Covid 19
7 Ottobre 2021
17:09

Covid, i parroci di Ambivere, Mapello e Valtrighe pagano i tamponi ai no vax: “I conti non tornano”

I tre parroci di Ambivere, Mapello e Valtrighe, paesi della Bergamasca, hanno deciso di istituire un fondo solidarietà per raccogleire denaro da destinare ai no vax che non vogliono vaccinarsi ma che senza green pass non possono lavorare. Quindi, per far fronte alle spese, i tre sacerdoti hanno riunito le loro forze, scatenando reazioni opposte.
A cura di Filippo M. Capra
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Don Emanuele Personeni, don Alessandro Nava e don Andrea Testa, rispettivamente parroci di Ambivere, Mapello e Valtrighe, paesi dellea provincia di Bergamo, hanno scritto un libretto intitolato "Covid 19: i conti non tornano", classica frase di battaglia dei no vax che sono contro l'immunizzazione dal virus. I tre, però, non si sono limitati a scrivere il libricino ma, anzi, proprio in virtù dei dubbi che nutrono, si sono resi disponibili a pagare i tamponi a tutti coloro i quali hanno rifiutato sinora le rispettive dosi di vaccino.

Tre parroci pagano i tamponi ai no vax

La storia, riportata dal Corriere della sera, vuole i tre parroci dei paesini bergamaschi racchiudere i proprio dubbi in merito alla vaccinazione dicendo di "non poter delegare ad altri, politici, scienziati o tecnici che siano, la questione della vita umana sulla terra", nonostante si dicano "lieti di venire a conoscenza" di argomenti migliori rispetto ai loro. La mancata vaccinazione, però, comporta un dispendio di denaro importante per tutti coloro i quali sono contro la doppia iniezioni. Così, i tre parroci, si sono resi disponibili a pagargli i tamponi, in quanto molti si vedono privati "di un diritto costituzionalmente garantito, quello del lavoro". I tre sacerdoti hanno quindi istituito un fondo solidarietà per cui si può fare un versamento all'iban indicato nel volantino distribuito. In tutto ciò, è grande il favore ma anche la contrarietà all'interno dei tre comuni, così come nella Curia che, pare indispettita dal comportamento dei tre parroci, ha ribadito a gran voce la sua posizione pro vaccini.

27515 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni