4 Novembre 2022
16:02

Cosa sono le luminarie a tempo che useranno alcuni Comuni lombardi per risparmiare sulla bolletta

Per non rinunciare alle decorazioni natalizie nonostante le bollette, alcuni Comuni hanno studiato delle soluzioni. Ad esempio le luminarie a tempo, ma anche una riduzione degli addobbi per aiutare le famiglie in difficoltà.
A cura di Enrico Spaccini

Natale si avvicina e come ogni anno le città italiane cercano di creare la giusta atmosfera piazzando alberi, decorazioni e, soprattutto, luminarie. Alcune a forma di fiocco di neve, altre più fantasiose: l'importante è che facciano luce. E che consumino energia elettrica. Al punto che, in un periodo come questo in cui le bollette diventano ogni mese più pesanti, le amministrazioni comunali devono rifare i conti con i fondi a disposizione.

Le luminarie a tempo di Brescia

Ecco allora che, per garantire la giusta illuminazione, alcuni Comuni hanno ideato la "luminaria a tempo": un modo come un altro per dire che le luci saranno accese solo in una determinata fascia oraria della giornata. Ad esempio, il sindaco Emilio Del Bono ha disposto che nella sua Brescia le luminarie saranno accese dalle 17 a mezzanotte, con eccezione del sabato fino alle una di notte.

In questo modo, non si rinuncia del tutto all'atmosfera natalizia, ma si tiene comunque conto dei costi. Inoltre, si eviterà di sfavorire il commercio del centro città eliminando gli addobbi, peraltro già installati.

L'esempio di Godiasco e Zeme

In altri municipi, invece, si è optato per soluzioni più drastiche, come eliminare del tutto le luci e spostare i fondi che erano stati previsti in misure di assistenza a cittadini in difficoltà. Succede per esempio a Godiasco, in provincia di Pavia.

Qui il sindaco Fabio Riva ha deciso di installare solo un paio di luminarie e usare i 7mila euro che erano stati stanziati per aiutare le famiglie in difficoltà. Quelle che fanno più fatica a fronteggiare il caro energia. Oppure a Zeme, sempre nel Pavese, il sindaco Massimo Saronni ha deciso di usare i 2.500 euro per creare delle "borse alimentari", cioè una fornitura mensile di beni di prima necessità.

David Gentili, candidato Pd in Lombardia:
David Gentili, candidato Pd in Lombardia: "Fontana non parla di mafia, così le Olimpiadi sono a rischio"
Oggi iniziano i saldi invernali in Lombardia: gli sconti a Milano e i consigli per risparmiare
Oggi iniziano i saldi invernali in Lombardia: gli sconti a Milano e i consigli per risparmiare
Cos'è la scia luminosa che ha attraversato il cielo della Lombardia
Cos'è la scia luminosa che ha attraversato il cielo della Lombardia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni