Luigi Di Maio, Beppe Grillo e Davide Casaleggio insieme al Viminale per presentare il simbolo del MoVimento 5 Stelle alle prossime elezioni politiche del 4 marzo. I leader del M5s sono stati tra i primi a presentare il simbolo al ministero dell’Interno. E la prima novità è evidente: nel logo del Movimento ora appare la scritta “ilblogdellestelle.it” al posto di quella precedente, ovvero “www.movimento5stelle.it”. “Sarà il simbolo della prima forza politica”, afferma Di Maio entrando al Viminale.

Beppe Grillo si riprende il suo blog (beppegrillo.it), spiega Di Maio. E da quel mezzo continuerà a “dare le notizie innovative e la visione del Paese a 20 e 30 anni”. Il blog ufficiale del MoVimento sarà il blog delle stelle, come testimonia anche il primo post del capo politico del M5s dopo la consegna del simbolo: un post, appunto, rilanciato su Twitter attraverso il blog delle stelle e non più, come accadeva in passato, attraverso il blog di Grillo (dove comunque è riportato l’intervento di Di Maio).

Il blog delle stelle – spiega Di Maio – diventa il blog ufficiale del Movimento, dei parlamentari del Movimento e dei rappresentanti del Movimento, i portavoce nelle istituzioni”. All’arrivo al Viminale non è mancato il solito show di Grillo che sottolinea come oggi siamo ormai “nella fase adulta del Movimento”. “Sono immerso nei ricordi del 2013 – racconta ancora Grillo – siamo sempre in coda. Pensate se Giolitti fosse in coda ora a depositare il simbolo cosa direbbe. Direbbe eravamo più moderni nel ‘900. Adesso ci saranno anche quelli di CasaPound, i nazisti che fanno finta di essere normali”.

Ma lo show di Grillo non si ferma qui. Entrato al Viminale incontra il senatore leghista Roberto Calderoli con cui parla e poi chiede ai suoi: “In che rapporti siamo con Calderoli?”. Qualcuno gli chiede se allora è stato fatto un patto con la Lega e Grillo scherza, in fila: “Ci metteranno su una storia, probabilmente. Ma come, mi giro e c’è lui. Ma è pazzesco. Guarda che è la vita. Ci siamo fatti sfuggire Casini per un attimo, veniva via per poco. Roba da pazzi…”. Grillo esclude qualsiasi alleanza post-elettorale: “Perché mi fate domande che non hanno senso? È come dire che un panda un giorno potrà mangiare carne cruda, noi mangiamo solo cuore di bambù”.

Gli altri simboli consegnati.

La presentazione dei contrassegni elettorali è iniziata questa mattina alle 8 e sarà possibile depositarli fino alle ore 16 di domenica. I primi a presentare il simbolo sono stati: Maie-Movimento associativo italiani all’estero; Con Merlo; Unital – Unione tricolore America Latina; Sacro Romano impero cattolico; Movimento 5 Stelle; Lega – Salvini premier; CasaPound. Le liste dei candidati dovranno essere presentati dalle 8 del 28 gennaio alle 20 del 29 gennaio.

Intanto Oreste Pastorelli, in fila al Viminale per depositare il simbolo, fa sapere che la coalizione di centrosinistra sarà composta da cinque partiti: Pd, lista +Europa di Emma Bonino, Insieme, Civica Popolare di Beatrice Lorenzin e Svp.