2.780 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
17 Marzo 2022
00:01
AGGIORNATO18 Marzo

Le notizie del 17 marzo sulla guerra in Ucraina

2.780 CONDIVISIONI

I fatti più importanti del 22esimo giorno di conflitto:

  • Draghi dopo Cdm: "Putin non vuole la pace. No fly zone sarebbe entrare in guerra"
  • Capo negoziatore ucraino: "Possibile accordo con la Russia tra 10 giorni"
  • Turchia: "Possibile incontro Putin-Zelensky" 
  • 21 persone uccise a Merefa, nella regione di Kharkiv
  • Zelensky parlerà al Parlamento italiano martedì 22 marzo alle 11.00

Continua a leggere le notizie di oggi, 18 marzo

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina
17 Marzo
23:30

Kiev: "Consegnate 36 tonnellate di cibo e medicine"

Oltre 36 tonnellate di cibo e medicine sono state consegnate alle città di Hostomel e Bucha, a nord-ovest di Kiev, così come a tre villaggi a nord-est della capitale, aree maggiormente colpite dai missili russi. Lo fanno sapere fonti ucraine

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
23:20

Kiev: "Otto dei nove corridoi umanitari concordati hanno funzionato"

Otto dei nove corridoi di evacuazione concordati hanno funzionato come previsto nella giornata di oggi, giovedì 17 marzo, incluso uno fuori Mariupol. A dirlo fonti di governo ucraine secondo cui quasi 800 auto private hanno lasciato Mariupol, con più di 2.000 persone che hanno attraversato il territorio occupato dalla Russia fino alla città di Zaporizhzhia.

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
23:08

Di Maio: “Caro-benzina è speculazione, domani intervento del governo per fermarlo”

"Gli aumenti sull'energia sono speculazione, ora come governo interveniamo per ridurre i costi". Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ospite della trasmissione di Rete 4 Dritto e Rovescio, anticipa i contenuti del decreto taglia-prezzi, che dovrebbe essere approvato domani dal Consiglio dei ministri. Quest'ultimo abbasserà le accise sulla benzina e il gasolio di circa 15 centesimi, oltre a ridurre il costo delle bollette per famiglie e imprese.

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
22:58

Il sindaco di Velykoburlutska, vicino Kharkiv, è stato "catturato" dalle forze russe

Viktor Tereshchenko, sindaco di Velykoburlutska nella regione nord-orientale dell'Ucraina di Kharkiv, è stato catturato dalle forze russe. Lo denuncia in un videomessaggio Oleh Syniehubov, capo dell'amministrazione statale regionale di Kharkiv: “Victor Nikolaevich è stato prelevato dal suo posto di lavoro e portato alla stazione di polizia locale. Lo stanno trattenendo e non lo rilasceranno", ha detto Syniehubov. Solo ieri la notizia del rilascio del sindaco di Melitopol, Ivan Fedorov, che era stato catturato dalle forze russe e che è stato liberato durante uno scambio di prigionieri.

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
22:47

Mosca: "Nel teatro di Mariupol c'erano ostaggi dei nazionalisti ucraini"

Nel teatro di Mariupol non c'è stato nessun bombardamento russo, ma piuttosto una "presa di ostaggi" da
parte dei "nazionalisti ucraini". Lo ha dichiarato l'ambasciatore russo all'Onu, Vasily Nebenzya, parlando al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo Nebenzya, il battaglione Azov – considerato un obiettivo legittimo dalle forze russe – ha tenuto delle persone in ostaggio nel teatro che, ha precisato il diplomatico, "non è mai stato un obiettivo". L'ambasciatore ha quindi sostenuto che le forze ucraine
preparavano "una provocazione sanguinosa" e ha accusato la stampa occidentale di aver dato notizie sbagliate su quanto accaduto.

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
22:28

L'ex premier ucraina Tymoshenko: "Per fermare Putin serve 'no fly zone'"

"L'Ucraina non riuscirà a resistere da sola contro la Russia, se ci fosse una ‘no fly zone' l'Ucraina potrebbe vincere la guerra. Occorre capire che prezzo siamo disposti a pagare per difendere la libertà e la democrazia nel mondo". Lo ha detto Julia Tymoshenko, ex primo ministro ucraino a Piazza Pulita su La7. "Bisogna anche aumentare ancora le sanzioni", ha aggiunto

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
22:15

Il ministro degli Esteri francese Le Drian: "La Russia finge di negoziare"

La Francia accusa la Russia di "fingere di negoziare" con l'Ucraina. In una intervista a Le Parisien, il ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian, ha condannato la "logica russa che – ha detto – si basa su bombardamenti indiscriminati, cosiddetti ‘corridoi' umanitari pensati per poi accusare l'avversario di non rispettarli e colloqui con nessun altro obiettivo che fingere di negoziare".

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
21:53

Di Maio: "È la guerra di Putin, convincerlo a fermarsi. In Ucraina ancora 326 italiani"

"Questa guerra è una guerra di Putin, l'unico che può fermarla è lui. Stiamo lavorando con la diplomazia, e faremo tutto quello che serve, per convincerlo a fermarsi, per evitare che cadano ancora bombe sui civili e che scoppi una guerra mondiale". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Dritto e rovescio su Rete 4 aggiungendo che in Ucraina ci sono "ancora 326 italiani italiani, ne erano 2000. Il personale dell'Unità di Crisi fa un grande lavoro per contattarli ed aiutare a partire se lo vogliono".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
21:49

La Russia rinuncia a voto bozza Onu, mancano alleati

La Russia rinuncia al voto all'Onu sulla sua bozza di risoluzione umanitaria sull'Ucraina perché le mancano alleati. Lo riferiscono fonti diplomatiche.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
21:45

Zelensky ringrazia il ministro Franceschini per impegno per teatro Mariupol: "Grande esempio"

"Grazie Dario Franceschini. Dai il buon esempio da seguire. Insieme ricostruiremo il Paese fino all'ultimo mattone". Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, attraverso un tweet, ringrazia il ministro della Cultura Dario Franceschini, il
quale ha annunciato che l'Italia è pronta a ricostruire il Teatro di Mariupol.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
21:23

Consigliere ministro Interno svela identità cittadino Usa ucciso a Chernihiv

Il cittadino statunitense ucciso oggi a Chernihiv sarebbe James Whitney Hill, nato il 27 giugno 1954 in Minnesota. A riferirlo alla Cnn è stato Anton Gerashchenko, consigliere del ministro dell'Interno ucraino. In precedenza, il segretario di Stato Usa, Antony Blinken aveva confermato in conferenza stampa l'uccisione di un cittadino statunitense in Ucraina, precisando di non possedere ancora i dettagli sull'incidente.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
21:18

Zelensky sente Macron: "Avanti con dialogo pacifico"

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato di aver avuto un nuovo colloquio telefonico con il suo omologo francese Emmanuel Macron. "Si è discusso del sostegno agli ucraini nella lotta contro l'aggressione russa, in particolare nella sfera della difesa. L'accento è stato posto sul prosieguo del dialogo pacifico. Dobbiamo rafforzare la coalizione contro la guerra", ha scritto Zelensky su Twitter.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
21:00

Oms: "Finora 43 attacchi contro strutture sanitarie ucraine"

Sono stati confermati 43 attacchi contro strutture sanitarie dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina. Lo ha reso noto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, parlando al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. "In qualsiasi conflitto, gli attacchi contro le strutture sanitarie sono una violazione del diritto umanitario internazionale", ha dichiarato.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
20:50

Macron aumenta le spese militari: "Francia sia pronta ad una guerra di alta intensità"

Secondo il presidente Emmanuel Macron “la Francia deve potenziare il suo esercito per essere pronta a rispondere ad una guerra di alta intensità che può tornare sul nostro continente”. Lo ha detto nel corso della conferenza stampa di presentazione della sua campagna elettorale in vista delle prossime elezioni presidenziali.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
20:44

Camera Usa revoca alla Russia privilegi commerciali

La Camera Usa ha approvato, con 424 voti a favore e 8 contrari, il provvedimento che revoca alla Russia i suoi privilegi commerciali, aprendo la strada a dazi sui suoi prodotti. Il Senato dovrebbe valutare a breve la misura, che punta a isolare sempre di più la Russia sospendendo i suoi normali rapporti commerciali con gli Stati Uniti.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
20:32

Casa Bianca: telefonata Biden-Xi "concordata insieme"

La portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, ha detto che la telefonata di domani tra il presidente Usa, Joe Biden, e quello cinese Xi Jinping è stata "concordata di comune accordo" durante l'incontro del consigliere per la sicurezza nazionale statunitense, Jake Sullivan, lunedì scorso con la sua controparte cinese, a Roma. Psaki ha aggiunto che la telefonata sarà "un'opportunità per valutare la posizione del presidente Xi Jinping".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
20:18

Biden: "Putin è un dittatore omicida e un delinquente"

Vladimir Putin è un "dittatore omicida e un delinquente puro". Lo ha ribadito il presidente Usa Joe Biden, parlando a un evento a Capitol Hill in occasione della Festa di San Patrizio. Il presidente russo, ha detto Biden rincarando la dose, sta combattendo una "guerra immorale" contro il popolo ucraino.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
20:13

Kiev: "Oggi evacuate 3.810 persone"

Oggi complessivamente sono state evacuate 3.810 persone: 2.000 da Mariupol che hanno raggiunto la città di Zaporizhzhia e 1.810 sono stati evacuati da Vorzel, Bucha, Hostomel, Scevchenkove, Borodyanka. Lo riferisce Kyryl Scevchenko, il vice del capo dell'ufficio presidente suo canale Telegram spiegando che nei centri abitati della regione di Kiev sono stati consegnati circa 40 tonnellate di alimentari e di medicine.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
20:08

Sei persone uccise da bombe a grappolo in villaggio vicino Kharkiv

Almeno sei persone sono state uccise dalle bombe a grappolo lanciate in un villaggio a una cinquantina di chilometri a nord della città di Kharkiv, Kozacha Lopan. Lo ha riferito su Facebook il sindaco del vicino villaggio di Derguatchi, Vyatcheslav Zadorenko.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
19:43

La giornalista russa arrestata per il cartello in tv: "Mio figlio dice che ho rovinato la famiglia"

L'intervento in diretta di Marina Ovsyannikova durante il telegiornale.
L’intervento in diretta di Marina Ovsyannikova durante il telegiornale.

