76 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
News sul caso Daniela Santanchè

Respinta alla Camera la mozione di sfiducia a Matteo Salvini

76 CONDIVISIONI

È stata respinta alla Camera dei Deputati, con 211 voti contrari e 129 favorevoli, la mozione di sfiducia a Matteo Salvini, mentre domani si voterà quella a Daniela Santanchè.

Le votazioni si sono tenute per appello nominale. Italia Viva ha annunciato che non voterà a favore della mozione di sfiducia nei confronti di Daniela Santanché. Anche da Azione – il cui leader ha annunciato il voto a favore – sono stati espressi dei dubbi. La mozione sarà sostenuta dal Movimento Cinque Stelle, dal Partito democratico e dall'Alleanza Verdi e Sinistra. La maggioranza, invece, voterà contro.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
22:05

Salvini: "Figuraccia della sinistra, andiamo avanti col nostro lavoro"

"Grazie. Ennesima figuraccia della sinistra, andiamo avanti col nostro lavoro". È il commento che il ministro Salvini ha pubblicato su X dopo il respingimento della mozione di sfiducia nei suoi confronti.

A cura di Davide Falcioni
20:27

Respinta alla Camera la mozione di sfiducia a Matteo Salvini

La Camera ha respinto la mozione di sfiducia a Matteo Salvini: 211 i voti contrari, 129 invece i favorevoli. Non sono quindi bastati i numeri dell'opposizione per approvarla: a votare a favore c'erano i firmatari della mozione – quindi Azione, Pd, M5s e Avs – ma anche Italia Viva.

A cura di Davide Falcioni
19:58

Magi: "In un Paese normale Salvini non potrebbe fare il ministro"

"In un Paese normale, in un governo normale, il leader di un partito che sigla un accordo con Russia Unita di Putin che invade l'Ucraina, rapisce bambini e trucida intere città non dovrebbe nemmeno avvicinarsi a Palazzo Chigi, figuriamoci sedere nel Consiglio dei ministri da vicepremier. Il problema non è se passa o meno la mozione di sfiducia, che noi voteremo convintamente, ma che Salvini eserciti le funzioni di ministro, mettendo a rischio la sicurezza nazionale". Lo scrive su X il segretario di +Europa Riccardo Magi.

A cura di Davide Falcioni
19:19

Inizia la prima chiama per appello nominale sulla mozione di sfiducia

Terminate le dichiarazioni di voto, è iniziata la prima chiama per appello nominale sulla mozione di sfiducia nei confronti del ministro Matteo Salvini, sostenuta dalle opposizioni.

A cura di Annalisa Girardi
19:18

Richetti: "Problema è anche di Meloni, che poi va in Europa a dire che sosteniamo Kiev"

"Il problema non è di Salvini o della Lega ma della premier Meloni che va in Europa a dire che siamo con Zelensky, che sosteniamo Kiev e ha un vicepresidente del Consiglio con questo livello di ambiguità". Lo ha detto il capogruppo di Azione alla Camera Matteo Richetti, annunciando il voto favorevole alla mozione di sfiducia nei confronti del segretario della Lega Matteo Salvini, presentata a sua prima firma per i rapporti con il partito di Vladimir Putin, Russia Unita. Mozione che, ha osservato Richetti, "non porta la firma del gruppo di Italia Viva, e mi chiedo perché".

A cura di Annalisa Girardi
19:15

Romeo (Lega): "Senza cooperazione con la Russia l'accordo è venuto meno"

Con Russia Unita "l'accordo è venuto meno, la Lega ha fatto parte del governo Draghi e Meloni, che hanno contribuito a ridurre la dipendenza energetica dalla Russia". Lo dice il capogruppo della Lega, Riccardo Molinari, in dichiarazione di voto,sulla mozione di sfiducia nei confronti dii Matteo Salvini. "Se leggete l'ultimo punto dell'accordo si diceva che l'accordo non è vincolante, non serve esibire alcuna ricevuta di ritorno. Quella intesa era solo una manifestazione di interesse delle parti nell'interazione e nella cooperazione, se non c'è più la cooperazione, e la Lega è stata in prima fila in questo, automaticamente viene meno anche l'accordo, senza dover ricevere alcuna ricevuta di ritorno".

A cura di Annalisa Girardi
19:12

Quartapelle: "La nota della Lega non basta, votiamo la sfiducia a Salvini"

"Chiediamo la sfiducia a Matteo Salvini in virtù dei rapporti opachi che ha tenuto e continua a tenere con la Russia: potrete anche votare contro la mozione, ma la prima a fare questa scelta è stata Giorgia Meloni: non è sfuggito a nessuno che non ci sono uomini della Lega nei ministeri chiave come Esteri e Difesa. Abbiamo appreso con favore ieri la nota della Lega che ha preso le distanze da quell'accordo, e quindi anche da chi l'ha siglato, ma non c'è alcuna dichiarazione formale e finché non c'è dobbiamo ritenere quell'accordo ancora in voga". Lo ha detto Lia Quartapelle, deputata del Partito democratico in dichiarazione di voto sulla mozione di sfiducia a Matteo Salvini.

A cura di Annalisa Girardi
19:10

Faraone in dichiarazione di voto: "Assenza di Salvini quando si discute la sua sfiducia è inquietante"

"L'assenza di Salvini in Aula nel momento in cui si discute della mozione che lo riguarda è inquietante e significativa". Lo ha detto Davide Faraone, capogruppo di Italia Viva alla Camera, in dichiarazione di voto sulla mozione di sfiducia controMatteo Salvini. "Considerato che era presente durante il question time poco fa, o si trattava di un ologramma oppure se l'è data a gambe. Non metterci la faccia non è rispettoso nei confronti del Parlamento. E lo stesso vale per la premier e i ministri, che non mettono la faccia in sua difesa. Va anche detto che tra i firmatari di questa mozione ci sono degli intrusi perché tra il 2017 e il 2019 non si può notare alcuna differenza tra M5S e Lega nel rapporto con il partito di Putin. Azione non doveva chiedere le firme ai 5 stelle e loro avrebbero dovuto avere la decenza di non firmare. Salvini tuttavia è vice-premier e ha quindi accesso a informazioni sensibili. Il fatto che assuma posizioni, su Navalny, sulle elezioni in Russia, apertamente filo-putiniane dovrebbe imbarazzare il governo. Come fa Giorgia Meloni a stare nel governo con un vice-premier che dice le cose che Putin vuole si dicano? Per questo voteremo a favore della mozione di sfiducia contro Matteo Salvini", ha concluso

A cura di Annalisa Girardi
18:58

Conte: "Deprecabile che il governo si compatti su Santanchè e Salvini"

"Non so valutare" se le mozioni di sfiducia nei confronti dei ministri Santanchè e Salvini "abbiano come effetto quello di compattare il governo, certo sarebbe un compattamento in ‘peius', su una base di lesione della dignità delle istituzioni e dell'onore e del rispetto che si deve alle istituzioni". Lo dice il leader del M5S Giuseppe Conte, dopo aver visitato la mostra su Giacomo Matteotti a Palazzo Braschi.

"Se il compattamento avviene per una solidarietà di partito o di coalizione, per mascherare comportamenti che, al di là delle responsabilità penali, sono assolutamente gravi sul piano della responsabilità politica ed etica, io dico che il governo non sta facendo un buon servizio all'Italia anche in un contesto internazionale", ha rimarcato l'ex presidente del Consiglio. "Se il compattamento arriva su questo terreno – ha proseguito – noi non possiamo che deprecare e stigmatizzare fortemente l'operato del governo".

A cura di Annalisa Cangemi
18:09

Approvata la proposta di inversione dei lavori: stasera si vota la mozione contro Salvini, domani tocca a Santanchè

L'aula della Camera ha approvato con 168 voti di differenza la proposta della maggioranza di inversione dei lavori, dando precedenza alla votazioni delle mozioni di sfiducia contro il vicepremier Matteo Salvini e il ministro Daniela Santanchè. In serata dichiarazioni di voto e voto per appello nominale sulla mozione di sfiducia contro Salvini, domani dalle 9.30 dichiarazioni di voto e voto per appello nominale per la mozione di sfiducia contro Santanchè.

