862 CONDIVISIONI
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre
13 Maggio 2022
14:16

Alessandro Maja, accusato della strage di Samarate: “Non sa spiegarsi cosa gli sia passato in testa”

Nella giornata di oggi, venerdì 13 maggio, si è svolto l’interrogatorio di garanzia per Alessandro Maja, l’uomo accusato di aver ucciso moglie e figlia e aver tentato di uccidere il figlio.
A cura di Ilaria Quattrone
862 CONDIVISIONI
Alessandro Maja (57 anni)
Alessandro Maja (57 anni)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Mamma e figlia uccise in casa a Samarate: fermato il padre

Alessandro Maja, accusato dell'omicidio della moglie Stefania, della figlia di 16 anni Giulia e di aver tentato di uccidere il figlio Nicolò, è stato interrogato nella giornata di oggi, venerdì 13 maggio, dal giudice per le indagini preliminari. L'architetto, come spiegato dal suo avvocato Enrico Milani, ha ammesso di aver ucciso moglie e figlia e di aver tentato di uccidere il figlio: "L'unica cosa che non sa spiegarsi è come sia potuto avvenire e cosa gli sia passato in testa in quel momento lì".

L'ossessione per i soldi

Resta sconosciuto il movente che ha spinto l'uomo a compiere questa terribile strage famigliare. Tra le ipotesi, ci sarebbe una ossessione per i soldi. Non è chiaro se vi siano state delle reali problematiche economiche o se queste fossero perlopiù conseguenza di sue convinzioni. Sulla questione stanno indagando gli inquirenti che hanno, nei giorni scorsi, provveduto a sequestrare tutti i documenti dello studio di cui Maja era titolare.

Maja è ancora ricoverato in Psichiatria

Intanto l'architetto, come apprende ancora Fanpage.it, resta ricoverato nel reparto di Psichiatria dell'ospedale San Gerardo di Monza. Nel momento in cui sarà dimesso sarà, con molta probabilità, confermata la misura in carcere salvo che – così come è attualmente – non venga accertata una incompatibilità delle sue condizioni di salute con il carcere.

L'interrogatorio e il giorno della tragedia

Durante l'interrogatorio, Maja ha ripercorso quanto accaduto ieri sera. Il suo però è stato un racconto molto sommario: "Anche perché era molto provato", spiega l'avvocato. "Lui – ribadisce il suo legale – non riesce a spiegarsi ciò che è successo. Era una notte come le altre: era più il tempo che passava in giro a camminare per casa perché aveva questa ansia per questi problemi economici che sentiva come insopportabili". Per avere un quadro più chiaro sulla vicenda bisognerà, con ogni probabilità, aspettare la perizia psichiatrica.

(Ha collaborato Simone Giancristofaro)

862 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni