Dopo il weekend del 9 e 10 gennaio, la Lombardia rimarrà in zona arancione anche lunedì 11 gennaio. A stabilirlo è l'ultimo monitoraggio dell'Istituto superiore della sanità e del ministero della Salute. Da domani quindi cambieranno le regole relative agli spostamenti e all'apertura di bar e ristoranti.

Cosa cambia per gli spostamenti

I cittadini lombardi potranno muoversi liberamente all'interno del loro Comune nel rispetto del coprifuoco nazionale che rimane sempre dalle 22 di sera alle 5 del mattino. Durante queste ore sarà necessario uscire solo per comprovati motivi di necessità, lavoro o salute. Sarà quindi necessario avere con sé un'autocertificazione. Persiste il divieto di spostarsi da Regione a Regione se non per i motivi precedenti o per rientrare alla propria residenza o domicilio. Gli spostamenti tra Comuni saranno consentiti solo se avranno un numero di abitanti inferiore a cinquemila abitanti ed entro i trenta chilometri.

Restano aperti i negozi

I negozi potranno rimanere aperti. Il passaggio dalla zona gialla a quella arancione non impedisce ai negozi di generi non alimentari di chiudere. Questo farà sì che le persone possano continuare a usufruire dei saldi che sono iniziati ieri giovedì 7 gennaio. Diverso sarà per i centri commerciali che invece chiuderanno nuovamente nei fine settimana.

Le regole per bar e ristoranti

Sorte diversa invece per bar e ristoranti. Questi che avevano potuto aprire al pubblico il 7 e 8 gennaio, quando la Lombardia era in zona gialla, dovranno nuovamente abbassare le saracinesche. Per loro sarà consentito solo l'asporto fino alle 22, quando scatta il coprifuoco, e il servizio a domicilio senza limiti di orari.