10.595 CONDIVISIONI
10 Ottobre 2019
09:29
AGGIORNATO11 Ottobre

Siria, Usa: “Turchia fermi gli attacchi contro i curdi”. Di Maio: “L’Europa reagisca”

10.595 CONDIVISIONI

Le ultime notizie sull'attacco turco in Siria: aumenta la tensione in Medi Oriente mentre continuano i raid turchi in Siria. Nelle zone del conflitto, migliaia di persone sono in fuga. Il ministro degli Esteri Di Maio invita a non accettare i ricatti di Erdogan e ad "agire con una sola voce". E L'Ue valuta eventuali sanzioni.

10 Ottobre
13:02

Erdogan: "Uccisi 109 curdi. Se l'UE ci ostacolerà pronti a inviare 3,6 milioni di profughi"

A meno di 24 ore dall'inizio dell'operazione militare ‘Fonte di pace' nel nord-est della Siria, "109 terroristi sono stati uccisi" dai raid della Turchia. Lo ha reso noto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo patrtito, l'Akp, e spiegando che il bilancio conta anche numerosi feriti, tutti consegnati alle forze armate turche o ai suoi alleati. Tra le vittime secondo la Mezzaluna Rossa ci sono anche 10 civili.  I villaggi, occupati dai miliziani locali cooptati da Ankara dell'Esercito siriano libero (Esl), sono quelli di Yabse e Tal Fander, che erano stati oggetto di bombardamenti turchi nelle scorse ore.

Erdogan ha poi aggiunto:  "Se l'Ue ci accuserà di occupazione della Siria e ostacolerà la nostra operazione militare, apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi". Il leader di Ankaraha accusato Bruxelles di non aver rispettato le "promesse", perché' non ha ancora trasferito la seconda tranche di 3 miliardi di euro di aiuti per la gestione dei rifugiati siriani, prevista dagli accordi, rivendicando che la Turchia avrebbe invece speso "40 miliardi di dollari". Erdogan ha anche rinnovato le critiche all'Ue per non aver accettato la Turchia come Paese membro. "Dal '63 fino a ora ci avete tenuti occupati", ha detto il presidente turco, riferendosi all'accordo di associazione che quell'anno ha stabilito le relazioni formali tra Ankara e le istituzioni europee.

A cura di Davide Falcioni
10 Ottobre
12:49

Mosca, promuoveremo il dialogo fra Ankara e Damasco

La Russia promuoverà il dialogo "tra Damasco e Ankara" alla luce dell'operazione turca in Siria. Lo ha dichiarato  il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. "Abbiamo motivi per credere che soddisferà gli interessi di entrambe le parti", ha affermato Lavrov. Allo stesso tempo la Russia "promuoverà i contatti tra Damasco e i gruppi curdi che rinunciano all'estremismo e alle tattiche terroristiche", ha affermato. Lo riporta Interfax.

La Russia desidera che le tensioni nel nord-est della Siria si attenuino il prima possibile sulla base del rispetto per la sovranità e l'integrità territoriale del Paese. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov sottolineando che i militari russi e turchi continuano "a comunicare". "Abbiamo una linea per la de-escalation, un canale di comunicazione regolare: i nostri militari si stanno parlando", ha detto. Lo riporta Interfax.

A cura di Davide Falcioni
10 Ottobre
11:57

I curdi: "Abbiamo respinto un nuovo attacco di terra turco"

Le Forze democratiche siriane (Fds) a guida curda hanno dichiarato di aver di nuovo respinto un "tentativo di incursione terrestre" dell'esercito turco a Ras al Ayn, dopo aver sostenuto lo stesso ieri sera rispetto a un'incursione a Tal Abyad, circa 120 chilometri più a ovest. Si tratta dei due punti d'accesso delle forze armate di Ankara e delle milizie arabe locali cooptate dalla Turchia per l'offensiva lanciata ieri nel nord-est della Siria. Secondo la nota delle Fds, l'attacco è stato fermato "sull'asse di Tal Halaf e Haluk", di fronte alla postazione frontaliera turca di Ceylanpinar.

A cura di Davide Falcioni
10 Ottobre
11:48

Di Maio alla Turchia: "Sospendere l'offensiva"

Come governo italiano "chiediamo al governo turco di cessare immediatamente l'offensiva perché non è assolutamente accettabile che si utilizzi la forza e che si continui a mettere a repentaglio la vita del popolo siriano. L'unica strada possibile da seguire è quella delle Nazioni Unite". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a margine della Conferenza Italia – America Latina.

A cura di Davide Falcioni
10 Ottobre
11:41

La Turchia: "Non abbiamo colpito civili"

"Nella pianificazione ed esecuzione dell'operazione Fonte di Pace vengono presi di mira solo rifugi, ripari, postazioni, armi, mezzi ed equipaggiamenti che appartengono a terroristi del Pkk/Pyd-Ypg e di Daesh (Isis)". A scriverlo in una nota il ministero della Difesa di Ankara, respingendo così le denunce delle Forze democratiche siriane a guida curda di aver colpito "civili", uccidendone almeno 8.

A cura di Davide Falcioni
10 Ottobre
11:07

Turchia apre inchiesta per "propaganda terrore" verso i critici all'invasione in Siria

All'indomani dell'inizio dell'operazione militare contro le milizie curde nel nord-est della Siria, è scattata in Turchia la repressione interna contro i commenti ostili all'offensiva. La procura della capitale Ankara ha aperto stamani un'inchiesta per "propaganda terroristica" nei confronti dei co-leader del filo-curdo Hdp, terza forza nel Parlamento turco, i deputati Sezai Temelli e Pervin Buldan. Almeno altre 78 persone sono indagate per i loro post sui social media.

A cura di Davide Falcioni
10 Ottobre
09:35

Invasione in Siria, i curdi; "Abbiamo ucciso 5 soldati turchi"

"I curdi non hanno aiutato gli americani durante la Seconda Guerra Mondiale. Non ci hanno aiutati in Normandia, per esempio". Sono le parole pronunciate da Donald Trump per giustificare il tradimento del popolo curdo e la decisione di autorizzare l'invasione del nord della Siria da parte dell'esercito turco, un'operazione che – vista la sproporzione delle forze sul campo di battaglia – rischia di trasformarsi in un massacro per i combattenti curdi, da sempre in prima linea nella guerra allo Stato Islamico ma ance modello di progressismo per tutto il medio oriente, e non solo.

Il voltafaccia degli Stati Uniti potrebbe quindi consegnare intere aree del nordest della siria al controllo turco, paese che più volte è stato accusato di essere molto tollerante con i miliziani dell'Isis. "I curdi stanno combattendo per la loro terra", ha dichiarato Trump durante un evento organizzato alla Casa Bianca, aggiungendo che "non ci hanno aiutato durante la Seconda guerra mondiale. Non ci hanno aiutato in Normandia, ad esempio". Il Presidente degli Stati Uniti ha quindi affermato che, come americani, "abbiamo speso un mucchio di soldi per aiutare i curdi in termini di munizioni, in termini di armi, in termini di denaro, in termini di pagamenti". In ogni caso, "detto tutto questo, a noi piacciono i curdi", ma "ci sono diverse fazioni. Avete il Pkk, che è una fazione, e che ha lavorato con noi. Si tratta di un gruppo canaglia, ma ha lavorato con noi. Ma abbiamo speso tantissimo e loro stanno combattendo per la loro terra. Per cui quando dite ‘stanno combattendo per noi', sì. Loro stanno combattendo per la loro terra". La coalizione militare a guida Usa ha sostenuto militarmente e finanziariamente l'Ypg nell'ambito della lotta al sedicente Stato Islamico (Is) in Siria.

Nel frattempo stamattina il ministero della Difesa turco ha annunciato che le forze militari turche "hanno colpito finora 181 postazioni delle organizzazioni terroristiche nel nordest della Siria nel corso dell’Operazione Fonte di pace" iniziata ieri. Poco dopo l’annuncio di Ankara dell’inizio dell’offensiva di terra, il portavoce dell’SDF (le Forze Democratiche Siriane dominate dalle milizie curde YPG) Mustafa Bali ha detto dal canto suo su Twitter che "l’offensiva terrestre delle forze turche è stata respinta dai combattenti dell’SDF a Tal Abyad". Cinque militari turchi sarebbero stati uccisi.

A cura di Davide Falcioni
10.595 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni