Samuele Treccani (Facebook)
in foto: Samuele Treccani (Facebook)

Ha lottato per due anni tra la vita e la morte dopo quel tragico incidente di due anni fa. Samuele Treccani ha perso la sua battaglia domenica scorsa a 25 anni. Lo schianto in macchina nell'estate del 2018: era la notte tra il 10 e l'11 giugno quando il giovane, alla guida di una Renault Clio, non si è accorto di un tir che si stava immettendo sulla corsia di destra. Non ha fatto in tempo a evitarlo: la sua utilitaria ha prima impattato contro il rimorchio del mezzo pesante e poi è stata sbalzata sul guard-rail e travolta da un secondo tir. I soccorsi furono immediati: in poco tempo Samuele era stato soccorso e liberato dalle lamiere dai vigili del fuoco. Disparata la corsa in ospedale in elisoccorso.

Mercoledì i funerali nella sua Carpenedolo

Da quella notte sono passati due anni. Prima di entrare in ospedale, Samuele studiava al conservatorio Dall'Abaco di Verona, dove si era iscritto ormai quattro anni fa. La speranza dei famigliari si è spenta domenica, quando il cuore del giovane ha smesso di battere. I funerali del 25enne si terranno mercoledì nella chiesa parrocchiale di Carpenedolo, in provincia di Brescia, dove Samuele viveva con la famiglia: la madre Milena, il padre Silvano, i fratelli Michele e Gloria, i nonni, gli zii e i cugini.

Tanti i messaggi degli amici: "Non è vero che non ci sei più"

Intanto in questi giorni non sono mancati i tanti messaggi di cordoglio degli amici di Samuele: "Mi ricordo che siamo sempre stati l'uno per l'altra – scrive l'amica Chiara –. Non è vero che non ci sei più, non ci sei fisicamente ma ci sarai sempre nei nostri ricordi e nel nostro cuore. Non ti dimenticheremo mai, così come non scorderò tutto quello che hai sempre fatto per me. Ti voglio tanto bene: riposa in pace amico mio".