7.664 CONDIVISIONI
Covid 19
11 Aprile 2021
10:48

“A 25 anni a causa del covid ho perso casa e lavoro”: a Milano la fila di poveri è sempre più lunga

Una fila lunga centinaia di metri sul marciapiede di viale Toscana, a Milano: è la scena che si ripete da mesi fuori dalla sede della onlus ‘Pane Quotidiano’, che distribuisce pasti ai bisognosi. Molte delle persone in coda fino a qualche mese fa lavoravano, ma ora si trovano in difficoltà. “Mi trovo in un dormitorio perché ho perso casa dopo che ho perso il lavoro con il Covid”, racconta a Fanpage.it una ragazza di 25 anni.
A cura di Simone Gorla
7.664 CONDIVISIONI
foto di Davide Arcuri
foto di Davide Arcuri
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Vengo qua per un aiuto in più. Attualmente non lavoro e mi trovo in un dormitorio perché ho perso casa dopo che ho perso il lavoro con il Covid. Dall'inizio della pandemia mi sono trovata piegata in questa situazione". A parlare è una ragazza di 25 anni, che come tantissime altre persone è in coda il sabato mattina fuori dalla sede di "Pane Quotidiano", la onlus che distribuisce ogni giorno migliaia di pasti a chi ne ha necessità.

Una fila lunga centinaia di metri sul marciapiede: questa la scena che si ripete ormai da mesi in viale Toscana, a Milano. Il serpentone di nuovi poveri si allunga sempre più man mano che il tempo passa e gli effetti della pandemia si fanno sentire.

Poco prima di Natale un video Fanpage.it aveva racconto le voci e gli stati d'animo dei milanesi in fila per chiedere un aiuto. Quattro mesi più tardi siamo tornati per vedere se la situazione è cambiata.

"Da tre mesi a questa parte abbiamo avuto un aumento dei nostri ospiti, da 3.000-3.500 siamo passati a circa quattromila", spiega Luigi Rossi, vicepresidente della onlus. Un aumento tra il 10 e il 15 per cento in pochi mesi, spia di un disagio che cresce nel capoluogo lombardo. "Però purtroppo temo che il vero problema lo dovremo andare a monitorare questo autunno, quando ci sarà lo sblocco dei licenziamenti e termineranno gli ammortizzatori sociali".

foto di Davide Arcuri
foto di Davide Arcuri

Pane Quotidiano si sostiene con le donazioni dei privati e delle aziende che regalano gli alimenti prodotti in eccedenza, con l'impegno quotidiano dei volontari. Nel sacchetto ci sono pane, latte, yogurt, pasta, sugo, formaggi, frutta e verdura e a volte anche dolci.

Tra le persone in coda molti milanesi che fino a qualche mese fa lavoravano e ora si trovano in difficoltà a pagare l'affitto, comprare i vestiti e anche da mangiare. "Non ho più niente e sono costretto a venire qua a chiedere un pezzo di pane", spiega un uomo di 55 anni, "e non è roba per me".

(Interviste di Davide Arcuri)

7.664 CONDIVISIONI
32110 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni