Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele
11 Ottobre 2021
12:04

Caso Eitan, quando arriverà il verdetto sul futuro del bimbo

Il tribunale di Tel Aviv deciderà tra due settimane se il piccolo Eitan, il bimbo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, debba rimanere con i nonni materni in Israele o con gli zii paterni a Pavia. Al tribunale israeliano si era appellata la zia paterna dopo che il nonno materno lo aveva portato via dall’Italia.
A cura di Ilaria Quattrone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

Tra due settimane arriverà la decisione del tribunale della famiglia di Israele relativamente all'affido del piccolo Eitan, il bimbo di sei anni sopravvissuto alla strage del Mottarone in cui persero la vita i suoi genitori, suo fratello e i nonni paterni. Il bambino, lo scorso settembre, è stato portato via dalla casa degli zii paterni – che il tribunale di Pavia ha riconosciuto come tutori – e fatto salire su un aereo in Svizzera per trasferirlo in Israele. Per questo atto sono indagati dalla Procura di Pavia con l'accusa di sequestro di persona il nonno materno, Shmuel Peleg, la nonna materna Esther Cohen e l'autista che ha condotto Peleg e il nipote a Lugano.

La decisione del tribunale israeliano non influenzerà le indagini italiane

La zia paterna Aya Biran Nirko ha deciso di presentare istanza al tribunale di Tel Aviv appellandosi alla Convenzione dell'Aja relativa al sequestro di minori. Il 23 settembre si è svolta la prima udienza e l'8 ottobre la seconda: adesso, tra quindici giorni, arriverà il verdetto. Un verdetto che stabilirà se il piccolo debba rimanere in Israele o tornare in Italia, ma che non influenzerà in alcun modo – come assicurato dal procuratore Mario Venditti a Fanpage.it – le indagini italiane sul sequestro.

La nonna materna: Non possono prendere anche Eitan

Lo scorso 8 ottobre l'udienza è iniziata con la testimonianza di Gali Peleg, la zia materna di Eitan che qualche settimana prima aveva detto di essere pronta ad adottare il piccolo. Subito dopo è stata la volta di alcuni consulenti che hanno discusso relativamente alla legittimità dell'affidamento provvisorio, per il quale il 22 ottobre si svolgerà un'udienza al tribunale dei minori di Milano. Alla fine dell'udienza, la nonna materna ha attaccato l'Italia sostenendo che fosse "responsabile della morte di sua figlia" e che "non possono prendere anche Eitan".

Caso Eitan, il piccolo arriverà domani sera all'aeroporto di Orio al Serio
Caso Eitan, il piccolo arriverà domani sera all'aeroporto di Orio al Serio
Caso Eitan, il bimbo pronto a tornare in Italia il 3 dicembre
Caso Eitan, il bimbo pronto a tornare in Italia il 3 dicembre
Caso Eitan: i nonni incontrano il bimbo, possibile rientro in Italia nei prossimi giorni
Caso Eitan: i nonni incontrano il bimbo, possibile rientro in Italia nei prossimi giorni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni