Il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, si è vaccinato contro il Coronavirus. La prima dose gli è stata somministrata nel pomeriggio di venerdì 30 aprima nel centro vaccinale allestito presso il Cus (Centro universitario sportivo) di Dalmine, il più grande della provincia di Bergamo. In mattinata Gori, che ha da poco compiuto 61 anni e rientra dunque nella fascia per la quale sono aperte le prenotazioni e le vaccinazioni in Lombardia (al momento dai 60 anni in su, e dai 16 anni in su se con un'esenzione per patologia), aveva scritto su Facebook: "Felicità: oggi finalmente sarò vaccinato". E nel pomeriggio si è messo in coda nel centro vaccinale e ha ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer.

Nella stessa giornata e nello stesso hub vaccinato anche mister Gasperini

Il sindaco di Bergamo, città simbolo della prima fase della pandemia, non è stato il solo ad essere vaccinato negli hub dell'Azienda socio sanitaria territoriale Bergamo Ovest, dove nella sola giornata di venerdì 30 aprile sono stati 8000 i cittadini vaccinati e in due giorni le somministrazioni hanno superato quota 14mila. Un contributo importante alla campagna vaccinale lombarda, che finalmente sembra stia decollando: “Sono soddisfatto per aver finalmente spinto forte i nostri 4 Centri Vaccinali. Un ringraziamento ai miei professionisti e a quelli di Humanitas, Habilita, Medicina Alpina e agli MMG cha hanno partecipato a questa due giorni straordinaria. Abbiamo ancora potenzialità e cercheremo di crescere ancora a breve", ha detto il direttore generale dell'Asst Bergamo Ovest Peter Assembergs. Tra i volti noti che si sono vaccinati il 30 aprile, oltre al sindavo Gori c'è stato anche l'allenatore dell'Atalanta, Gian Piero Gasperini.