Antonio Di Fazio, il manager arrestato per stupro
18 Novembre 2021
9:11

Antonio Di Fazio, il manager arrestato per stupro: il giudice sentirà quattro presunte vittime

Il 17 dicembre ci sarà l’incidente probatorio per sentire quattro presunte vittime di Antonio Di Fazio, l’imprenditore arrestato per violenza sessuale a Milano.
A cura di Ilaria Quattrone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Antonio Di Fazio, il manager arrestato per stupro

Il prossimo 17 dicembre si svolgerà la nuova udienza nei confronti di Antonio Di Fazio, il manager che era stato arrestato con l'accusa di aver narcotizzato e violentato sessualmente una studentessa di 21 anni. Durante l'udienza ci sarà l'incidente probatorio e il giudice per le indagini preliminari di Milano Chiara Valori ascolterà quattro giovani che, secondo la Procura, potrebbero essere altre vittime dell'uomo.

L'incidente probatorio fissato il 17 dicembre

A chiedere l'incidente probatorio è stato la pubblico ministero Alessia Menegazzo che sta coordinando le indagini con il procuratore aggiunto Letizia Mannella. I volti delle quattro ragazze sarebbero tra le foto trovate nel computer dell'uomo. Già in passato erano state ascoltate. Il manager si trova adesso in carcere e sarà sottoposto a rito immediato. L'uomo avrebbe attirato la 21enne nel suo appartamento di lusso. La scusa sarebbe stata quella di discutere del suo stage formativo nella sua azienda. Dopo averla narcotizzata, sciogliendole nel drink una importante dose di tranquillanti, l'avrebbe fotografata e violentata. Le foto intime della giovane, insieme a quelle di altre donne, sarebbero state trovate nel cellulare di Di Fazio.

L'uomo è accusato anche di bancarotta fraudolenta

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, l'uomo è accusato di aver abusato di donne per più di dieci anni. Tra le sue vittime ci sarebbe anche l'ex moglie che tra il 2009 e il 2014 aveva presentato tredici denunce. Oltre alle accuse di violenza sessuale, Di Fazio sarebbe indagato anche per bancarotta fraudolenta. Le indagini sono iniziate dopo che è stata dichiarata fallita l'azienda della quale l'uomo era imprenditore.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni