Il sindaco di Milano Beppe Sala
in foto: Il sindaco di Milano Beppe Sala

Dopo il sostegno dei Verdi, il sindaco di Milano Beppe Sala potrebbe incassare anche quello del Movimento cinque stelle in vista delle prossime elezioni comunali nel capoluogo lombardo. Ad aprire a una possibilità che fino a poco tempo fa era pura fantascienza è stato uno dei big del M5s, il vice ministro allo Sviluppo economico Stefano Buffagni: "Ho imparato in questa legislatura a non escludere nulla", ha risposto Buffagni (lombardo ed ex consigliere regionale) alla domanda su un possibile sostegno dei Cinque stelle a Sala posta da un giornalista del Tgr Lombardia.

"Qualsiasi soluzione deve essere fatta nell'interesse dei milanesi e non delle dinamiche di partito o delle poltrone, altrimenti è meglio lasciar perdere", ha aggiunto Buffagni, che ha anche elencato molto sinteticamente quali potrebbero essere i punti di convergenza di una possibile alleanza: "Se c'è la volontà di condividere alcuni punti fermi come l'assistenza sociale agli ultimi, le case popolari, la riqualificazione delle periferie e l'ambiente, il verde e i parchi che sono sempre e solo annunciati e non organizzati, si può ragionare su qualsiasi cosa".

A settembre Sala aveva detto: Più saggio correre separati

Il sindaco Sala, per il momento, secondo quanto risulta a Fanpage.it non intende rilasciare alcuna dichiarazione in merito a un'eventualità che lui stesso lo scorso settembre escludeva: "Se si dovesse votare domani, sarebbe più saggio che io e i 5 Stelle ci presentassimo separati”, aveva confessato il primo cittadino durante la trasmissione "Otto e Mezzo" alla fine di settembre. Era però un'altra "epoca": il sindaco non aveva ancora sciolto le riserve sulla sua ricandidatura – lo ha fatto solo lo scorso 7 dicembre, a Sant'Ambrogio – ed era ancora avvolto nel mistero il nome del possibile sfidante nel campo del centrodestra. Ora tra i possibili e più accreditati sfidanti di Sala alle prossime Comunali sono emersi i nomi di Roberto Rasia Dal Polo, giornalista e manager "prescelto" dalla Lega, e dell'ex ministro Maurizio Lupi.

Alle ultime Comunali il M5s ha eletto tre consiglieri

Alle ultime elezioni comunali del 2016 il Movimento 5 stelle ha eletto tre consiglieri a Palazzo Marino, incluso il candidato sindaco Gianluca Corrado. Il M5s ha raccolto 52.376 preferenze, ottenendo il 10,4 per cento dei voti. Il Movimento a Milano negli ultimi anni si è però sfaldato e uno dei consiglieri eletti, Simone Sollazzo, è passato al Gruppo misto in polemica con i vertici: "Credo che la democrazia diretta, per come l’abbiamo sperimentata noi, sia stata fallimentare".