"Mio figlio ha detto che ho rovinato le nostre vite. Se ho paura? Certo che ne ho, un'auto potrebbe anche investirmi mentre cammino, ma non voglio lasciare la Russia", così in un'intervista Marina Ovsyannikova, la giornalista russa accusata di cospirazione contro il governo di Putin.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
19:34

Blinken: "D'accordo con Biden, Putin ha commesso crimini di guerra"

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato di essere d'accordo con le osservazioni di Joe Biden secondo cui il presidente russo Vladimir Putin è un "criminale di guerra" poiché le forze russe continuano ad attaccare le aree civili in Ucraina. "Ieri il presidente Biden ha affermato che, a suo avviso, in Ucraina sono stati commessi crimini di guerra. Personalmente sono d'accordo. Prendere di mira i civili è un crimine di guerra. Dopo la distruzione delle ultime tre settimane, trovo difficile concludere che i russi stiano facendo diversamente. Le conseguenze della guerra di Mosca si fanno sentire in tutto il mondo", ha detto, aggiungendo: "Non credo Putin voglia fermarsi. Siamo preoccupati che la Cina fornisca aiuti".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
19:21

Zelensky ha insignito il sindaco di Melitopol con l'Ordine di III grado "Per il coraggio"

Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha insignito il sindaco di Melitopol Ivan Fedorov, che era stato sequestrato dalle forze russe, con l'Ordine di III grado "Per il coraggio".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
19:18

Perché l’Ucraina sta usando i droni contro i russi secondo l'ex generale Landi

A Fanpage.it il generale ora in pensione Carlo Landi, già comandante del Reparto Sperimentale Volo dell’Aeronautica militare, ha spiegato perché l’Ucraina sta usando i droni contro i russi e quanto stanno aiutando a fermare l’invasione: "Non credo che la guerra possa essere decisa dai droni. Hanno una serie di missioni limitata: la superiorità aerea e le missioni di bombardamento le fanno ancora gli aerei da combattimento e i piloti. I droni aiutano sicuramente le truppe da terra ad avanzare ma sono comunque strumenti limitati e sono pochi. La tecnologia si evolverà e nei conflitti futuri avranno sicuramente un ruolo più decisivo".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
19:13

Anche un cittadino americano ucciso durante i bombardamenti a Chernihiv

C'è anche un cittadino statunitense tra le persone morte oggi nella città di Chernihiv, nel nord dell'Ucraina, a causa dei bombardamenti russi, ha detto la polizia ucraina. La notizia è stata anche confermata dalle autorità Usa. "Per rispetto alla famiglia in questo momento difficile, non abbiamo ulteriori commenti", ha aggiunto un portavoce del Dipartimento di Stato.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
19:01

Ministro della Difesa ucraino al Parlamento Ue: "I negoziati vanno male, serve la no fly zone"

L'esponente del governo Zelensky, Oleksii Reznikov, è intervenuto in collegamento con il Parlamento europeo, chiedendo all'Ue di inviare più armi ed imporre subito la no fly zone sull'Ucraina.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
18:40

Draghi: "Sanzioni alla Russia hanno conseguenze anche su di noi"

"Putin non vuole la pace. Sanzioni hanno conseguenze anche su di noi". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi nel corso di una conferenza stampa al termine del Cdm. "È comprensibile la preoccupazione per quanto sta avvenendo in Ucraina: tutti cerchiamo la pace ma purtroppo il presidente russo Vladimir Putin non la vuole". E ancora: "Le sanzioni alla Russia hanno conseguenze anche su noi stessi: ma tanto siamo convinti che queste sanzioni siano appropriate e che possano essere rafforzate, tanto il governo è pronto per aiutare imprese e famiglie in questo momento difficile. Bisogna stare attenti: Zalensky chiede l'entrata delle forze Nato nello spazio areo ucraino e questo non è possibile perché significherebbe entrare in guerra, è uno dei punti chiave all'interno della Nato e su cui c'è unanimità o quasi a cominciare dagli Usa". Il premier ha anche annunciato che vedrà il presidente Usa "Biden al vertice Nato giovedì, poi andrò a Washington entro 2-3 mesi".

Infine, Draghi ha anche aggiunto che "se le cose continuassero a peggiorare dovremmo cominciare ad entrare in una logica di razionamenti" ma ha premesso che non siamo in questa situazione, ma che bisogna "prepararci a questa evenienza. Da qui a lanciare l'allarme" però "ce ne corre".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
18:32

Macron: "Nelle prossime ore parlerò con Putin e Zelensky"

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha detto che parlerà di nuovo con Putin e Zelensky "nelle prossime ore". Macron, che oggi ha presentato il suo programma elettorale, ha anche fatto sapere di non escludere un viaggio a Kiev ma "al momento giusto" affinché la missione "sia utile a risolvere la crisi".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
18:29

Autorità di Mariupol: "30mila persone sono fuggite, 80% delle case è distrutto"

Circa 30mila civili sono fuggiti dalla città ucraina assediata di Mariupol, hanno fatto sapere le autorità locali, aggiungendo che "l'80% degli alloggi residenziali è stato distrutto", riferisce AFP. Ma sono circa 350mila i residenti che si nascondono nei rifugi e negli scantinati della città presa di mira dai bombardamenti russi degli ultimi giorni, hanno spiegato sempre i funzionari, descrivendo la situazione come "critica".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
18:03

Il Consiglio d'Europa sospende le relazioni con la Bielorussia

Il comitato dei ministri del Consiglio d'Europa, presieduto dall'Italia, ha deciso di sospendere tutte le relazioni con la Bielorussia perché il Paese sta attivamente partecipando all'aggressione della Russia contro l'Ucraina. Minsk non potrà più partecipare ad alcuna riunione o attività dell'organizzazione, né continuare a partecipare ad organismi come la Commissione di Venezia. Il comitato ha invece deciso di rafforzare le relazioni con la società civile bielorussa e con l'opposizione in esilio.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
18:01

Il ministro Franceschini: "Italia pronta a ricostruire il teatro di Mariupol"

"L'Italia pronta a ricostruire il Teatro di Mariupol. Approvata dal Consiglio dei ministri la mia proposta di offrire all'Ucraina mezzi e risorse per riedificarlo appena sarà possibile. I teatri di ogni paese appartengono a tutta l'umanità. #WorldHeritage". Lo annuncia su Twitter il ministro della Cultura, Dario Franceschini.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
17:55

Colloquio tra Papa Francesco e il cancelliere Scholz: "Necessario cessare le ostilità"

Papa Francesco ha avuto ieri un colloquio telefonico con il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Lo ha confermato il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni. Durante il colloquio, ha detto Bruni, entrambi "hanno convenuto circa l'assoluta necessità di cessare le ostilità e di cercare una soluzione pacifica del conflitto".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
17:54

C’è davvero il rischio di un incidente missilistico al confine Polonia-Ucraina?

Risponde Annalisa Girardi, vice capo di politica di Fanpage.it

Alcuni giorni fa un bombardamento russo a Leopoli ha causato decine di morti e feriti. L'esercito di Mosca ha anche attaccato la base militare di Yavoriv, dove è collocato il Centro internazionale per la pace e la sicurezza: si tratta della base militare dove l'anno scorso si erano svolte esercitazioni militari ucraine in coordinamento con la Nato. Sono luoghi a pochi chilometri dal confine con la Polonia: un missile russo, in altre parole, sarebbe potuto arrivarci senza sforzi. Ed è tornata la paura di un'escalation del conflitto che porti al diretto coinvolgimento della Nato. Si tratta di un rischio che è sempre alto, per quanto l'Alleanza Atlantica abbia sempre ribadito di non avere alcuna intenzione a entrare in guerra contro la Russia di Putin, pur confermando il suo sostegno all'Ucraina. Rischio che si sta cercando di evitare, ad esempio, negando l'istituzione di una No Fly Zone, come aveva invece richiesto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, o affermando di essere pronti ad accogliere Kiev all'interno dell'Alleanza. Evitare un allargamento del conflitto significa scongiurare una terza guerra mondiale. Chiaramente, però, la situazione è delicatissima: se infatti l'attacco russo arrivasse a Ovest fino in Polonia oppure a Sud, in Romania, entrambi due Paesi Nato, tutta l'Alleanza sarebbe costretta a rispondere, come stabilito dall'articolo 5 del Trattato.

A cura di Annalisa Girardi
17 Marzo
17:51

La Russia sta davvero commettendo dei crimini di guerra in Ucraina? Cosa significa?

Risponde Chiara Ammendola, redattrice cronaca estera di Fanpage.it

La Corte penale internazionale all'Aia, il tribunale che si occupa di individuare gli eventuali crimini internazionali che violano i codici di condotta da tenere durante le operazione belliche, ha aperto un'inchiesta sui comportamenti assunti dalla Russia nella guerra in corso in Ucraina. A denunciare la violazione dei codici accusando il governo di Mosca di crimini di guerra è stata la stessa Ucraina secondo cui le truppe russe avrebbero utilizzato armi vietate e avrebbero inoltre colpito obiettivi civili. Nello specifico la Russia, dall'inizio della guerra lo scorso 24 febbraio, avrebbe non solo attaccato città come Mariupol mentre erano in corso le evacuazioni dei civili, avrebbe bombardato un asilo a Okhtyrka, nell’est dell’Ucraina, e avrebbe utilizzato le bombe a grappolo a Kharkiv e quelle termobariche in aree densamente popolate dai civili.

Il procuratore capo della Corte, Karim Asad Ahmad Khan, ha accolto la richiesta del governo di Kiev sottolineando che "ci sono a tutti gli effetti delle basi per credere che la Russia abbia commesso crimini di guerra dallo scoppio del conflitto. E di conseguenza tutti i presupposti per aprire un'indagine". L'inchiesta andrà avanti per accertare la veridicità delle accuse mosse dall'Ucraina e sottoporre eventualmente a processo i leader militari russi e lo stesso presidente russo Vladimir Putin che rischia una condanna all'ergastolo come già accaduto in passato a Slobodan Milosevic, ex presidente della Serbia accusato di crimini di guerra in Croazia, oppure a Radovan Karadzic, ex presidente della repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina.

C'è una distinzione importante da fare che riguarda i crimini di guerra e i crimini contro l'umanità. Secondo il diritto internazionale, quindi l'insieme di norme che valgono per l'intera comunità internazionale, il crimine di guerra è un atto che viola le leggi del diritto bellico e chi lo compie viene identificato personalmente come criminale di guerra. Sono considerati crimini di guerra l'utilizzo di armi vietate, saccheggi e il maltrattamento o la tortura dei prigionieri. Un crimine contro l'umanità invece riguarda gli atti compiuti contro la popolazione civile come deportazioni, uccisioni di massa e torture. Entrambi sono definiti dallo Statuto della Corte Penale Internazionale.

A cura di Chiara Ammendola
17 Marzo
17:46

Capo negoziatore ucraino: "Possibile un accordo entro 10 giorni"

"Potrebbero essere necessari da pochi giorni a una settimana e mezza per trovare un accordo sui punti controversi" nei negoziati tra le delegazioni russa e ucraina. Lo ha detto il capo negoziatore ucraino Mykhailo Podolyak in un'intervista ai media polacchi. "La firma di un accordo di pace porrà fine alla fase acuta del conflitto, ci permetterà di onorare tutti coloro che sono stati uccisi e iniziare la ricostruzione del Paese", ha aggiunto.

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
17:41

Come mai le sanzioni non stanno fermando Putin?

Risponde Ida Artiaco, redattrice cronaca estera di Fanpage.it. 

Non sappiamo ancora se le sanzioni imposte dall'Occidente al presidente russo Vladimir Putin serviranno a fermarlo. Al momento, la sua offensiva in Ucraina continua ma sul lungo periodo ancora nessuno può prevedere come evolverà la situazione.

