Nulla sfugge nell'epoca dei social e della macchina fotografica sempre disponibile. "Nulla sfugge" ai clienti, ma alle autorità sanitarie, a quanto pare, sì. Nikki Sanders, trentenne inglese, era con sua figlia di quattro anni in un McDonald's di Staffordshire, una contea nord-occidentale inglese. La donna ha ordinato per la sua bambina delle crocchette di pollo, i McNugget, quando ha fatto la sgradita scoperta. Tra la panatura e la carne faceva capolino un verme che è stato prontamente fotografato. Per fortuna, spiega la giovane inglese al Mirror, la figlia aveva già ceduto parte del piatto alla madre, che stava dunque finendo la porzione di McNugget. Il marito, anch'egli nel fast food, ha osservato che l'oggetto animato "sembrava un verme, ma non posso giurarci finché non venga fatto un test". Tuttavia, "qualunque cosa sia, non dovrebbe essere lì."

Nikki Sanders ammette di essersi sentita male dopo la scoperta, ma ha dichiarato anche di non desiderare alcun rimborso da parte della nota catena di fast food. Quello che pretende, invece, è sapere qualcosa in più dei controlli e della qualità dei prodotti commercializzati da McDonald's, il quale, da parte sua, assicura che la sicurezza del cliente è al primo posto. Per la donna, però, il bicchiere può essere anche mezzo pieno: "Da questa vicenda qualcosa di buono è uscito: mi tengo lontano dalla carne lavorata. Ora sto mangiando molto più sano".