A cura di Annalisa Cangemi
17:38

Le mozioni di sfiducia contro Salvini e Santanchè saranno votate tra oggi e domani mattina

Il centrodestra ha chiesto l'inversione dell'ordine del giorno dei lavori dell'Aula della Camera e pertanto il voto delle due mozioni di sfiducia contro i ministri Matteo Salvini e Daniela Santanché dovrebbe avvenire tra oggi pomeriggio e domani mattina.

A cura di Annalisa Cangemi
15:53

Salvini abbandona la Camera dopo il question time: "Io assente al voto sulla sfiducia? Ho una riunione sulle concessioni autostradali"

"Ho una riunione sulle concessioni autostradali, vado a fare il mio lavoro di ministro", risponde al termine del question time il leader leghista e ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, a chi gli chiede se tornerà in Aula per la discussione sulla mozione di sfiducia nei suoi confronti presentata dalle opposizioni.

A cura di Annalisa Girardi
15:32

Conte: "Garantismo? Il punto è che si stanno disonorando le istituzioni"

"Garantismo per cosa quando c'è il disonore delle istituzioni? Qui la garanzia è che si stanno disonorando le istituzioni". Lo ha detto Giuseppe Conte al presidio Agi replicando a una domanda sulla posizione di Iv e il garantismo sul caso Santanchè. "Il garantismo è una cosa seria non lo invochiamo fuor di luogo. Ci sono garanzie costituzionali che riguardano i processi e che vanno garantite a tutti gli imputati e gli indagati ma è una cosa ben diversa sui stiamo parlando di responsabilità politica, di opportunità", ha aggiunto.

A cura di Annalisa Girardi
15:16

Marta Fascina torna alla Camera per le mozioni di sfiducia

Nel giorno del doppio voto sulle mozioni di sfiducia nei confronti dei ministri Matteo Salvini e Daniela Santanchè, torna dopo due mesi alla Camera anche Marta Fascina. La deputata di Forza Italia, vedova di Silvio Berlusconi, si è presentata in Aula già per le votazioni sulla proposta di legge dei teatri monumento nazionale. Il voto sulle mozioni è previsto più tardi, dopo il question time.

A cura di Annalisa Girardi
15:13

 "Si stanno disonorando le istituzioni per l'amichettismo", dice Giuseppe Conte

"Si stanno disonorando le istituzioni per l'amichettismo. Io ricordo la Meloni e la Santanchè che, a ogni stormir di fronda, quando erano all'opposizione chiedevano dimissioni per fatti molto meno gravi. Oggi mi sorprende che, di fronte a fatti e accuse così gravi e circostanziate, indipendentemente da quello che sarà l'esito della vicenda giudiziaria, si stiano disonorando le istituzioni". Lo ha detto il leader del M5S, Giuseppe Conte, a margine del presidio dell'Agi di questa mattina, al Pantheon.  "Da presidente del consiglio, quando capitò che un mio sottosegretario si era ritrovato in questa situazione, l'ho convocato e con tutto il rispetto per la persona, augurandogli di poter difendere le sue ragioni in sede giudiziaria, gli ho chiesto di fare un passo indietro, come è stato poi fatto", ha poi aggiunto.

A cura di Annalisa Girardi
15:01

Bonelli: "Centrodestra scelga se stare dalla parte della legalità o meno"

"Oggi la maggioranza di centrodestra deve decidere da che parte stare. Scegliere di appoggiare la legalità e la trasparenza, comporta inevitabilmente dire alla ministra Santanchè di fare un passo indietro, ed è incredibile che fino a oggi chi è sotto inchiesta, con una richiesta di rinvio a giudizio per truffa nei confronti dell'INPS, rimanga ancora in carica come Ministro della Repubblica. È un atteggiamento di un'arroganza incredibile. D'altra parte, il Ministro Salvini che continua a sostenere che le elezioni in Russia siano state un risultato importante per la democrazia e che le cause della morte di Navalny debbano essere stabilite dai medici o dalla magistratura, come se non fosse noto che la morte di Navalny è stata causata proprio dal regime russo. Inoltre, è evidente che Salvini non ha preso distanze ufficiali dal partito di Putin, Russia Unita; questa distanza formale non è ancora avvenuta fino ad oggi, ed è per questo che è giusto votare per le dimissioni sia di Santanchè che di Salvini". Lo ha detto il deputato di Avs e portavoce di Europa Verde, Angelo Bonelli.

A cura di Annalisa Girardi
14:29

Le mozioni di sfiducia saranno votate oggi, dicono fonti di governo

Saranno votate nella giornata di oggi le mozioni di sfiducia presentate nei confronti dei ministri Matteo Salvini e Daniela Santanchè. È quanto si apprende da fonti parlamentari di maggioranza. La maggioranza vuole chiedere una inversione dell'ordine del giorno (che vede in agenda due proposte di legge, oltre al question time) per anticipare e procedere subito all'esame della mozione di sfiducia Azione-Pd-M5s-Avs nei confronti del ministro per i Trasporti e le Infrastrutture e poi a quella nei confronti della ministra del Turismo. Le votazioni saranno per appello nominale e sarà con ogni probabilità necessaria una seduta notturna per concludere.

A cura di Annalisa Girardi
14:24

Romeo: "Santanchè? Ci fidiamo dei nostri alleati"

"Se votiamo contro le mozioni di sfiducia a Salvini e Santanchè? Ci mancherebbe altro" e su Santanché "ci fidiamo dei nostri alleati". Lo ha detto il capogruppo della Lega in Senato, Massimiliano Romeo, a Un giorno da Pecora. In caso di rinvio a giudizio? "Sono questioni che deve decidere lei, che devono verificare i nostri alleati".

A cura di Annalisa Girardi
13:45

Quando saranno votate le mozioni di sfiducia a Santanchè e Salvini

Dovrebbero essere votate nella giornata di oggi le mozioni di sfiducia presentate nei confronti dei ministri Matteo Salvini e Daniela Santanchè. È quanto si apprende da fonti parlamentari di maggioranza. Alla ripresa dei lavori, l'Aula della Camera procederà all'esame della pdl sul riconoscimento dei teatri monumento nazionale. Terminato l'esame del provvedimento, la maggioranza dovrebbe chiedere una inversione dell'ordine del giorno (che comprende altre due pdl, terzo settore e cessione crediti agricoli) per anticipare e procedere subito all'esame della mozione di sfiducia Azione-Pd-M5s-Avs nei confronti del ministro per i Trasporti e le Infrastrutture, per poi passare a quella nei confronti della ministra del Turismo. Le votazioni saranno per appello nominale e sarà con ogni probabilità necessaria una seduta notturna per concludere.

A cura di Annalisa Cangemi
13:40

Morani (Pd): "Se Santanchè fosse coerente dovrebbe dimettersi"

"Daniela Santanchè non ha nessuna coerenza: ha chiesto 18 volte le dimissioni di altri ministri quando non era al governo, per cui, coerentemente con quello che diceva di altri, dovrebbe farlo riguardo a se stessa". Lo ha detto Alessia Morani, componente della direzione Pd, a ‘L'aria che tira' su La7, sul caso Visibilia e la mozione di sfiducia per la ministra del Turismo.

"Il piano giudiziario – ha sottolineato Morani – va separato da quello dell'opportunità politica. Io sono garantista, ma non è questo il tema. Il tema è che all'interno di un governo c'è una ministra accusata di una presunta truffa ai danni dello Stato che riguarda la cassa integrazione covid. Abbiamo sentito dalla bocca di Santanchè parole di disprezzo assoluto nei confronti di tutte quelle persone povere che percepivano il reddito di cittadinanza ed ora, chi ha usato quel disprezzo nei confronti dei poveri, è accusato di un reato così grave. Anche se è presunto – fintantoché non ci sarà una condanna per me lei è innocente – il piano dell'opportunità politica è tutt'altra cosa rispetto a quello giudiziario".

A cura di Annalisa Cangemi
13:28

Conte: "Disonorano le istituzioni, Meloni e Santanchè chiedevano dimissioni per fatti meno gravi"

"Io ricordo che la Meloni e la Santanchè a ogni stormir di fronda quando erano all'opposizione chiedevano dimissioni per fatti molto meno gravi. Oggi mi sorprende che di fronte a fatti così gravi, ad accuse così gravi e circostanziate… indipendentemente da quella che sarà la vicenda giudiziaria, ma qui stiamo parlando dell'onore delle istituzioni e qui si stanno disonorando le istituzioni". Lo ha detto il presidente del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, parlando dell'inchiesta sulla ministra del Turismo e della mozione di sfiducia presentata contro di lei.

L'ex premier ha risposto ai cronisti a margine del sit-in di protesta dei giornalisti dell'Agenzia Italia. A chi gli ha chiesto se lui, da capo del Governo, avrebbe chiesto le dimissioni della ministra del Turismo, ha replicato: "Io l'ho dimostrato nei fatti, non è che lo avrei fatto: l'ho fatto quando è capitato come presidente del Consiglio che un mio sottosegretario si è trovato in questa situazione. L'ho convocato, poi, con tutto il rispetto per la persona, augurandogli di poter difendere le sue ragioni nella sede giudiziaria, gli ho chiesto di fare un passo indietro, com'è stato fatto, poi. In questo caso invece la ministra Meloni che parla tanto di meritocrazia, di credibilità delle istituzioni, sta disonorando le istituzioni per il famoso amichettismo dei parenti d'Italia". Quanto alle assenze dei ministri dalle aule parlamentari dove si discutono le mozioni di sfiducia loro indirizzate, "non lo so, c'è tanta retorica da parte di questo governo, loro ci mettono la faccia… Spesso è una faccia di bronzo, stavolta neppure ce la mettono", ha commentato Conte,

A cura di Annalisa Cangemi
12:39

Renzi: "Non chiediamo le dimissioni per un avviso di garanzia"

"Votiamo no alla sfiducia a Santanché perché basata sulle indagini giudiziarie che la riguardano. E noi non chiediamo le dimissioni per un avviso di garanzia o per un rinvio a giudizio. Il garantismo è tale se si applica a tutti, soprattutto agli avversari. Facile fare i garantisti con gli amici: la vera sfida è essere garantisti con gli avversari". Lo scrive su X il leader di Italia Viva Matteo Renzi. "Daniela Santanché ministra ha fallito e noi la contestiamo sul piano politico. Ma noi non usiamo le indagini per attaccarla. A differenza di quello che ha sempre fatto la stessa Santanché che ha chiesto in carriera le dimissioni di 18 ministri, tra cui tutti i nostri amici. Noi siamo profondamente diversi dalla Santanchè e da chi vive con la doppia morale. O da chi si professa custode autonominato di uno stato etico. Votiamo no alla sfiducia basata sul giustizionalismo", aggiunge.

A cura di Annalisa Girardi
11:38

Cosa ha detto la sottosegretaria Siracusano rispondendo alla discussione in Aula

"La tanto invocata separazione dei poteri non può essere usata a intermittenza, secondo convenienza di parte, e dovrebbe indurre il Parlamento a rispettare il lavoro della magistratura nel silenzio e con sobrietà, senza anticipare i processi. Questo ho sentito fare in aula. Questo non significa rispettare il lavoro della magistratura. Questa tipologia di dibattito può costituire un pericoloso precedente, rischia di attribuire alla magistratura una funzione di comporre e scomporre il governo. Funzione che non è sua e che non credo la magistratura vuole le sia attribuita. Ho trovato alcune accuse rivolte al presidente del Consiglio piuttosto lunari. Un elemento ha contraddistinto l'esperienza di Meloni sia all'opposizione che oggi, è la grande attenzione posta alla questione morale, tratto distintivo della sua esperienza politica. In altre circostanze ho ascoltare critiche legittime per la funzione dell'opposizione, oggi ritengo alcune accuse assolutamente irricevibili".

Lo ha detto la sottosegretaria ai Rapporti con il Parlamento Matilde Siracusano in aula alla Camera replicando, a nome del governo, nel dibattito sulla mozione di sfiducia dell'opposizione alla ministra del Turismo Daniela Santanchè.

A cura di Annalisa Girardi
11:25

Cosa ha detto Chiara Appendino alla Camera: "Nelle parole di Santanchè c'è arroganza e sessismo"

Nelle parole di Santanchè contro i percettori di reddito di cittadinanza c’è l’arroganza di chi si sente superiore ai cittadini. C’è la sfacciataggine di chi si sente sempre in ogni modo consapevole e di avere la verità in tasca, c’è il classismo di chi spargeva odio ritenendo la povertà una colpa, c’è l’ipocrisia, quell’ipocrisia che fa sì che si potesse elevare a giudice morale senza averne alcun titolo. So che non è qui perché ha preferito scappare dall’Aula e nascondersi, ma mi auguro che per dignità stia seguendo quello che accade in quest’Aula dalla tana e mi permetto di darle un consiglio ministra: abbia un sussulto di dignità, si dimetta”: lo ha detto Chiara Appendino, deputata del M5s, durante la discussione alla Camera sulla mozione di sfiducia nei confronti di Daniela Santanchè.

A cura di Annalisa Girardi
11:11

Fontana: "Mozioni di sfiducia? Richieste strumentali che lasciano il tempo che trovano"

"Mi sembra evidente che ci sarà una grande compattezza, anche perché si tratta di richieste strumentali che lasciano il tempo che trovano". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a proposito delle mozioni di sfiducia in discussione da oggi alla Camera ai ministri del Turismo e dei Trasporti, Daniela Santanchè e Matteo Salvini.

A cura di Annalisa Girardi
11:00

"Se Santanchè verrà rinviata a giudizio deciderà Meloni che cosa fare", dice il leghista Crippa

"Se ci dovesse essere un rinvio a giudizio deciderà la Meloni: la Santanchè è un ministro di Fratelli d'Italia, noi siamo garantisti, dopodiché  Meloni che è presidente del Consiglio e segretaria di Fratelli d'Italia deciderà di fronte a un rinvio a giudizio, è giusto che sia così. Non è la Lega che deve entrare nelle questioni degli altri partiti". Lo ha dichiarato il vicesegretario leghista Andrea Crippa prima di entrare alla Camera, impegnata nella discussione generale sulla mozione di sfiducia contro la ministra del Turismo Daniela Santanchè.

A cura di Annalisa Girardi
10:55

Piccolotti (Avs): "Ministra impenitente e sfrontata, si dimetta"

"Da destra veniamo continuamente richiamati al garantismo, ma è un richiamo che nel nostro caso non colpisce nel segno: non voteremo a favore della sfiducia con l'argomento della ministra indagata, ma con quello della ministra impenitente e sfrontata, che non sente alcuna responsabilità nei confronti delle persone che lavorano nelle sue aziende e non sente il dovere di rispetto che qualifica le persone per bene". Lo ha detto in discussione alla Camera la deputata di Avs, Elisabetta Piccolotti.

A cura di Annalisa Girardi
10:50

Alla discussione replica la sottosegretaria Siracusano: "Parlamento non rispetta magistratura"

"Alcune delle questioni poste in questo dibattito, i toni utilizzati, non fanno onore al Parlamento. La tanto invocata separazione dei poteri dovrebbe indurre il Parlamento a rispettare il lavoro della magistratura in silenzio. Anticipare i processi non è rispettare il lavoro della magistratura. Questo è un pericoloso precedente, perché rischia di attribuire alla magistratura la funzione di disfare o meno i governi": lo ha detto in replica la sottosegretaria Matilde Siracurano. La ministra Daniela Santanché non è presente in Aula.

A cura di Annalisa Girardi
10:45

Montecitorio semideserta, per ora tra i banchi del governo c'è solo la ministra Bernini

L'Aula della Camera, chiamata a discutere della mozione di sfiducia nei confronti di Daniela Santanchè, è semideserta. Ai banchi del governo è seduta solo la ministra dell'Università Anna Maria Bernini.

A cura di Annalisa Girardi
10:42

Scotto: "Accuse gravissime, non riguardano solo la magistratura ma l'idea dello Stato"

"La ministra non si è nemmeno degnata di venire in Parlamento. Di fronte ad accuse gravissime che non riguardano solo la magistratura, ma un'idea dello Stato, la ministra dopo un anno è ancora incollata alla poltrona. E la destra sta perdendo la faccia di fronte a queste accuse che riguardano una truffa ai danni dello Stato": lo ha detto il deputato del Pd Arturo Scotto, annunciando il voto a favore della mozione di sfiducia.

A cura di Annalisa Girardi
76 CONDIVISIONI
61 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views