Certo è che il numero uno del Cremlino non ha nascosto di essere rimasto profondamente infastidito dalle sanzioni imposte, sia alle aziende russe e banche che ad una serie di oligarchi a lui vicini: "Io consiglierei di non esacerbare la situazione, non introdurre nessuna restrizione, noi continueremo a rispettare i nostri obblighi", aveva detto lo scorso 4 marzo. Ancora ieri, intervenendo sulla televisione russa durante la trasmissione di una riunione di governo, ha paragonato le sanzioni occidentali allo sterminio degli ebrei compiuto dai nazisti. "Cercando di cancellare la Russia l’Occidente ha gettato la sua maschera di civilizzazione e ha cominciato ad agire in modo bellicoso, dimostrando la sua vera natura: è una cosa comparabile ai pogrom che i nazisti perpetrarono contro gli ebrei negli anni ’30 del ‘900", ha dichiarato.

Come ha spiegato l'europarlamentare del Movimento Cinque Stelle Fabio Massimo Castaldo a Fanpage.it, "abbiamo fatto saltare una parte dei piani di Vladimir Putin che si basavano proprio su un'azione disgregata e disarticolata dell'Europa. Sperava di vedere un contraddittorio molto violento. Invece la risposta sanzionatoria è stata probabilmente la più dura di sempre". Al momento, l'Unione europea da sola ha varato quattro pacchetti di sanzioni, molte delle quali ancora non fanno sentire il loro effetto, ed è pronta ad aumentarli se l'offensiva russa in Ucraina dovesse continuare. È dunque una questione di tempo. La speranza è che possano costringere Putin a fermarsi prima che l'economia russa vada a rotoli.

Lo ha confermato a Fanpage.it l’economista Marcello Messori, secondo il quale la Russia non rischia un collasso nel breve periodo: "Ha sicuramente difficoltà di gestione dei circuiti finanziari, però non dobbiamo illuderci che le sanzioni adottate fino ad ora portino a un collasso a breve termine". Ma ciò potrebbe avvenire a partire dal 15 aprile. "Non credo che nell'immediato – ha aggiunto – la Russia rischi un collasso. Anche perché la Russia ha altri mercati di sbocco, a cominciare da una parte dell'Asia. Nel lungo periodo poi io credo che essere emarginati da gran parte dei sistemi economici avanzati avrebbe un costo davvero elevato. Ma nel lungo periodo possono intervenire molti fattori, soprattutto di tipo non economico, e non è facile fare una previsione".

A cura di Ida Artiaco
17 Marzo
17:32

A Mariupol distrutto il 90% degli edifici

Le autorità di Mariupol hanno affermato che il 90% degli edifici della città è stato distrutto dalle forze russe nei bombardamenti quotidiani della città. Ne dà notizia la Bbc.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
17:09

Lo yacht dell’oligarca ex agente del KGB bloccato in Norvegia: “Nessuno vuole fornire carburante”

Lo yacht dell’oligarca russo ex agente del KGB Vladimir Strzhalkovsky è bloccato in Norvegia senza carburante per poter ripartire. L’imbarcazione, non interessata dalle sanzioni, da giorni non ha disponibilità di carburante per riaccendere i motori. “Nessuno vuole rifornirlo per solidarietà all’Ucraina”. L'articolo.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:57

La storia di Olga, medico e mamma di 12 figli morta al fronte in Ucraina

Immagine da Facebook.
Immagine da Facebook.

La storia di Olga Semidyanova, medico e mamma di 12 figli, di cui 6 adottati: è morta a 48 anni al fronte in Ucraina tra le regioni di Donetsk e Zaporizhzhya dove combatteva contro i russi. L’appello della famiglia: “Ridateci almeno il suo corpo”.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:45

Guerra Ucraina: 21 persone uccise a Merefa, nella regione di Kharkiv

A seguito dei bombardamenti della città di Merefa nella regione di Kharkiv, 21 persone sono state uccise e altre 25 sono rimaste ferite. Dei feriti, 10 sarebbero in gravi condizioni. Lo riferisce "Ukrainska Pravda" citando l'ufficio del procuratore regionale di Kharkiv. "Una scuola e un centro culturale sono stati distrutti. 21 persone sono rimaste uccise e 25 ferite, di
cui 10 in gravi condizioni ", viene spiegato.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:38

Ucraina, Human Rights Watch: "Bombe a grappolo russe su Mykolaiv in tre date diverse"

I russi hanno lanciato bombe a grappolo sulla città di Mykolaiv in almeno tre diverse date. Lo denuncia Human Rights Watch (Hrw) secondo la quale gli attacchi sarebbero avvenuti il
7, l'11 e il 13 marzo. Analizzando i filmati circolati sui social e le testimonianze raccolte, Human Rights Watch ha detto che quelli condotti a Mykolaiv "potrebbero equivalere a crimini di
guerra". L'ong afferma che "le bombe a grappolo rappresentano una minaccia immediata per i civili durante il conflitto spargendo in modo casuale submunizioni o bombe su una vasta area. Continuano a rappresentare una minaccia dopo il conflitto lasciando resti, comprese le bombe che non esplodono nell'impatto e diventano di fatto mine antiuomo".

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:32

Zelensky visita feriti in ospedale: "Si proteggevano a vicenda con i loro corpi"

Il presidente ucraino Zelensky è tornato in ospedale per visitare i feriti dei bombardamenti russi. In un video diffuso su Facebook si vede Zelensky che si ferma a salutare e parlare con alcune persone costrette in ospedale. “Si proteggevano a vicenda con i loro corpi” si legge su Facebook.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:26

Fonti: "Ancora non pagate le cedole dei bond russi: pagamento da 117 milioni era atteso ieri"

Alcuni degli obbligazionisti dei due eurobond russi che attendevano ieri il pagamento di due cedole per circa 117 milioni di dollari, al momento, non avrebbero ancora ricevuto l'accredito. Lo dice all'Ansa una fonte finanziaria, dopo che oggi Mosca aveva allontanato l'ipotesi di un default, affermando di aver adempiuto all'obbligo di pagamento a una banca corrispondente estera e che avrebbe dato notizia dell'accredito dei fondi agli investitori da parte di Citibank. Nei giorni scorsi la Russia aveva fatto temere il default affermando che avrebbe pagato gli investitori dei Paesi ‘ostili' in rubli. Mosca ha poi accettato di pagarli in dollari e derogato alle sue ‘contro-sanzioni' che impedivano il deflusso di capitali dal Paese. I fondi potrebbero essere temporaneamente bloccati in attesa del via libera delle autorità statunitensi.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:17

Secondo il consigliere di Zelensky la posizione della Russia nei negoziati "si è ammorbidita"

Il consigliere del presidente ucraino Mikhail Podolyak ha detto che la posizione della Federazione Russa nei negoziati con l'Ucraina si è ammorbidita. Lo ha detto in un'intervista ai media polacchi, a rilanciarla l'agenzia ucraina Unian. Secondo Podolyak, i russi "sono pienamente consapevoli delle difficoltà in cui si trovano. Il mondo intero ha visto che il secondo esercito più potente (del mondo; ndr) è stato costretto a chiedere aiuto a Cina, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan, perché ha incontrato la resistenza ucraina, che, tra l'altro, non è mai stato uno Stato militare. Questo mito della potenza della Russia e del rispetto che merita, coltivato con cura in Occidente, è crollato", ha aggiunto. Secondo Podolyak, è evidente che in questa situazione l'Ucraina non accetta compromessi che in qualche modo interferirebbero con gli interessi nazionali: e l'Ucraina è determinata a combattere fino alla fine delle sue forze; anche perché "ora in molte zone è l'esercito ucraino che ha lanciato una controffensiva".

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:09

Come accogliere in Italia bambini e mamme in fuga dalla guerra

Cristina Riccardi, vicepresidente e responsabile del servizio affidi di Ai.Bi. Amici dei Bambini, ha spiegato a Fanpage.it come aiutare i bambini ucraini che fuggono alla guerra: “No ad adozioni e affidi. Accogliere questi bambini è dare una disponibilità temporanea sapendo che può durare un mese o un anno”. Tutte le informazioni.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
16:04

Vice premier ucraina: "Quello che sta avvenendo qui è come Srebrenica, è un genocidio"

"Quello che sta avvenendo in Ucraina è come Srebrenica, è un genocidio. Non so quando rivedrò la mia famiglia, stiamo lavorando per il nostro Paese": le parole in una intervista a Rainews della vice-premier ucraina Stefanishyna.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
15:51

Guerra Ucraina, Gentiloni: "Non escludo nuove sanzioni anche in campo energetico"

"Non escludo nuove sanzioni anche in campo energetico, non sono però imminenti". Lo ha detto il commissario Ue per gli affari economici Paolo Gentiloni a SkyTg24. "Cerchiamo di distinguere un principio di fondo: la libertà e la difesa della pace hanno un prezzo. Non è gratis quello che dobbiamo fare. Avrà un costo per la nostra economia e lo sta già avendo". "Questo non coincide necessariamente con alcune misure che potrebbero avere un prezzo maggiore, la discussione è aperta non è affatto conclusa", ha sottolineato sottolineando l'impatto "devastante" già avuto sulla Russia dalle sanzioni.

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
15:38

Esa, sospesa missione su Marte di Europa e Russia: "Pienamente allineata alle sanzioni"

Il Consiglio dell'Esa valutando la situazione derivante dalle guerra in Ucraina ha deciso all'unanimità di sospendere la missione ExoMars. Viene riconosciuta "l'impossibilità" di svolgere la cooperazione in corso con Roscosmos. "In quanto organizzazione intergovernativa incaricata di sviluppare e attuare programmi spaziali nel pieno rispetto dei valori europei, deploriamo profondamente le vittime umane e le tragiche conseguenze dell'aggressione all'Ucraina – si legge in una nota -, pur riconoscendo l'impatto sull'esplorazione scientifica dello spazio, l'Esa è pienamente allineata alle sanzioni imposte alla Russia dai suoi Stati membri".

A cura di Susanna Picone
17 Marzo
15:30

Podolyak: "Russia fa propaganda, la verità è nelle città ucraine bombardate"

"La Russia vuole convincere il mondo che non distrugge le aree residenziali, non bombarda le città e non causa vittime tra la popolazione civile. Questa è propaganda completamente falsa. La verità è in migliaia di città, case e persone distrutte. La verità è nelle catastrofi umanitarie causate dalla Russia". Lo ha scritto il consigliere del presidente ucraino Zelensky, Mykhailo Podolyak, in un tweet sul suo profilo ufficiale

A cura di Gabriella Mazzeo
17 Marzo
14:57

La Turchia: "Possibile incontro faccia a faccia tra Zelensky e Putin"

Il presidente russo Vladimir Putin potrebbe incontrare dal vivo il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky. A dirlo il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, come riporta il quotidiano Sabah, parlando ad una conferenza stampa congiunta con l'omologo ucraino Dmytro Kuleba durante una visita a Leopoli in Ucraina. Oggi c'è stata una telefonata tra il presidente turco Erdogan e il leader russo.

A cura di Davide Falcioni
17 Marzo
14:49

“Dieci anni buttati in due settimane”: per gli economisti russi le sanzioni possono distruggere Putin

Nervosismo davanti agli scaffali vuoti. Chiude per tre settimane la più grande fabbrica di auto. Rischio default. La ricetta di Putin? Un impossibile ritorno all’Urss. Gli analisti: “Per riparare i danni fatti un due settimane servirà almeno un decennio”.

A cura di Davide Falcioni
17 Marzo
14:43

L'azienda energetica ucraina: "No motivi di preoccupazione per sicurezza nucleare in Ucraina ed Europa"

"Non ci sono motivi di preoccupazione per la sicurezza nucleare in Ucraina e in Europa per via delle interruzioni di corrente alla centrale Chernobyl. La situazione è sotto controllo. Sono in corso i lavori per ripristinare entrambe le linee che portano corrente alla centrale". A dirlo a Ukraine Media Center Volodymyr Kudrytskyi, dirigente dell'azienda energetica nazionale ucraina ‘Ukrenergo'.

A cura di Davide Falcioni
17 Marzo
14:36

Alle 20 riunione d'emergenza del Consiglio di Sicurezza dell'ONU

Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu torna a discutere della guerra in Ucraina alle 15 locali, le 20 italiane. L'incontro di emergenza è stato chiesto chiesto ieri da Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Albania, Norvegia e Irlanda a causa del deterioramento della situazione umanitaria. "La Russia sta commettendo crimini di guerra e prende di mira i civili", ha affermato la missione diplomatica di Londra presso le Nazioni Unite, sottolineando che "la guerra illegale di Mosca contro l'Ucraina è una minaccia per tutti noi".

A cura di Davide Falcioni
17 Marzo
14:23

Lukashenko: "Se l'Ucraina continuerà a provocarci risponderemo"

Il presidente bielorusso Aleksander Lukashenko ha affermato che se l'Ucraina continuerà la sua escalation e a provocare la Bielorussia, Minsk risponderà. "Se solo l'Ucraina continua la sua escalation contro la Bielorussia, allora risponderemo", ha dichiarato in un'intervista al canale televisivo giapponese Tbs, rilanciata dai media bielorussi.

A cura di Davide Falcioni
17 Marzo
14:08

Ucraina, Ue: "Assedio a Mariupol è disumano, Russia torni al diritto"

Mariupol
Mariupol

"Esortiamo la Federazione russa a tornare rapidamente al rispetto del diritto internazionale, in particolare dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario internazionale". Lo ha ribadito il portavoce della Commissione Ue Peter Stano nel punto stampa quotidiano. "Ieri purtroppo abbiamo visto di nuovo le continue atrocità russe commesse in Ucraina, assistito al bombardamento di un rifugio civile nell'edificio del teatro di Mariupol, una città che continua ad essere assediata dalle forze russe – ha sottolineato -. Questo assedio è disumano e il bombardamento continuo della città di Mariupol è riprovevole. Costituisce una grave e grave violazione del diritto internazionale. L'assedio deve essere revocato, i bombardamenti e gli attacchi contro i civili in Mariupol devono fermarsi e lo stesso vale per l'intera aggressione da parte delle forze russe sul territorio ucraino".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
14:00

Perchè Zelensky ha detto che l’assedio di Mariupol finirà come quello di Leningrado

Il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha paragonato l'assedio russo a Mariupol a quello dei tedeschi nazisti a Leningrado (oggi San Pietroburgo) durante la Seconda Guerra Mondiale. La scelta del Presidente non è casuale se si pensa a quanto quel momento della Storia russa sia simbolico della difesa strenua contro l'invasore da parte della popolazione civile. Una scelta che in qualche modo ribalta anche quella che è la narrazione putiniana – che da tempo, ormai, parla dell'Ucraina come di un Paese che si è venduto ai valori occidentali -, scegliendo proprio una delle battaglie simbolo della Seconda Guerra Mondiale e della sconfitta nazista in Russia, col fallimento dell'Operazione Barbarossa.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:57

La Bielorussia minaccia l'Ucraina, Lukashenko: "Se continua escalation Minsk risponderà"

"Se l'Ucraina dovesse continuare la sua escalation contro la Bielorussia, Minsk non la lascerà senza risposta" è l'aperta minaccia a Kiev da parte del presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko, citato dalla Tass. Lukashenko ha aggiunto che se il presidente ucraino Volodymyr Zelensky di rifiuta di firmare un accordo con Putin, poi sarà costretto a firmare un atto di capitolazione. "Sono convinto che l'operazione speciale in Ucraina finirà presto" ha però affermatè il presidente della Bielorussia, in un'intervista al canale tv giappone ‘Tbs' secondo quanto riferisce l'agenzia bielorussa ‘Belta'.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:49

Perché il 15 aprile la Russia potrebbe fallire e cosa succede con la guerra in Ucraina

Il Cremlino ha detto che la Russia non rischia il default, a causa delle sanzioni economiche inflitte per la guerra in Ucraina. Secondo l’economista Marcello Messori non rischia un collasso nel breve periodo: “Ha sicuramente difficoltà di gestione dei circuiti finanziari, però non dobbiamo illuderci che le sanzioni adottate fino ad ora portino a un collasso a breve termine”, ha detto a Fanpage.it.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:43

La Gran Bretagna annuncia installazione di sistema antimissili e invio soldati in Polonia

La Gran Bretagna annuncia l'installazione di un proprio sistema antimissili in Polonia. Lo ha rivelato oggi il ministro britannico della Difesa, Ben Wallace, al termine dell'incontro con il suo omologo polacco, Mariusz Blaszczak. L'obiettivo, ha spiegato Wallace, è aiutare Varsavia a proteggere il suo spazio aereo contro una eventuale aggressione russa. "Posso annunciare che abbiamo deciso di installare in Polonia Sky Sabre, sistema di difesa aerea a medio raggio, dispiegando un centinaio di persone", ha affermato Wallace sottolineando che la Polonia "ha sulle sue spalle una grande parte del fardello delle conseguenze di questa guerra" in Ucraina. Wallace non ha fornito una data per l'installazione del sistema.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:37

Guerra Ucraina, Unhcr: “Molti bambini ucraini in fuga da soli dalla guerra: rischiano abusi e violenze”

“Molti bambini ucraini sono in fuga da soli dalla guerra: rischiano abusi e violenze” a ricordarlo è Chiara Cardoletti, rappresentante per l’Italia dell’UNHCR. "Molti minori ucraini fuggono da soli. Servono urgentemente meccanismi che assicurino loro protezione” ha spiegato Cardoletti a Fanpage.it, sottolineando: "Trattandosi di bambini e bambine, ma anche giovani donne, parliamo di soggetti estremamente vulnerabili a prescindere, ma quando devono attraversare un confine statale lo diventano ancora di più perché aumenta il rischio che subiscano abusi e violenze, possono finire in "mani sbagliate", soprattutto bambine e ragazze. Immaginate un bimbo che viaggia da solo, che si affida poi a un adulto. Capite bene cosa può accadere. Per questo servono con la massima urgenza meccanismi che assicurino loro protezione, identificandoli e affidandoli a delle strutture sicure in attesa che possano ricongiungersi con genitori o altri parenti molto stretti".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:24

Zelensky parlerà in collegamento con il Parlamento italiano martedì prossimo

Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky parlerà in videoconferenza con il Parlamento italiano il 22 marzo prossimo. L'intervento a Montecitorio è in programma per martedì prossimo alle ore 11. Lo si apprende dalla riunione dei capigruppo della Camera, che è in corso

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:18

Il presidente americano Joe Biden parlerà con Xi Jinping domani sull'Ucraina

Il presidente americano Joe Biden venerdì avrà un colloquio diretto con il presidente cinese Xi Jinping sull'Ucraina. Lo fano sapere dalla la Casa Bianca. "Il presidente  Biden, parlerà con il presidente Xi Jinping venerdì. Il coloquio fa parte dei nostri continui sforzi per mantenere aperte le linee di comunicazione tra gli Stati Uniti e la Repubblica di Cina. I due leader discuteranno della gestione della competizione tra i nostri due paesi, della guerra della Russia contro l'Ucraina e di altre questioni di reciproco interesse" si legge nella nota diffusa da Washington. Oggi il portavoce del ministero del Commercio di Pechino, Gao Feng, ha dichiarato che la Cina ha l'intenzione di mantenere una normale cooperazione economica e commerciale con Russia e Ucraina. La Cina, ha scandito, "continuerà a condurre la normale cooperazione economica e commerciale con la Russia e l'Ucraina sulla base di principi del rispetto reciproco, dell'uguaglianza e del vantaggio reciproco".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:11

Di Maio: "Unità di crisi per aziende italiane colpite da situazione in Ucraina"

In seguito alla crisi ucraina "stiamo intraprendendo azioni concrete per mitigare le gravi conseguenze della crisi su famiglie e imprese italiane. Alla Farnesina è già nata un’Unità di crisi dedicata, con l’obiettivo di assicurare assistenza alle aziende italiane a fronte delle ripercussioni economiche del conflitto". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio intervenendo all'evento Let Expo organizzato da Alis in collaborazione con Veronafiere. Intanto la Camera ha dato l'ok al dl Ucraina con 367 sì 25 contrari e 5 astenuti.. Il testo varato dal governo per far fronte all'emergenza determinata dal conflitto in Ucraina passa ora al Senato. Il dl prevede la partecipazione, fino al 22 settembre ,di personale militare alle iniziative Nato per l'impiego di forza a elevata prontezza, e fino al 31 dicembre al potenziamento di dispositivi Nato. Prevista cessione di equipaggiamenti militari non letali di protezione all' Ucraina e procedure per assistenza.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
13:00

In Italia arrivati oltre 50mila profughi dall'Ucraina, maggioranza donne e bambini

Sono oltre 50mila i profughi arrivati finora in Italia dall'Ucraina in guerra. Secondo l'ultimo aggiornamento dei dati del Viminale sono precisamente 50.649 i rifugiati nel nostro Paese. La maggioranza rimane composta da donne, 25.846, e da minori, 20.478, mentre gli uomini sono 4.325. Le principali città di destinazione dichiarate al momento dell'ingresso in Italia sono ancora Milano, Roma, Napoli e Bologna. Secondo le stime delle Nazioni Unite, più di tre milioni di persone sono fuggite dall'Ucraina da quando la Russia ha invaso il Paese. La stragrande maggioranza  sono in Polonia e negli altri Paesi confinanti.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
12:51

Lavrov: “Aiuteremo ricostruzione Siria”, Kiev: "Assad ha promesso 40mila soldati a Mosca”

"Come Russia, una delle nostre priorità è quella di fornire aiuti umanitari ai siriani e contribuire alla ricostruzione delle infrastrutture” danneggiate dal conflitto in Siria, lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov nel suo incontro a Mosca con capo della diplomazia degli Emirati Arabi Uniti Sheikh Abdullah bin Zayed Al Nahyan. Lavrov ha definito “necessario” il “ritorno della Siria nella Lega Araba”. Secondo Kiev questa apertura farebbero parte di un accorso tra Mosca e Assad. “Il presidente siriano Bashar al-Assad ha promesso di fornire alla Russia 40mila militanti per la guerra in Ucraina”, che vengono reclutati dal comando russo della base di Khmeimim, in Siria. Lo scrive l’agenzia Unian citando fonti dell’intelligence ucraina.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
12:43

Mosca: "Abbiamo colpito deposito di armi ucraino nella regione di Rivne"

Le forze russe avrebbero colpito un deposito di armi e munizioni ucraino nella regione di Rivne. Lo ha reso noto il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov. "La sera del 16 marzo, armi di precisione hanno colpito un deposito di munizioni a Sarny, nella regione di Rivne", ha detto Konashenkov in una conferenza stampa. "Il deposito, che conteneva missili e munizioni, compresi i missili tattici Tochka-U, è stato distrutto", ha aggiunto.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
12:32

Bce, Lagarde: pronta a ogni misura se guerra in Ucraina soffoca ripresa

"Abbiamo deciso che, se le prospettive cambiano e le condizioni di finanziamento diventano incompatibili con ulteriori progressi verso il nostro obiettivo del 2%, siamo pronti ad adeguare la dimensione e/o la durata dei nostri acquisti. In questo modo, manteniamo aperta l'opzione di prendere qualsiasi misura necessaria se le conseguenze economiche della guerra dovessero aggravarsi e soffocare l'attuale percorso di ripresa". Lo ha sottolineato il presidente della Bce, Christine Lagarde, intervenendo a una conferenza

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
12:21

Scholz: “Nato non entrerà in questa guerra”

"Intendo essere molto chiaro: la Nato non interverrà militarmente in questo conflitto", lo ha affermato il cancelliere tedesco Olaf Scholz alla conferenza stampa al fianco del segretario generale dell'Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg. "La Germania fornisce il proprio contributo", ha aggiunto il cancelliere tedesco, ed è "al fianco dell'Ucraina e del suo popolo". A detta di Scholz, "solo il presidente Putin porta la responsabilità" delle vittime, quindi "dobbiamo fare tutto il possibile per far tacere le armi". Secondo il cancelliere, il capo del Cremlino "punta solo sulla violenza". Scholz ha anche ribadito che la Nato, anche "per garantire la sicurezza di tutti i suoi membri", al suo interno "continuerà a discutere su come rafforzare" l'alleanza.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
12:12

Almeno 130 persone estratte vive dal teatro a Mariupol: "Un miracolo"

Sono almeno 130 le persone uscite vive dal teatro di Mariupol colpite dal bombardamento russo di ieri. A riportatore la notizia è la parlamentare ucraina Olga Stefanyshyna. "Buone notizie di cui avevano bisogno. Il rifugio antiaereo vicino al Mariupol Drama Theatre ha resistito. Circa 130 persone sono già state salvate. Le macerie  vengono rimosse", ha scritto su Facebook la deputata esultando: "Questo è un vero miracolo".  Già nelle scorse ore le autorità locali avevano confermato che vi erano molti sopravvissuti al crollo del palazzo perché il rifiglio anti aereo dove si trovavano le persone aveva tenuto. I soccorsi stanno continua noia  rimuovere le macerie per permettere ai civili sopravvissuti di uscire

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:57

Ocse: Impatto della guerra in Ucraina frena la crescita economica globale"

"La conseguenza più importante della guerra in Ucraina sono le vite che vanno perse e la crisi umanitaria. Ci sono tuttavia numerose e significative implicazioni economiche". A scriverlo è l'Ocse, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, in uno studio che analizza l'impatto della guerra in Ucraina. Se il conflitto dovesse continuare ancora a lungo, scrivono gli esperti, la crescita globale vedrebbe un freno e pressioni inflative significativamente più forti. L'Ocse parla di una riduzione "di oltre 1 punto percentuale" del Pil, e per l'inflazione globale "di quasi 2,5 punti percentuali nel primo anno pieno dall'inizio del conflitto".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:50

L'Unesco invierà giubbotti antiproiettile ai giornalisti ucraini

L'Unesco invierà giubbotti antiproiettile ai giornalisti ucraini. Giovedì l'agenzia culturale delle Nazioni Unite ha dichiarato che stava inviando giubbotti antiproiettile ed elmetti in Ucraina per aiutare a proteggere i giornalisti ucraini, molti dei quali sono passati dalla copertura di notizie locali a diventare improvvisamente corrispondenti di guerra. Almeno quattro giornalisti, tra cui un ucraino, sono stati uccisi mentre seguivano i combattimenti da quando la Russia ha iniziato la sua invasione il mese scorso. "Ogni giorno, giornalisti e operatori dei media stanno rischiando la vita in Ucraina per fornire informazioni salvavita alle popolazioni locali e informarci sulla realtà di questa guerra", ha affermato Audrey Azoulay, direttore generale dell'agenzia.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:43

Mosca paga 117 milioni di dollari di interessi del debito: "Abbiamo tutti i mezzi per evitare default"

Il ministero delle Finanze russo ha assicurato di aver eseguito l'ordine per il pagamento di 117 milioni di dollari di interessi su due cedole eurobond, e ha annunciato che aggiornerà il mercato separatamente in merito al deposito sul conto dell'intermediario Citibank.  Le sanzioni internazionali imposte dopo l'invasione dell'Ucraina hanno bloccato gran parte delle riserve valutarie del Paese, che normalmente sarebbero utilizzate per onorare tali debiti e si teme un default. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha assicurato: "Fin dall'inizio abbiamo detto che la Russia ha tutti i fondi necessari e potenziali per evitare di arrivare ad una situazione di default. Attualmente non ci possono essere default perché la Russia ha i fondi necessari".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:37

Kiev: "La città di Volnovakha non esiste più, ci servono aerei e carri armati"

La città di "Volnovakha esiste ormai solo sulla cartina, perché in realtà Volnovakha non esiste più, non è rimasto più nemmeno un edificio". Lo ha detto il ministro della Difesa ucraina, Oleksii Reznikov, in collegamento con le commissioni Esteri e Difesa del parlamento europeo, parlando della città dell'est, nell'Oblast di Donetsk. "Sono molto grato per il fatto che molto rapidamente avete preso decisioni su un aiuto militare alle nostre forze militari con 500 milioni di euro dal Fondo per la pace. Ma abbiamo bisogno ancora di armi occidentali e ogni altro mezzo per lottare contro i russi" ha aggiunto il ministro della Difesa ucraino. "Siamo pronti ad utilizzare molto rapidamente questo sostegno finanziario. Con il vostro aiuto possiamo acquisire gli aerei e i carri armati necessari e tutta quell'infrastruttura di cui abbiamo urgentemente bisogno. Ci servono anticarro, anti-aerei ed elicotteri", ha aggiunto Reznikov.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:30

Mosca rigetta la richiesta della Corte internazionale di giustizia dell’Aja: non sospenderà l'offensiva

Il Cremlino rigetta la richiesta della Corte internazionale di giustizia Onu dell’Aja di sospendere l’operazione militare in Ucraina. Lo ha affermato l'addetto stampa del presidente Vladimir Putin, Dmitry Peskov. "Non possiamo tenere conto di questa decisione. La Corte Internazionale di Giustizia deve avere il consenso delle parti. Non ci può essere accordo su questo. E' qualcosa che non possiamo tenere in considerazione" ha dichiarato Peskov

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:19

Russi rimuovono bandiera ucraina a Kherson e avviano comitato con filo russi per governare la città

Oggi è stata rimossa dai militari russi, la bandiera dell'Ucraina "dall'edificio dell'amministrazione regionale" a Kherson, città ucraina occupata.  I russi hanno anche costituito un comitato per governare la città. Si chiama "comitato di salvezza per la pace e l'ordine" e ne fanno parte politici e personaggi locali filo-russi che governeranno la città di quasi 300.000 abitanti in questa fase di guerra. La notizia è stata riportata da media locali. A creare il comitato sono stati i rappresentanti dell'esercito russo che occupa la città dall'inizio di marzo.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:13

Cremlino: "Negoziati proseguono anche oggi". Kiev: "nessun risultato"

Proseguirono anche oggi le trattative e i negoziati tra Russia e Ucraina per un cessate il fuoco. Lo rende noto il Cremlino.  Da giorni le due delegazioni si incontrano via video dopo i primi incontri faccia  faccia in Bielorussia. "Il negoziato tra Russia e Ucraina dovrebbe proseguire anche oggi, la delegazione russa è pronta 24 su 24, Kiev non è così entusiasta", ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Oggi i negoziati sono a livello tecnico, sono coinvolti giuristi, politici. Non voglio entrare in ulteriori dettagli ma vi posso assicurare che per il momento non c'è ancora nulla di cui ritenersi soddisfatti" ha dichiarato invece il ministro della Difesa ucraina, Oleksii Reznikov, aggiungendo: "Noi prima di tutto nel corso dei negoziati affrontiamo la questione del cessate il fuoco e dei corridoi umanitari. E solo in un secondo momento sarà
possibile forse lavorare ai termini della pace, ma il popolo ucraino non accetterà di capitolare.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
11:02

Londra: "Teatro bombardato da jet a Mariupol è crimine di guerra"

Quanto accaduto nel teatro di Mariupol, in Ucraina, "sembra essere stato un attacco deliberato contro un obiettivo civile" frutto di un bombardamento aereo russo. Lo sostiene il governo britannico di Boris Johnson per bocca di James Cleverly, numero 2 del Foreign Office, intervistato da vari notiziari del mattino a nome dell'esecutivo. Secondo Londra, si tratta dunque di "un'evidente violazione del diritto internazionale", come ha aggiunto il viceministro a Itv in risposta alla domanda se si potesse già evocare un crimine di guerra. Mosca ha ieri attribuito invece il raid alla milizia ultranazionalista ucraina del battaglione Azov

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
10:53

Ucraina: 53 civili uccisi a Chernihiv nelle ultime 24 ore

Sono Cinquantatré i civili  che sono stati uccisi nelle ultime 24 ore nei bombardamenti russi a Chernihiv, nel nord dell'Ucraina, vicino al confine bielorusso. Lo ha riferito Viacheslav Chaus, capo dell'amministrazione regionale di Chernihiv in una dichiarazione pubblicata su Facebook citato da Ukrinform. "Nelle ultime 24 ore, 53 corpi di persone civili uccise dai russi sono stati portati all'obitorio", ha detto.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
10:47

Telefonata tra Di Maio e ministro ucraino Kuleba

Il nostro ministro degli esteri Luigi Di Maio ha sentito telefonicamente oggi il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba per discutere della situazione in Ucraina. "Ho sentito il collega Dmytro Kuleba. Ho ribadito che l'Italia sostiene il popolo ucraino. La Resistenza ucraina è la resistenza europea, un argine all' avanzata violenta e pericolosa dell'esercito russo. Massimo sforzo per ritrovare la pace e fermare l'atroce guerra che sta causando sofferenza e morte". Lo scrive su Twitter il titolare della Farnesina Luigi Di Maio, al termine della telefonata con il ministro degli Esteri Ucraino.  "Se l'Ucraina avrà una quantità sufficiente di armi per difendersi, se la pressione delle sanzioni continuerà, la Russia farà serie concessioni. Armi e sanzioni, e il resto lo farà l' Ucraina" ha dichiarato nelle scorse ore Kuleba. Riguardo ai negoziati in corso, ha aggiunto, "la posizione della Russia diventa diversa, ma non posso definirlo un cambiamento radicale o un serio cambiamento nella posizione. Ma date le circostanze, ogni cambiamento nella posizione russa è costruttivo. Ma devo essere chiaro, entrambe le delegazioni, quella russa e quella ucraina, sono lontane dal raggiungere un accordo sulla situazione attuale".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
10:41

Stoltenberg (Nato): "Nessuna no-fly zone ma diamo più armi a Kiev e ci rafforziamo a Est"

"Sosteniamo gli sforzi per la pace, i negoziati tra Ucraina e Russia, non abbiamo intenzione di dispiegare truppe Nato in Ucraina perché la Nato non è parte del conflitto ma l'Ucraina è una nazione sovrana e indipendente, con un governo eletto democraticamente e ha il diritto di autodifendersi. Noi aiutiamo l’Ucraina nel difendere il suo diritto.  Forniamo sistemi di difesa antiaerea e antimissile, ma una no-fly zone implica attaccare o abbattere aerei russi, perché la no-fly zone non è qualcosa che si dichiara ma che si impone e questo porterebbe a una guerra tra Nato e Russia con ancora maggiore distruzione" lo ha spiegato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, rispondendo alle domande del Corriere della Sera

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
10:32

"Mariupol come Leningrado nella seconda guerra mondiale", il video del discorso di Zelensky dopo il bombardamento

"Mariupol come Leningrado nella seconda guerra mondiale", lo ha dichiarato nel suo  discorso Zelensky dopo l'ennesimo bombardamento a Mariupol. Dopo aver parlato al Congresso USA, il presidente ucraino ha parlato al suo popolo riferendo al bombardamento sul teatro pieno di civili a Mariupol.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
10:26

Ucraina e Russia hanno concordato 9 corridoi umanitari, anche da Mariupol

Ucraina e Russia hanno concordato nove corridoi umanitari a partire da oggi 17 marzo. Lo ha annunciato il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk. Si prevede che il corridoio da Mariupol a Zaporozhye usato ieri continui a funzionare.  Nella regione di Kiev, le persone potranno lasciare gli insediamenti di Borodyanka e Shevchenkove e cibo e medicine saranno consegnati a Gostomel e Bucha, che erano stati precedentemente bombardate. Gli aiuti umanitari saranno consegnati da Kharkiv al centro regionale di Volchansk.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
10:19

L’europarlametnare Castaldo: “Putin è isolato, sanzioni alla Russia tra le più dure di sempre”

“Vladimir Putin sperava in un’azione disgregata e disarticolata dell’Europa, di vedere un contraddittorio molto violento. Invece la risposta sanzionatoria è stata probabilmente la più dura di sempre”: lo ha detto l’europarlamentare Fabio Massimo Castaldo in un’intervista con Fanpage.it.

 
A cura di Antonio Palma
17 Marzo
10:00

Ucraina, Teatro Mariupol bombardato, deputato Kiev: "Bunker ha tenuto, la gente esce fuori viva"

Il rifugio anti-aereo che sarebbe stato collocato presso il teatro di Mariupol colpito ieri avrebbe resistito e rifugiati dall'interno starebbero uscendo vivi facendosi largo tra le macerie dell'edificio. Lo ha rivelato  oggi il parlamentare ucraino Sergiy Taruta con un post su Facebook. "Dopo una notte di incertezza, al mattino del 22esimo giorno di guerra finalmente una buona notizia da Mariupol: il bunker ha tenuto, la gente esce fuori viva", ha scritto Taruta. Ieri le autorità ucraine hanno accusato la Russia di aver attaccato un teatro al centro di Mariupol, nel quale si erano rifugiate oltre mille persone. Mosca ha negato di aver bombardato la struttura e ha accusato invece il reggimento Azov ucraino. Un funzionario dell'ufficio del sindaco di Mariupol ha conferma la presenza di superstiti  ma le autorità locali non sono ancora in grado di riferire il numero esatto delle vittime, né dei sopravvissuti.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
09:53

Bonino: "Giusto inviare missili a Kiev per difesa"

"Gli ucraini hanno il diritto di difendersi e noi abbiamo il dovere di fornire loro i mezzi per farlo", la senatrice Emma Bonino, ex ministra degli Esteri, non ha dubbi sul sostegno da dare a Kiev contro l'invasione russa, ma è contraria all' istituzione di una no-fly zone sui cieli ucraini. "Un'operazione di no-fly zone implicherebbe un coinvolgimento diretto nel conflitto. È dura dire di no, ma è ragionevole – dichiara intervistata dal Corriere -. Anche per questo penso sia giusto fornire missili antiaerei" agli ucraini. Anzi, è "doveroso" farlo, rimarca. Lo scenario cambierebbe con un attacco diretto a un Paese Nato, che "porterebbe altri Paesi, a partire dagli Usa, a intervenire in sua difesa", ricorda l'ex numero uno della Farnesina. L'Alleanza atlantica non ha alcuna responsabilità in questo conflitto, ne è certa Bonino. "I nuovi Paesi dell'alleanza non hanno mai rappresentato una reale minaccia per la Russia". "Putin usa la Nato, una sua ossessione, come alibi". E aggiunge: "Quello che lui proprio non può tollerare è che ci sia un' Ucraina libera e democratica". Secondo la sua analisi, "Putin vorrebbe tornare a un passato che non tornerà". Con i se e con i ma non si fa la storia, premette Bonino, ma "la reazione all'annessione della Crimea e all'occupazione del Donbass del 2014 avrebbe dovuto essere più intransigente. Invece ci si è voluti illudere che Putin si sarebbe fermato".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
09:48

Kiev: "A Mariupol si stimano 20.000 morti, prezzo altissimo per aver scelto l'Ue"

"Mariupol prima era una città di 400.000 mila persone, da tre settimane è in condizioni di sopravvivenza senza acqua, corrente elettrica. Viene colpita da missili in continuazione, anche i convogli umanitari vengono bombardati. Si stima che le perdite civili siano 20 mila. Ieri è stato bombardato il teatro della città dove si rifugiavano 1200 donne e bambini. C'erano segnali che all'interno c'erano i bambini, ma il mostro ha colpito lo stesso". Lo ha detto il ministro della Difesa ucraina, Oleksii Reznikov, in collegamento con le commissioni Esteri e Difesa del parlamento europeo. "Da otto anni gli ucraini hanno dovuto operare una scelta di civiltà  in merito alla loro politica estera, andando verso l'Unione europea. Oggi con le armi in mano continuiamo sulla strada di questa scelta. E' una scelta che ha un prezzo senza precedenti, un prezzo elevatissimo, che noi paghiamo ogni giorno". ha aggiunto Reznikov, intervenendo all'audizione. "Noi non vediamo nessuna alternativa, nessun'altra opzione. Solo una scelta di civiltà e democrazia e rispetto dei diritti umani. La tirannia è assolutamente inaccettabile per noi", ha concluso.

“Non è rimasto un solo edificio integro a Mariupol, nella regione di Donetsk, o è distrutto o è danneggiato. Credo che l’80-90% sia stato bombardato”. ha affermato il vicesindaco della città Sergei Orlov in un’intervista a Forbes Ucraina. “Le infrastrutture sono quasi inesistenti e i residenti soffrono per la mancanza d’acqua, hanno sciolto la neve, raccolta nelle pozzanghere e scaricata dalle batterie” ha ribadito Orlov ricordando la necessità di un corridoio umanitario e di un’evacuazione.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
09:41

Zelensky al Bundestag: “A ogni bomba si fa più forte il muro con l'Europa”

"Si alza un muro sempre più forte fra l’Ucraina e l’Europa. Questo muro è più forte, con ogni bomba che cade in Ucraina, con ogni decisione che non viene presa nonostante il fatto che voi potreste aiutarci" sono le dure parole del presidente ucraino Volodymyr Zelensky parlando al Bundestag tedesco. “Abbiamo sempre detto che Nord Stream 2 fosse un’arma e abbiamo sentito rispondere che fosse economia, economia, economia. Anche adesso esitate sull’ingresso dell’Ucraina nell’Europa. È un’altra pietra per il muro”, ha aggiunto nel suo discorso. “Abbiamo percepito resistenza, percepiamo che volete economia, economia economia”, ha aggiunto Zelensky

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
09:27

Medvedev: "Russia lotta contro nazismo, metteremo tutti nostri nemici al loro posto"

"La Russia continua a lottare per un ordine mondiale libero dal nazismo e dal genocidio". Lo ha detto Dmitrij Anatol'evič Medvedev, ex presidente della Russia e attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo "La Russia ha la forza di mettere al loro posto i nemici guidati dagli Stati Uniti e Mosca sventerà il complotto russofobo dell'Occidente per fare a pezzi la Russia" ha detto giovedì Medvedev aggiungendo che gli Stati Uniti hanno alimentato la "disgustosa" russofobia nel tentativo di costringere la Russia in ginocchio e poi farla a pezzi. "Non funzionerà: la Russia ha la forza di mettere tutti i nostri sfacciati nemici al loro posto", ha assicurato il più stretto alleato del presidente Vladimir Putin

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
09:21

Mattarella: “Solidarietà verso ucraini è dovere, impegno per stop ai combattimenti”

"La indivisibilità della condizione umana ci deve spingere oggi, con fermezza, insieme agli altri paesi che condividono i valori democratici, ad arginare e a battere le ragioni della guerra aperta dalla Federazione Russa al centro dell'Europa". Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un messaggio per il 161° anniversario del raggiungimento dell'unità d'Italia, prende posizione ancora una volta contro la guerra scoppiata in Ucraina, ormai tre settimane fa e chiede a italiani ed europei di non sottrarsi davanti alla responsabilità nei confronti del popolo ucraino. "Italiani ed europei siamo chiamati alla solidarietà e all'aiuto nei confronti delle popolazioni terribilmente colpite, e all'impegno perché si fermino i combattimenti, si ritirino le forze di occupazione e venga ripristinato il diritto internazionale" ha affermato il capo dello Stato.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
09:14

L'arma aerea economica ma letale degli ucraini che ha sorpreso i russi, i droni turchi

Nonostante tre settimane di bombardamenti russi, l'Ucraina sta mantenendo la difesa delle sue città utilizzando droni di fabbricazione turca per effettuare attacchi veloci contro gli invasori con un'efficacia letale che ha sorpreso gli esperti militari russi e occidentali. Mosca infatti n è riuscita prendere il controllo completo dei cieli grazie a questa arma aerea economica ma letale degli ucraini. I veicoli aerei senza pilota Bayraktar TB2, che trasportano bombe leggere a guida laser, normalmente eccellono nei conflitti a bassa tecnologia e la Turchia li ha venduti a più di una dozzina di paesi. Con il dispiegamento di maggiori difese aeree la loro libertà di azione si è ridotta ma si stano rivelando ancora fondamentali per attaccare le linee di rifornimento russe

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
09:04

Zelensky chiede aiuti militari ed economici: parla con Erdogan, Trudeau e al parlamento tedesco

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy
Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy

Continua la campagna di comunicazione in cerca di aiuto militare e politico da parte del presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky. In un video messaggio, citato da Interfax, ha reso noto di avere "parlato con gli amici dell'Ucraina: il presidente della Turchia Erdogan e il primo ministro del Canada Justin Trudeau" mentre oggi inviare un altro messaggio al parlamento tedesco. "Li ho ringraziati per il sostegno. Oggi mi rivolgerò al Parlamento tedesco. Continuerò a spingere per un sostegno ancora maggiore all'Ucraina", ha sottolineato Zelensky. Secondo quanto riferisce il quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung", Zelensky chiederà alla Germania maggiori aiuti economici e militari per il proprio Paese invaso dalla Russia.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
08:52

Per Gran Bretagna l'invasione russa in Ucraina ha subito uno stop con pesanti perdite per russi

Il ministero della Difesa britannico ha pubblicato il suo ultimo rapporto di intelligence, sostenendo che l' invasione russa dell'Ucraina si è "in gran parte bloccata su tutti i fronti". L'invasione russa dell'Ucraina "si è ampiamente bloccata su tutti i fronti" con "le forze russe che hanno fatto progressi minimi sul terreno, nel mare e nello spazio aereo negli ultimi giorni, continuando a registrare pesanti perdite": così l'intelligence britannica nel suo ultimo aggiornamento sulla guerra in Ucraina. "La resistenza ucraina è ancora solida e ben coordinata", prosegue la Defence Intelligence evidenziando che "la maggior parte del territorio ucraino, comprese tutte le grandi città, resta sotto il controllo ucraino".  Il ministero della Difesa britannico ha pubblicato il suo ultimo rapporto di intelligence, sostenendo che l' invasione russa dell'Ucraina si è "in gran parte bloccata su tutti i fronti".

L' esercito ucraino ha anche pubblicato il suo rapporto operativo mattutino , sostenendo che la Russia non è riuscita a portare a termine le sue operazioni di terra e continua a lanciare attacchi missilistici contro le città ucraine. Funzionari hanno affermato che le truppe russe stanno lanciando attacchi informatici e distruggendo segnali TV e radio per screditare la leadership ucraina. Nelle ultime 24 ore, la difesa aerea delle forze armate ucraine ha distrutto 10 bersagli aerei nemici. Lo riferisce il centro stampa dello Stato maggiore delle Forze armate, come riferisce l'agenzia di stampa ucraina Unian. "Ieri 10 bersagli aerei nemici sono stati distrutti: due cacciabombardieri Su-34, tre caccia Su-34SM, tre elicotteri e un drone di livello operativo-tattico", si legge nella nota.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
08:42

Più di tre milioni di persone sono fuggite dall'Ucraina

L'esodo dei profughi in fuga dall'Ucraina continua e la maggior parte cerca rifugio nella vicina Polonia arrivando al confine in treno o in autobus. Secondo le stime delle Nazioni Unite , più di tre milioni di persone sono fuggite dall'Ucraina da quando la Russia ha invaso il Paese. Il popolo ucraino ha un disperato bisogno di pace e le persone in tutto il mondo la richiedono. La Russia deve fermare la guerra in questo momento", ha twittato Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. L' Ungheria intanto ha fatto sapere di aspettarsi una "più grande ondata" di rifugiati dall'Ucraina la prossima settimana, lo ha affermato il primo ministro Viktor Orban in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook.  Orban ha detto che saranno inviate sul posto altre guardie di frontiera per gestire un numero maggiore di rifugiati.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
08:34

In che condizioni è l’esercito russo dopo 22 giorni di guerra

Secondo le analisi degli esperti statunitensi e inglesi, e del think tank dell’Institute for the Study of War, le forze armate russe starebbero incontrando non poche difficoltà e subendo importanti perdite. L'invasione russa dell'Ucraina "si è ampiamente bloccata su tutti i fronti" con "le forze russe che hanno fatto progressi minimi sul terreno, nel mare e nello spazio aereo negli ultimi giorni, continuando a registrare pesanti perdite": cosi' l'intelligence britannica nel suo ultimo aggiornamento sulla guerra in Ucraina. "La resistenza ucraina è ancora solida e ben coordinata", prosegue la Defence Intelligence evidenziando che "la maggior parte del territorio ucraino, comprese tutte le grandi città, resta sotto il controllo ucraino". In che condizioni è l’esercito russo dopo 22 giorni di guerra

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
08:27

Il Giappone segnala navi da guerra russe cariche di truppe e mezzi 

Il ministero della Difesa giapponese afferma di aver individuato 4 navi da guerra russe cariche di truppe e mezzi che probabilmente erano dirette in Ucraina. "Quattro navi da guerra russe sono passate attraverso lo stretto di Tsugaru nel nord-est del Giappone tra martedì e mercoledì, probabilmente trasportando truppe e veicoli da combattimento in Ucraina" ha affermato mercoledì il ministero della Difesa giapponese. "Il ministero della Difesa giapponese continuerà a monitorare la situazione e i movimenti dell'esercito russo con un alto senso di cautela", ha affermato il ministero sul suo account Twitter ufficiale. Secondo il Ministero della Difesa britannico,  a causa delle pesanti perdite subite in Ucraina, la Russia stava ridistribuendo forze da "il suo distretto militare orientale, la flotta del Pacifico e l'Armenia".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
08:19

Russi usano lacrimogeni sui manifestanti ucraini a Skadovsk

Le forze russe hanno lanciato gas lacrimogeni contro manifestanti ucraini nella città occupata di Skadovsk, mentre un nutrito gruppo di persone protestava contro la detenzione del sindaco e di altri due funzionari locali. I militari russi hanno arrestato ieri mattina il sindaco Alexander Yakolev, il suo vice Alexander Grischenko e il segretario del consiglio comunale Yuri Palyukha. Decine di residenti della città portuale sul Mar Nero si sono poi radunati intorno a mezzogiorno fuori dal palazzo del governo, dove erano detenuti i tre funzionari. Secondo un video dell'incidente, le truppe russe hanno sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti ch protestavano pacificamente. Yakolev è stato poi rilasciato, secondo un video pubblicato su Telegram, ma non si conosce il destino del suo vice e del segretario del consiglio comunale.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
08:08

Zelensky: terza guerra mondiale potrebbe essere già iniziata

"La terza guerra mondiale potrebbe essere già iniziata" lo ha detto Volodymyr Zelensky, rispondendo a una domanda della Nbc. Alla domanda sul rischio di una potenziale terza guerra mondiale, il presidente ucraino infatti ha risposto :"Beh, nessuno lo sa, potrebbe essere già iniziata. L'abbiamo visto ottant'anni fa, quando è iniziata la seconda guerra mondiale", ha detto Zelensky, "nessuno sarebbe in grado di prevedere quando inizierà la guerra su vasta scala … in questo caso, abbiamo in gioco l'intera civiltà” ha aggiunto. "I negoziati tra l'Ucraina e la Russia sono abbastanza difficili" ha detto poi Zelensky nella stessa intervista con il canale televisivo americano. "I negoziati sono ancora in corso e sono abbastanza difficili", ha sottolineato il presidente ucraino e ha osservato che "qualsiasi guerra potrebbe essere finita al tavolo dei negoziati". Allo stesso tempo, non ha commentato le informazioni apparse in precedenza nei media sulle presunte condizioni di un possibile accordo tra le parti.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
07:59

Bombardata la città di Merefa: "Vittime tra militari ucraini"

La Russia ha attaccato nella notte la città di Merefa nell'Oblast' di Kharkiv, nella parte orientale dell'Ucraina. Gli amministratori locali hanno riferito che ci sono vittime tra i militari ucraini. Lo riporta The Kyiv Independent spiegando che "Merefa, che ospita 21.500 residenti, è stata colpita da un attacco aereo alle 3:30 del mattino del 17 marzo. A seguito dell'attacco, una scuola locale è stata danneggiata e un centro comunitario locale distrutto".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
07:53

Cremlino, inaccettabili parole di Biden su Putin "criminale di guerra"

Le parole del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha definito l'omologo russo Vladimir Putin un "criminale di guerra", rappresentano una retorica inaccettabile e imperdonabile. Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov, intervistato dall'agenzia di stampa "Tass", ricordando che le bombe statunitensi "hanno ucciso centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo". Ieri sera Biden, in risposta ad una domanda in merito, ha affermato di considerare Putin un "criminale di guerra".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
07:45

Sindaco Melitopol rilasciato dopo aver rifiutato di collaborare con i russi

Il sindaco della città ucraina di Melitopol, Ivan Fedorov, precedentemente catturato dalle truppe russe, è stato liberato dalla prigionia dopo essersi rifiutato di collaborare con l'esercito di Mosca. Lo ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in un videomessaggio pubblicato ieri sera. "Siamo finalmente riusciti a liberare dalla prigionia il sindaco di Melitopol. Ivan Fedorov è  libero. Gli ho parlato oggi", ha dichiarato Zelensky. Il capo dello Stato ha spiegato che il sindaco di Melitopol era stato rapito l'11 marzo dall'esercito russo, con l'intenzione di convincerlo a collaborare. "Ma il nostro uomo ha resistito, non si è arreso. Proprio come tutti noi", ha sottolineato Zelensky.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
07:34

Putin contro i russi filo-occidentali: "Traditori che non possono vivere senza ostriche"

"L'Occidente proverà a fare affidamento sulla cosiddetta quinta colonna, sui traditori nazionali, su chi guadagna qua con noi ma vive lì. E intendo ‘vivere lì' non nel senso geografico della parola, ma secondo i loro pensieri, la loro coscienza servile", lo ha detto Putin in un messaggio video alla nazione accusando i russi filo-occidentali che si son schierati contro la guerra in Ucraina. Queste persone "non possono vivere senza ostriche e libertà di genere", ha aggiunto il leader russo. "L'Occidente con le sanzioni vuole dividere la società russa e distruggerci. Il popolo russo sarà sempre in grado di distinguere i veri patrioti dalla feccia e dai traditori e sputare questi ultimi come moscerini finiti accidentalmente nella bocca. Sono convinto che questa naturale e necessaria autopurificazione della società potrà solo rafforzare il nostro paese" ha affermato ancora il presidente Vladimir Putin nel messaggio televisivo.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
07:25

Oggi riunione di emergenza del consiglio di sicurezza dell'Onu sulla crisi in Ucraina

Una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite si terrà oggi per valutare e rispondere all'escalation nella crisi umanitaria in ucraina. La riunione è stata chiesta da Stati uniti, Regno unito, Francia, Irlanda, Norvegia e Albania. Secondo fonti diplomatiche la richiesta è arrivata dopo l'intensificarsi dei bombardamenti contro i civili. Sono in corso trattative per organizzare un discorso del presidente ucraino Volodymyr Zelensky all'Assemblea generale dell'Onu.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
07:11

Mercantile panamense affondato da russi nel Mar Nero

Una nave mercantile battente bandiera panamense è stata affondata dal lancio di missili russi nel Mar Nero e altre due sono state danneggiate,  lo ha annunciato mercoledì l'amministratore dell'Autorità marittima di Panama, Noriel Arauz. Gli equipaggi sono sani e salvi. "Sappiamo che tre navi con bandiera panamense sono state vittime di attacchi missilistici russi", ha detto Arauz ai giornalisti. Una di queste navi "è affondata e due restano a galla ma hanno subito danni ingenti", ha aggiunto. "La Marina russa" vieta a 200-300 navi di diverse nazioni di "lasciare il Mar Nero", ha denunciato l'amministratore dell'Autorità marittima panamense. Una dozzina di navi battenti bandiera panamense, dedicate in particolare al trasporto di cereali, e circa 150 membri dell'equipaggio di queste navi, sono bloccate. Il 25 febbraio, dopo un primo attacco contro una nave battente bandiera panamense, le autorità del Paese centroamericano hanno chiesto "urgentemente" di evitare di navigare nelle acque ucraine e russe nel Mar Nero e nel Mar d'Azov. "Le navi panamensi nei porti ucraini o in transito nell'area devono osservare un'estrema vigilanza e aumentare le condizioni di sicurezza a bordo per proteggere imbarcazione ed equipaggio", ha avvertito l'Autorità panamense.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
07:02

Ambasciatore Cina a Kiev: "L'Ucraina Paese amico, lo sosterremo economicamente"

La Cina "non attaccherà mai l'Ucraina" ma la sosterrà "economicamente" e politicamente. Lo ha detto l'ambasciatore cinese in Ucraina Fan Xianrong nel corso di un incontro con l'amministrazione militare di Leopoli, scrive Ukrinform. "In questa situazione, in cui vi trovate, agiremo responsabilmente. Abbiamo visto quanto sia grande l'unità del popolo ucraino che è la sua forza", ha detto il diplomatico. Xianrong ha aggiunto che la Cina "è un Paese amico per gli ucraini", "sarà sempre una forza positiva per l'Ucraina sia economicamente che politicamente" e "rispetteremo sempre il vostro stato" e "la strada scelta dagli ucraini perché è il diritto di sovranità di ogni nazione"

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
06:54

Missili su un palazzo a Kiev, almeno un morto e tre feriti

Una persona è stata uccisa da un attacco missilistico russo a Kiev questa mattina, lo riferiscono i servizi di emergenza ucraini. I resti di un missile da crociera russo abbattuto dalla contraerea ucraina hanno colpito un edificio residenziale nel distretto di Darnytskyi. Il fatto è avvenuto intorno alle ore 5:00 di oggi ora locale. Il bilancio – secondo quanto riferito dal Servizio di emergenza statale ucraino – è di un morto e tre feriti. Trenta persone inoltre sono state evacuate. "All'arrivo, i soccorritori hanno scoperto che, a seguito di un missile danneggiato, il 16° piano dell'edificio è stato distrutto e gli appartamenti son andati in fiamme" spiegano i soccorritori.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
06:46

Londra: "La Russia usa armi vecchie e meno precise che causano molte vittime civili"

"Dati i ritardi nel raggiungimento dei loro obiettivi e il mancato controllo dello spazio aereo ucraino, la Russia ha probabilmente speso molte più armi a lungo raggio di quanto originariamente previsto. Di conseguenza, è probabile che la Russia stia ricorrendo all'uso di armi più vecchie e meno precise, che sono meno efficaci dal punto di vista militare e che hanno maggiori probabilità di provocare vittime civili", Lo afferma l'intelligence britannica nel suo ultimo rapporto sulla guerra in Ucraina. "Gli ultimi rapporti delle Nazioni Unite indicano che 1.900 vittime civili, inclusi 726 morti. È probabile che la cifra reale delle vittime sia significativamente maggiore e continuerà a crescere finché il conflitto continuerà" aggiungono da Londra

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
06:36

Zelensky: "Il Mondo deve riconoscere che la Russia è stato terrorista"

"Il mondo deve riconoscere ufficialmente che la Russia è diventata uno stato terrorista". Lo ha detto nel suo discorso video notturno il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ribadendo la sua richiesta di maggiori sanzioni contro Mosca, più armi per l'Ucraina e l'istituzione della no-fly zone. "Le priorità nei negoziati che il governo ucraino sta tenendo con la Russia "sono assolutamente chiare: fine della guerra, garanzie di sicurezza, sovranità, ripristino dell'integrità territoriale, garanzie reali per il nostro Paese, protezione reale per il nostro Paese" ha aggiunto il presidente dell'Ucraina, che poi si è rivolto ai soldati russi invitandoli a desistere. "La guerra in Ucraina per i russi rischia di essere peggio di quelle in Cecenia e in Afghanistan. C'è ancora un'opportunità, c'è per ogni soldato inviato nel territorio del nostro paese, che non è stato ucciso, ferito o catturato. L'esercito russo sta subendo perdite che non ha visto in Siria o in Cecenia; che le truppe sovietiche non hanno avuto in Afghanistan. Se la vostra guerra, la guerra contro il popolo ucraino, continuerà, le madri russe perderanno più figli che nelle guerre afghane e cecene complessivamente. Ogni soldato russo che depone le armi avrà la possibilità di sopravvivere. Mi rivolgo ai soldati di leva, che sono stati gettati in questa guerra – non la loro guerra – e agli altri soldati che hanno ancora un istinto di autoconservazione. Fermatevi. E' meglio che morire sul campo di battaglia nella nostra terra". "Dall'inizio dell'invasione , 103 bambini sono stati uccisi", ha spiegato il presidente ucraino nel video. Le truppe russe, ha sostenuto, hanno causato "centinaia di volte più danni" in Ucraina che nel Donbass in otto anni di guerra.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
06:28

Kuleba: "Siamo lontani da un accordo, servono armi e sanzioni"

"Siamo lontani da un accordo. Se l'Ucraina avrà una quantità sufficiente di armi per difendersi, se la pressione delle sanzioni continuerà, la Russia farà serie concessioni. Armi e sanzioni, e il resto lo farà l'Ucraina". Lo ha affermato il ministro degli esteri ucraino, Dmytro Kuleba, in un'intervista alla Cnn. Riguardo ai negoziati in corso, ha aggiunto, "la posizione della Russia diventa diversa, ma non potrei definirlo un cambiamento radicale o un cambiamento serio nella posizione. Ma date le circostanze, ogni cambiamento nella posizione russa è costruttivo. Ma devo essere chiaro, entrambe le delegazioni, quella russa e quella ucraina, sono lontane dal raggiungere un accordo sulla situazione attuale".

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
06:21

Usa, oltre 7.000 soldati russi morti e 14.000 feriti in Ucraina

Sono almeno 7.000 i soldati russi morti in 21 giorni di guerra in Ucraina. La stima – riportata dal New York Times – è stata elaborata da fonti Usa. I soldati russi rimasti feriti nei combattimenti sarebbero invece oltre 14.000, molti dei quali sono già stati rimpatriati passando dalle basi in Bielorussia. Il quotidiano ha avuto accesso ai dati delle agenzie di intelligence statunitensi, che considerano prudenziale la cifra. Inoltre, le forze armate russe hanno perso almeno tre generali sul campo di battaglia, secondo quanto riferito al quotidiano funzionari russi, ucraini e della Nato.  Attualmente, più di 150.000 militari russi stanno partecipando alla guerra in Ucraina.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
06:11

Bombe sul teatro di Mariupol, secondo Human Rights Watch c'erano 500 civili

"Finché non ne sapremo di più, non possiamo escludere la possibilità di un obiettivo militare ucraino nell'area del teatro, ma sappiamo che il teatro ospitava almeno 500 civili". Lo ha dichiarato Belkis Wille, referente di Human Rights Watch, in merito al bombardamento del teatro di Mariupol. Maxar Technologies, una società privata statunitense, ha distribuito immagini satellitari raccolte il 14 marzo che mostravano la parola "bambini" in caratteri russi di grandi dimensioni, dipinta per terra fuori dall'edificio. "Ciò solleva serie preoccupazioni su quale fosse l'obiettivo previsto in una città in cui i civili sono già sotto assedio da giorni e le telecomunicazioni, l'elettricità, l'acqua e il riscaldamento sono stati quasi completamente interrotti", ha affermato Belkis Wille, esponente della Ong.

A cura di Antonio Palma
17 Marzo
05:28

Quali sono i prossimi Paesi che Putin potrebbe invadere dopo l'Ucraina

Si tratta di Finlandia e Svezia che pensano all’ingresso nella Nato, mente la Norvegia già ne fa parte. Nel Nord Europa torna il timore di un’estensione del conflitto in Ucraina.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
04:40

Cosa ha detto a Fanpage.it il generale Luca Goretti sulla guerra in Ucraina

“Mai come ora ogni cosa deve essere fatta secondo le regole. Non bisogna mai farsi prendere dalla foga di vedere cosa c’è. Potrebbero esserci tentativi di farci entrare in territorio ucraino e sarebbe la fine”: ecco cosa ha detto a Fanpage.it il generale Luca Goretti, capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, in audizione alle commissioni Difesa.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
03:47

Cosa ha detto il presidente Zelensky al Congresso Usa

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto ieri al Congresso Usa in video collegamento. "Il nostro Paese vive l'11 settembre da tre settimane", ha detto ricordando che "Kiev è vittima dei bombardamenti dei russi tutti i giorni ma noi non molliamo, come tutte le altre città". "Gli Usa dovrebbero sanzionare tutti i politici russi", ha sottolineato Zelensky invitando alle compagnie americane di "lasciare subito la Russia". "Abbiamo bisogno di una no fly-zone", ha chiesto ancora una volta.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
02:59

Come stanno andando i colloqui tra Ucraina e Russia

Russia e Ucraina fanno dei passi avanti nel negoziato che dovrebbe portare alla pace, o quantomeno al cessate il fuoco. Sia Zelensky che Lavrov hanno parlato di trattative più concrete e compromessi possibili. Vediamo quali sono le richieste dei due Paesi e su che base si potrebbe arrivare a un accordo diplomatico.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
02:10

Cosa sta succedendo nell'inferno di Mariupol

Continua l’assedio, ora anche via mare, delle truppe russe a Mariupol dove la situazione è drammatica. La città è distrutta e i civili rimasti, più di 300mila, sono senza cibo né assistenza medica.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
01:39

Cosa ha detto Biden su Putin e sulla guerra in Ucraina

"Vogliamo farla pagare cara a Putin, ha commesso atrocità sconvolgenti in Ucraina”. Lo ha annunciato ieri il presidente americano Joe Biden direttamente dalla Casa Bianca. Gli Stati Uniti concedono all’Ucraina altri 800 milioni di dollari di aiuti militari, che includono aerei, droni, elicotteri ed altri veicoli.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
01:15

La nuova crisi petrolifera potrebbe essere la peggiore della storia

Secondo quanto riportato dall’Agenzia internazionale per l’Energia, stiamo andando incontro a “uno shock globale dell’approvvigionamento petrolifero”. Perché rischiamo la peggior crisi petrolifera di sempre.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
00:32

Come sta procedendo l'avanzata delle truppe di Putin in Ucraina

La mappa aggiornata della situazione in Ucraina al ventunesimo giorno di guerra: bombardato teatro-rifugio a Mariupol. Sotto assedio anche Odessa, mentre a Chernihiv 10 persone avrebbero trovato la morte mentre attendevano il pane.

A cura di Biagio Chiariello
17 Marzo
00:03

Le notizie dell’ultima ora sulla guerra russo ucraina oggi, giovedì 17 marzo 2022

Ieri il presidente Zelensky ha parlato al Congresso Usa: "Viviamo un 11 settembre da tre settimane". Biden gli ha risposto: "Subito aiuti militari". Putin ha replicato che il genocidio è quello compiuto dagli ucraini in Donbass. E sempre il presidente americano ha definito il numero uno del Cremlino un "criminale di guerra", accusandolo delle "atrocità" commesse a Mariupol. Mosca replica: “Parole imperdonabili”

E in quella che è la città martire dell'Ucraina, ieri è stato distrutto un teatro usato come rifugio dai civili. Gli ucraini accusano: "Mosca uccide 10 civili in fila per il pane a Chernihiv", ma i russi smentiscono. Intanto si continua a combattere fuori Kiev, oltre che a Kharkiv e anche sulle coste di Odessa.

Mentre continuano i colloqui per giungere a un possibile accordo, il quotidiano britannico Financial Times ha riferito di una lista di 15 punti su cui si starebbe discutendo. Kiev rifiuta il modello-neutralità in stile Austria e Svezia e chiede garanzie.

A cura di Redazione
2.780 CONDIVISIONI
2689 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni