1.230 CONDIVISIONI
2 Ottobre 2022
18:14

Come sta la bimba di 9 mesi presa a calci e pugni dal patrigno e perché il quadro clinico è preoccupante

È ricoverata in gravissime condizioni la piccola di 9 mesi presa a calci e pugni dal compagno della madre. Ecco l’ultimo quadro clinico.
A cura di Giorgia Venturini
1.230 CONDIVISIONI

A qualche ora dai fatti restano critiche le condizioni della piccola di 9 mesi presa a calci e pugni dal compagno della madre. La bimba è ricoverata in gravissime condizioni all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove è arrivata dopo un primo ricovero al San Matteo di Pavia.

La piccola e il patrigno erano da soli in casa

Cosa sia successo è ancora da definire nei particolari. Sembra però certo che la piccola è stata picchiata più volte dal patrigno nel pomeriggio di ieri primo ottobre mentre si trovavano da soli in casa, un appartamento a Casarile, nel Milanese.

Nella mattinata di oggi i carabinieri del Comando Provinciale di Pavia hanno fermato l'uomo: un 28enne ora accusato di tentato omicidio aggravato dal momento che l'aggressione è avvenuta ai danni di una bimba di pochi mesi. Il patrigno ha già ammesso l'aggressione.

La neonata è in coma farmacologico

Ora la piccola si trova in coma farmacologico in ospedale: i medici hanno permesso di accertare la gravità delle lesioni, che consistono allo stato in frattura del cranio, emorragia celebrale, frattura dell’omero e del radio. La sua prognosi resta riservata. Solo tra qualche ora si potrà sapere se la piccola è fuori pericolo.

La nonna ha chiamato i soccorsi

La madre della piccola non era in casa al momento della tragedia. Quello stesso pomeriggio si era preoccupata perché non riusciva a contattare il compagno al telefono. Così ha chiesto alla madre (ovvero la nonna della piccola) di andare a controllare: una volta in casa la nonna ha visto la nipote con diversi ematomi al volto e al torace. Senza pensarci due volte ha chiamato i soccorsi.

Solo in ospedale i medici visitando la piccola hanno capito la gravità delle situazione e accertato che la neonata potesse essere stata picchiata. Dall'ospedale quindi è stato richiesto l'intervento dei carabinieri che dopo poche ore hanno proceduto con il fermo del 28enne.

1.230 CONDIVISIONI
Sfonda a spallate due porte e aggredisce con calci e pugni la nuova compagna del suo ex, arrestata
Sfonda a spallate due porte e aggredisce con calci e pugni la nuova compagna del suo ex, arrestata
Incendio in una cascina con 200 quintali di fieno: salvato dalle fiamme il proprietario
Incendio in una cascina con 200 quintali di fieno: salvato dalle fiamme il proprietario
Ragazzo di vent'anni evade dagli arresti domiciliari:
Ragazzo di vent'anni evade dagli arresti domiciliari: "Meglio in carcere che con mia madre"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni