626 CONDIVISIONI
Concorsi pilotati: Massimo Galli tra gli indagati
21 Novembre 2022
16:57

Concorsi pilotati, la Procura chiede il processo per Galli: l’accusa è di falso e turbativa d’asta

La Procura di Milano ha richiesto il rinvio a giudizio per l’infettivologo Massimo Galli. Nell’inchiesta sui concorsi pilotati, l’ex primario del Sacco è indagato per falso e turbativa d’asta.
A cura di Enrico Spaccini
626 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Concorsi pilotati: Massimo Galli tra gli indagati

La Procura di Milano ha richiesto il rinvio a giudizio per l'infettivologo Massimo Galli. L'ex primario dell'ospedale Sacco, ormai in pensione, è indagato in uno dei filoni dell'indagine sui presunti concorsi pilotati per i posti da professore e ricercatore alla facoltà di Medicina dell'Università Statale di Milano.

Le contestazioni nei suoi confronti sono state ridimensionate, e ora rimane solo un episodio di presunta turbativa d'asta e falso. Per tutti gli altri casi, è stata chiesta l'archiviazione.

Le ipotesi della Procura e i presunti "punteggi concordati"

Secondo le ipotesi della Procura, Galli sarebbe intervenuto come componente della "commissione giudicatrice" sul verbale di "valutazione dei candidati": in questa veste avrebbe attestato che il "prospetto" con i "punteggi attribuiti fosse il risultato del lavoro collegiale" nel corso di una riunione da remoto da febbraio 2020, mentre dagli accertamenti risulta che sarebbe stato "concordato" solo dopo.

La richiesta di rinvio a giudizio è stata inoltrata all'ufficio del giudice per le indagini preliminari dai pm Bianca Maria Eugenia Baj Macario e Carlo Scalas, ed è stata firmata anche dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli. Gli avvisi di conclusione delle indagini erano stati notificati alla fine di settembre.

Anche Agostino Riva risulta indagato per la stessa vicenda. Suo stretto collaboratore, era il candidato vincente nel 2020 di un "concorso" per il ruolo di professore di seconda fascia in malattie cutanee, infettive e dell'apparato digerente. Per l'accusa, sarebbe stato lo stesso Riva a indicare quei "punteggi".

626 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni