i ricoveri negli ospedali della Lombardia

La situazione negli ospedali lombardi è da giorni in peggioramento. Salgono in modo significativo i ricoveri in ospedale: sono 5.416 (+216) le persone ricoverate con sintomi nei reparti Covid (ieri erano 5.200, in aumento di 142 pazienti). Aumenta il totale delle persone ricoverate in terapia intensiva: sono 611, ovvero 14 in più rispetto a ieri quando erano 597 i pazienti in condizioni più gravi. Aumenta comunque anche il dato relativo alle persone dimesse/guarite: sono in totale 529.166.

I contagi nelle province Lombarde

Lombardia verso la zona rossa

I dati in Lombardia continuano a far preoccupare. L'aumento esponenziale dei ricoveri, tra degenza ordinaria e terapia intensiva, impone una riflessione che porti ad ulteriori restrizioni per non permettere che il contagio si diffonda in maniera sempre più incontrollata. A ieri, il 43 per cento dei posti in terapia intensiva era occupato, ma a far preoccupare sono le stime: secondo l'Agenas nel giro di una settimana, entro il 15 marzo dunque, i ricoveri in terapia intensiva potrebbero avvicinarsi a quota 700. Per questo motivo la Regione, d'accordo con il Ministero, dovrebbe optare per l'istituzione di una zona rossa e cercare di rallentare il contagio per limitare la pressione sugli ospedali.

836 CONDIVISIONI
31032 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni