È uno strappo che potrebbe avere conseguenze estremamente rilevanti negli equilibri politici complessivi quello annunciato oggi da Giorgia Meloni con una intervista al Messaggero. La leader di Fratelli d'Italia, infatti, scarica Silvio Berlusconi e spiega di voler ridisegnare il campo della destra italiana a partire dall'alleanza esclusiva con la Lega del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini. "Troppe cose ci dividono da Forza Italia, dalle amministrative all'Europa", spiega Giorgia Meloni, aggiungendo: "L’unica alternativa possibile, e lo vedremo dopo il voto Ue, è una maggioranza FdI-Lega. Mai con chi si allea con il Partito Democratico come in Sicilia".

Nella lettura della deputata romana, dunque, le elezioni europee del prossimo 26 maggio rappresentano uno snodo cruciale, perché da esse passa la rideterminazione dei rapporti di forze interni al centrodestra italiano e non solo: "Io lavoro per un’alleanza che dal Ppe si deve spostare a destra passando per Salvini-Le Pen sino al gruppo di noi conservatori: perché senza di noi credo sia difficile una maggioranza". E a Salvini dice: "La sua famiglia naturale è la nostra […] in Italia ci sono i numeri per un governo fondato sull'alleanza fra Lega e Fratelli d'Italia".

E da Napoli, dove ha tenuto una iniziativa elettorale di Fratelli d'Italia, spiega le ragioni che, a suo dire, renderanno la sua forza politica la "sorpresa" delle prossime Europee: "Un’Europa che abbia rispetto degli interessi nazionali italiani, un’Europa che rimetta la sovranità al centro. Un’Italia che sappia occuparsi dei problemi e dei bisogni degli italiani invece di stare a litigare dalla mattina alla sera".